Mondi

4222 risultati Rss Feed
A Gaza non esiste alcuno stress post-traumatico perché la guerra non finisce mai

A Gaza non esiste alcuno stress post-traumatico perché la guerra non finisce mai

L’attacco di Israele dello scorso anno ha causato ferite ancora aperte, mentre crescono timori di una nuova guerra a causa dell’inasprimento del conflitto a Gerusalemme e nei territori occupati.

1 / 6 / 2022
Dopo aver accompagnato la delegazione di Ya Basta! Êdî Bese! a Gaza, Ahmed Dremly ha pubblicato su Mondoweiss una riflessione sul clima di terrore che stanno vivendo in questi giorni le persone intrappolate nella striscia, alla luce della nuova escalation di violenze e provocazioni che sta subendo la popolazione palestinese. Ringraziamo l’autore per aver acconsentito alla ... »
Dagli elogi a Putin alle “riforme economiche”, viaggio nell’Ungheria di Viktor Orbán

Dagli elogi a Putin alle “riforme economiche”, viaggio nell’Ungheria di Viktor Orbán

31 / 5 / 2022
Con l’inasprirsi della guerra in Ucraina cresce la necessità, da parte dell’Unione Europea, di una politica unitaria sulle sanzioni alla Russia. Nell’ambito dei vari Stati UE, una voce chiaramente fuori dal coro è rappresentata dal governo ungherese. La linea intrapresa da Orbán e dal suo entourage è stata sempre di estrema cautela per quanto riguarda le sanzioni ... »
Elezioni in Colombia: in testa la sinistra di Petro ma la vittoria si allontana...

Elezioni in Colombia: in testa la sinistra di Petro ma la vittoria si allontana...

31 / 5 / 2022
È un sorriso amaro quello di Gustavo Petro subito dopo la pubblicazione dei risultati delle elezioni presidenziali: la sinistra è in testa per la prima volta, ma non ha vinto e ora dovrà attendere l’esito del ballottaggio del prossimo 19 giugno. Il secondo turno era uno scenario prevedibile, ma a complicarlo è il nome del contendente, l’outsider populista Rodolfo ... »
Argentina - Fracking, neocolonialismo e resistenza internazionale

Argentina - Fracking, neocolonialismo e resistenza internazionale

Intervista a Esteban Servat, attivista climatico argentino esiliato in Germania.

30 / 5 / 2022
Durante il meeting internazionale dei movimenti climatici svoltosi al Centro Sociale Rivolta abbiamo incontrato Esteban Servat, attivista climatico argentino esiliato in Germania.In Argentina – ha raccontato l’attivista – esiste uno dei più grandi e pericolosi progetti estrattivisti del continente sudamericano, il progetto di estrazione petrolifera di Vaca Muerta. Come ... »
Road to Palestine, day 6 - Flowers of the desert

Road to Palestine, day 6 - Flowers of the desert

Squeezed in the grip of Hamas and Israel, there is a generation in Gaza that resists, despite everything and everyone.

25 / 5 / 2022
“Fuck Israel, fuck Hamas. I just wanna be free”. Few words would be enough to describe the state of mind of young Palestinians trapped since birth inside the hell of Gaza. Pronouncing them is Rajab, 26, who grew up in one of the strip's poorest neighbourhoods and stayed with us for most of our stay. Among the many hotels on the beach, he points us to one, quite different ... »
Road to Palestine, day 6 - I fiori del deserto

Road to Palestine, day 6 - I fiori del deserto

Stretta nella morsa di Hamas e Israele, a Gaza c’è una generazione che resiste, nonostante tutto e tutti.

25 / 5 / 2022
“Fuck Israel, fuck Hamas. I just wanna be free”. Basterebbero queste poche parole per descrivere lo stato d’animo dei giovani palestinesi intrappolati dalla nascita dentro l’inferno di Gaza. A pronunciarle è Rajab, 26 anni, cresciuto in uno dei quartieri più poveri della striscia e rimasto con noi per gran parte della nostra permanenza. Tra i tanti hotel sulla ... »
Tunisia, 4 mesi per strada: 214 persone rifugiate o richiedenti asilo chiedono il ricollocamento in un Paese sicuro

Tunisia, 4 mesi per strada: 214 persone rifugiate o richiedenti asilo chiedono il ricollocamento in un Paese sicuro

25 / 5 / 2022
Un articolo di Riccardo Biggi, Valentina Lomaglio e Luca Ramello, tratto da Melting Pot Europa. Una nuova rubrica "Rifugiati nel limbo tunisino": uno spazio per raccontare, far conoscere e sostenere la protesta a Tunisi delle persone rifugiate e richiedenti asilo per ottenere il trasferimento per vie legali in un Paese sicuro.Prima parteRue du Lac 1, Tunisi: da più di un ... »
Road to Palestine, day 5 - Hebron's nets

Road to Palestine, day 5 - Hebron's nets

Between check-points, settlers and resistance among the houses of a (ghost?) city

24 / 5 / 2022
The nets are over our heads. "They put them up because the settlers were throwing stones, chairs or garbage at us," says Muhanned of the "Youth Against Settlements" Association. Some of those objects we see even now over the nets. "Once I saw them pouring acid on a Palestinian, they peed on me from up there." Hebron, the main street of the old market. Below, Palestinian ... »
Road to Palestine, day 5 - Le reti di Hebron

Road to Palestine, day 5 - Le reti di Hebron

Tra check-point, coloni e resistenza tra le case di una città (fantasma?)

24 / 5 / 2022
Le reti sono sopra la nostra testa. “Le hanno messe perché i coloni ci tiravano pietre, sedie o rifiuti”, dice Muhanned dell’ Associazione “Youth against settlements”. Alcuni di quegli oggetti li vediamo anche ora sopra le reti. “Una volta li ho visti versare acido su un palestinese, a me da lì sopra han pisciato addosso”. Hebron, la via principale del vecchio ... »
Vladimir Putin e il “nuovo ordine” neoliberale in Russia

Vladimir Putin e il “nuovo ordine” neoliberale in Russia

Intervista a Giorgio Comai, ricercatore dell’Osservatorio Balcani e Caucaso Transeuropa ed esperto di questioni post-sovietiche.

24 / 5 / 2022
Spesso in questi mesi si è parlato della “Russia di Putin”, talvolta in modo superficiale e dando molte cose per scontate. In questa intervista di Tommaso Baldo a Giorgio Comai, ricercatore dell’Osservatorio Balcani e Caucaso Transeuropa ed esperto di questioni post-sovietiche, vengono sviscerate alcune tematiche cruciali sul piano politico ed economico, per comprendere ... »
«   1 2 3 4 5 6 7 8 9   »     Pagina 4 / 423