Vicenza; 2 mila persone in piazza: «i luoghi di guerra sono spazi sottratti alla libertà»

Anche nella città berica mobilitazione contro i bombardamenti in Libia

2 / 4 / 2011

Il centro di Vicenza è tornato a tingersi delle tinte arcobaleno per la giornata di mobilitazione nazionale contro la guerra proposta da Emergency e fatta propria da tante realtà di movimento. Due mila persone hanno sfilato nella cittadina berica, mentre dal microfono del sound system si alternavano gli interventi di coloro che rappresentano il variegato mondo del Comitato 2 aprile.

Tante e tanti le donne e gli uomini che in questi anni hanno fatto vivere Vicenza attraverso la mobilitazione contro le servitù militari; e, non a caso, nel corteo aperto da Emergency, dopo lo striscione “Stop ai bombardamenti” c'era quello con scritto “Parco della Pace subito”.

Perché in una delle città più militarizzate d'Italia – a Vicenza hanno sede Africom, con le sue strutture disperse nel territorio e la 173^ Brigata Aerotrasportata statunitense, e la Gendarmeria Europea – è chiaro che ogni territorio destinato alla guerra è uno spazio sottratto alla libertà.

Da questo punto di vista, ottenere la sdemanializzazione di quell'area e farla diventare un patrimonio della comunità locale significa sottrarre l'erba da sotto i piedi di coloro che vedono nelle armi l'unica soluzione e aprire la strada alla riconversione civile delle servitù militari.

Ma Vicenza ha parlato anche di solidarietà e accoglienza per coloro che dalla guerra fuggono e che Italia ed Europa vorrebbero chiudere dietro recinzioni e fili spinati. Libertà significa, innanzitutto, poter attraversare il mondo: ed è quel che hanno diritto di fare coloro che sono costretti ad abbandonare la propria terra a causa della guerra e delle violenze.

Bookmark and Share

Vicenza. Corteo 2 aprile #4

Vicenza 02.04.11 - Intervento al concentramento

Vicenza 02.04.11 - La partenza del corteo

Galleria fotografica Manifestazione a Vicenza (02.04.11)

Galleria fotografica di Francesca Scopaz Manifestazione a Vicenza (02.04.11)