giovedì 3 dicembre

Da Reggio Emilia a Copenaghen per la giustizia climatica

Incontro di approfondimento sulle giornate di mobilitazione che si svolgeranno a Copenaghen

2 / 12 / 2009

GIOVEDI' 3 DICEMBRE

ORE 21.00 AL LABORATORIO AQ16 IN VIA FRATELLI MANFREDI 14 (EX FORO BOARIO) REGGIO EMILIA



 Non si puó riparare un sistema in pezzi
Movimento per la giustizia climatica verso la conferenza ONU sul clima
La conferenza ONU sul clima non risolverá la crisi climatica. Non siamo piú
vicini alla riduzione delle emissioni di gas serra di quanto non fossimo
quando i negoziati internazionali iniziarono, 15 anni fa: le emissioni
aumentano piú rapide che mai, mentre il commercio delle emissioni di
CO2permette ai criminali del clima di inquinare e ricavare profitti.
All’oggi,
la conferenza ONU legittima nella sostanza un nuovo colonialismo che
spartisce le poche risorse rimaste sul pianeta.
Davanti alla profonda crisi della nostra civiltá, tutto ció che otteniamo é
un teatrino che giova solo agli interessi delle multinazionali. In risposta
a questa follia, un movimento globale per la giustizia climatica é emerso
per reclamare potere sul nostro futuro. Come parte di questo movimento, il
network internazionale Climate Justice Action sta mobilizzando decine di
migliaia di persone in tutto il mondo per agire durante i negoziati
climatici internazionali di Copenhagen, nel Dicembre 2009.
Basta false soluzioni!
Non possiamo fidarci del mercato per il nostro futuro, cosí come non
possiamo riporre la nostra fiducia in tecnologie non sicure, non accertate e
non sostenibili. Contrariamente a coloro che ripongono le loro speranze in
un “capitalismo verde”, noi sappiamo che é impossibile avere una crescita
illimitata su un pianeta limitato. Invece di provare a riparare un sistema
in pezzi, dovremmo:

  - lasciare i combustibili fossili sotto terra
  - socializzare e decentralizzare la produzione di energia
  - rilocalizzare la produzione di cibo
  - riconoscere e ripagare il debito ecologico e climatico verso i paesi
  del Sud del mondo
  - rispettare i diritti delle popolazioni indigene
  - rigenerare i nostri ecosistemi

Le soluzioni reali alla crisi climatica vengono costruite da coloro che
hanno sempre difeso la Terra e da coloro che lottano quotidianamente per
difendere il loro ambiente e le loro condizioni di vita. Dobbiamo
globalizzare queste soluzioni e impegnarci per una giusta transizione verso
un futuro senza CO2.

Bookmark and Share