Presenz/attiva in Chiapas - Estate 2009

Caracol La Realidad - Salud es un derecho

La salute nelle Comunità Zapatiste

21 / 8 / 2009

La Presenz/Attiva nel territorio ribelle zapatista del Chiapas continua.
La delegazione italiana è stata negli ultimi giorni nella regione del Caracol della Realidad, nella selva Lacandona.

BRIGATA SANITARIA

Nel nostro gruppo erano presenti una dottoressa e alcuni studenti di medicina, che hanno svolto alcuni giorni di consulte in due comunità in cui si trovano cliniche del Sistema Sanitario Autonomo Zapatista.
È stata un'occasione molto interessante per conoscere meglio la maniera in cui si stanno organizzando le comunità zapatiste in merito alla garanzia della salute.
Abbiamo visitato la comunità di Santa Rosa che ospita la clinica municipale del Municipio Autonomo di Libertad de los Pueblos Mayas e la comunità di Nueva Esperanza del Municipio Autonomo di Tierra y Libertad, dove l'edificio della clinica è in costruzione.

La salute fu una delle richieste della lotta degli zapatisti, quando insorsero nel 1994. Prima di allora nelle zone rurali del Chiapas, popolate da centinaia di migliaia di indigeni, non esistevano strutture sanitarie. La gente moriva di malattie curabili, come la diarrea o la bronchite, circa la metà dei bambini non raggiungeva i 10 anni.
Le comunità autonome in questi anni si sono impegnate molto: hanno costruito strutture dove accogliere i malati, hanno formato Promotori di salute indigeni. All'inizio la formazione è stata garantita da medici solidali provenienti dalle città e dall'estero e poi lo stesso processo di formazione è stato gestito direttamente dai Promotori locali,
Secondo le statistiche negli ultimi anni è diminuita di molto la percentuale di bambini che non raggiungono i 10 anni di vita in queste zone del Chiapas. Questo dato ci è stato confermato anche alcuni giorni fa, quando eravamo nel Caracol di Morelia, e un Promotore di salute, con orgoglio ci
ha detto che negli ultimi mesi non si era registrato nessun caso di bambini morti per malattie curabili come la diarrea o la tosse.
Ora ci sono strutture sanitarie nelle comunità indigene a disposizione di chiunque lo necessita, anche gli indigeni non zapatisti. I servizi della sanità autonoma sono gratuiti mentre i farmaci, se la clinica le possiede, vengono vendute al prezzo di costo.
Il lavoro della sanità autonoma ha portato grossi miglioramenti alle comunità, anche se ancora c'è molto da fare. Le strutture dispongono di poche attrezzature e mancano le medicine. Questo non ferma il lavoro dei Promotori, che sono scelti dalle proprie comunità per formarsi e dunque dare un servizio alla propria gente. Non ricevono un salario, gli viene garantito solo vitto e alloggio.
Dove non ci sono strutture specifiche per assistere i malati, l'assistenza avviene in casa.
La formazione garantita dai Promotori più anziani è organizzata in corsi specifci come ad esempio l'uso delle erbe medicinali, la cura delle malattie osteo-articolari , la salute delle donnee con particolareattenzion-e alla gravidanza ed al parto.
Per curare si usano sia i farmaci allopatici che le erbe medicinali.
Un grande atenzione è stata data al recupero delle conoscenze tradizionali in modo da garantire attraverso l'attivazione di Erbolari la produzione di fitoterapici, che poi vengono distribuiti in tutte le zone.
Il lavoro dei Promotori si svolge anche nel campo della prevenzione. organizzando incontri con le famiglie o i Promotori d'Educazione per sviluppare l'educazione sanitaria a livello individualee collettivo.

ZONA SELVA FRONTERIZA

Nel Caracol della Realidad sono attive:
- Una Clinica centrale regionale a San Josè del Rio, dotata di laboratorio di analisi, servizio di ecografia e dove vengono svolte con la presenhza di medici solidali operazioni di chirurgia.
Nella Clinica si presta particolare attenzione alla salute della donne sviluppando il processo di prevenzione del cancro del collo dell'utero attraverso il pap-test.
- Cliniche a livello Municipale e di Zona come a El Berjel, Santa Rosa e la Clinica in costruzione a Esperanza
- Case di Salute nelle varie Comuntà

Visitare alcune strutture della salute autonoma e parlare con i Promotori è stata l'occasione per verificar l'incessante avanzamento, tra mille difficoltà dei progetti delle comunità autonome.
È un'esempio che mostra come l'impegno collettivo che vede gli zapatisti mettersi in gioco in prima persona mettendo, condividendo risorse ed esperienze,  stia dando i suoi frutti portando ad un miglioramento delle condizioni di vita per migliaia di indigeni.

Bookmark and Share

Caracol La Realidad - Clinica San Josè

Caracol La Realidad - Clinica in costruzione a Esperanza