Donne

39 risultati, sezione: Mondi (vedi tutti) Rss Feed
Erdogan dichiara guerra alle donne

Erdogan dichiara guerra alle donne

È di ieri la notizia che la Turchia si è ritirata dalla Convenzione di Istanbul contro la violenza sulle donne. Sotto attacco anche la comunità lgbtqi+. Il governo prova ulteriormente a silenziare l'Hdp, il Partito Democratico dei Popoli. In atto proteste in tutto il Paese.

21 / 3 / 2021
La Convenzione di Istanbul, promossa dal Consiglio d’Europa e ratificata dal governo turco nel 2011, è il primo strumento internazionale giuridicamente vincolante che crea un quadro giuridico completo per proteggere le donne da qualsiasi forma di violenza.La Convenzione interviene specificamente nell'ambito della violenza domestica - nonché lo stupro coniugale e le ... »
Tunisia, la legge contro la violenza maschile sulle donne:  tra diritto e trasformazione radicale

Tunisia, la legge contro la violenza maschile sulle donne: tra diritto e trasformazione radicale

2 / 9 / 2017
Dopo una settimana di accesi dibattiti in seno al parlamento tunisino, il 26 luglio, il progetto di legge organica n. 2016-60 per il contrasto alle violenze di genere è stato adottato all’unanimità dai 146 deputati presenti. Poco più tardi, l’11 agosto, il Presidente della Repubblica, Béji Caïd Essebsi, ha posto la sua firma al testo: la Tunisia si dota, così, di una ... »
1° Marcia delle donne native per il "buen vivir"

1° Marcia delle donne native per il "buen vivir"

Appello dalla Patagonia argentina

9 / 12 / 2014
Continuano gli incontri e gli appelli in preparazione alla Marcia Nazionale delle Donne dei Popoli Originari dell'Argentina, anche durante la tournée argentina degli Ska-P, da anni particolarmente sensibili alla problematica del popolo Mapuche, un appello per iniziativa di una delle organizzatrici, la portavoce mapuche Moira Millan.Per la prima volta nella storia di questo ... »
Kurdistan - Il prezzo di una donna al mercato del terrore

Kurdistan - Il prezzo di una donna al mercato del terrore

Un’intervista shock ad una giovane yazida rapita dai terroristi dello Stato islamico. Lei è riuscita a fuggire, le altre donne della sua famiglia sono rimaste prigioniere degli jihadisti.

27 / 10 / 2014
Ci sono dolori troppo forti per essere raccontati. Le immagini ricompaiono. E la paura toglie il fiato. Difficile riuscire ad esprimere sentimenti, specie se hai solo diciassette anni e il tuo paese è in guerra. Una guerra asimmetrica. Preparata minuziosamente dall’estremismo islamico quasi un decennio fa. È il 2006, l’anno in cui la cellula irachena di Al-Qaeda si salda ... »
Mères

Mères

Madri in rivolta

20 / 4 / 2014
Essere qui dall'altra parte della frontiera della fortezza Europa e avere già toccato con mano l'effetto tragico delle politiche migratorie europee. Sono i volti deformati dal dolore di queste donne a raccontarcelo. Donne che portano in riva al mare le fotografie dei loro figli e figlie, giovani che hanno preso il largo verso terre sconosciute e ostili in cerca di una sorte ... »
Tunisia - Donne migranti e diritti negati

Tunisia - Donne migranti e diritti negati

L'atelier dedicato alla vulnerabilità delle donne migranti

20 / 4 / 2014
La questione femminile nelle migrazioni si compone di molti elementi che la rendono una delle più multiformi lenti di ingrandimento da cui guardare ai flussi migratori. Uno dei tavoli più partecipati è stato quello sulla situazione della donna migrante, che ha dato riflesso di questa complessità, portando alla luce alcuni punti di raccordo fra le partecipanti, ... »
"Tayyip, kaçış, kadın geliyor" Tayyip scappa, le donne stanno per arrivare

"Tayyip, kaçış, kadın geliyor" Tayyip scappa, le donne stanno per arrivare

Scontri ad Istanbul, manifestazione ad Ankara

9 / 3 / 2014
Con questo slogan ha avuto inizio il corteo che ad Ankara come ad Istanbul, ha invaso le metropoli turche.In migliaia sono scese in strada per rivendicare il proprio diritto ad esistere e ad autodeterminarsi. Stop al femminicidio, denuncia contro le violenze domestiche che le donne subiscono, stop ai matrimoni delle "spose bambine" ( dati ufficiali parlano di 40.428 ... »
Mentalità e sviluppo economico: in queste due parole si gioca il futuro della donna rurale in Tunisia

Mentalità e sviluppo economico: in queste due parole si gioca il futuro della donna rurale in Tunisia

Najoua è una giovane attivista tunisina, disoccupata dal 2006 e attualmente direttrice del Centre Média Citoyen a Sidi Bouzid.

9 / 2 / 2014
Il Centre Média Citoyen di Sidi Bouzid è solo uno dei tre Media Center Comunitari creati nell’omonimo governatorato di Sidi Bouzid (gli altri si trovano a Regueb e Menzel Bouzaiane) e fa parte di due progetti di cooperazione internazionale più ampi, il primo, denominato “Périphérie Active” che vede il GVC-Gruppo di Volontariato Civile, capofila del progetto, ACCUN - ... »
Afghanistan - Violenza sulle donne

Afghanistan - Violenza sulle donne

Passa nel Parlamento una legge che favorisce le violenze sulle donne

7 / 2 / 2014
Sono tredici anni e mezzo che gli Stati Uniti col supporto della NATO e quindi dell’Italia hanno invaso, combattono, vigilano, controllano l’Afghanistan; solo a dieci anni dall'invasione, il 2 maggio 2011 le forze speciali statunitensi hanno condotto un'azione ad Abbottabad, vicino ad Islamabad, uccidendo Osama Bin Laden. Per l’amministrazione Obama è ... »
Marocco - Un appello di Avaaz per abolire il "matrimonio riparatore" dopo lo stupro

Marocco - Un appello di Avaaz per abolire il "matrimonio riparatore" dopo lo stupro

11 / 1 / 2014
Pubblichiamo un appello che sta circolando in rete dal sito Avaaz per sostenere la campagna volta ad abrogare l'articolo 475 del codice penale marocchino che prevede il fatto che uno stupratore sfugga alla pena sposando la sua vittima.Una aberrazione che è costata la vita alla sedicenne Amina che si è suicidata per non sposare il suo stupratore nel marzo scorso. La ... »
1 2 3 4   »     Pagina 1 / 4