Attivisti bloccano la "zona verde" della COP26 a causa di "alti livelli di pericoloso Greenwashing"

12 / 11 / 2021

Giovedì 11 novembre 2021 a Glasgow attiviste/i di varie realtà (tra cui Glasgow Calls Out Polluters, Rising Tide North America, Federation of Young European Greens e singoli provenienti da Spagna, Italia e Paesi Bassi) hanno eseguito una stunt nella Green Zone della COP26 per evidenziare il greenwashing di cui si coprono gli sponsor di questo evento.

In un comunicato stampa inviato alla nostra redazione si legge che gli attivisti e le attiviste hanno indossati giubbotti fluorescenti e tenuto cartelli con la scritta "Pericolo: Greenwashing Ahead", mentre altri hanno bloccato l'ingresso al padiglione dei partner principali della COP26 con un nastro giallo. Hanno poi guidato un “tour tossico” nel padiglione in cui hanno evidenziato il ruolo di ciascuno sponsor nel contribuire all'espansione delle infrastrutture per i combustibili fossili.

Hanno bloccato la Zona Verde per tutta la durata dell'azione e, mentre venivano scortati fuori dalla polizia e dalla security, hanno esortato le persone presenti a unirsi a loro per far parte delle vere soluzioni che provengono dalle persone e dai movimenti che in questi giorni stanno manifestando a Glasgow. Hanno anche avvertito che stare nel padiglione avrebbe "esposto il pubblico a pericolose false idee sull'etica e sull'impatto delle aziende in mostra".

"Scottish Power è di proprietà di Iberdrola, l’azienda fossile che pianifica di aprire quattro nuovi impianti di gas in tutto il Messico e causa la rimozione forzata di comunità indigene in tutto il Brasile attraverso i suoi progetti di mega dighe. “Essendo spagnola, so in prima persona che non c'è niente di verde in Iberdrola ed è sconvolgente che gli sia stata data una piattaforma  qui tramite Scottish Power." dice un’attivista spagnola.

"L'azione ha evidenziato i pericoli del greenwashing aziendale, facendo luce sull'assurdità della COP26 di accogliere tali partner che hanno emesso 350 milioni di tonnellate di emissioni nel solo 2020, che è più di quanto prodotto in tutto il Regno Unito. Net-zero non è altro che un brillante schema creato da queste aziende per continuare a inquinare fino a quando non verrà estratta l'ultima goccia di combustibile fossile dalla Terra" ha affermato Daisy, Glasgow Calls Out Polluters

"Quando ho messo piede per la prima volta nella Zona Verde, che è una parte ufficiale della COP26, non sapevo se ridere o piangere. Il fatto che le grandi aziende che hanno accumulato ricchezza e potere attraverso pratiche di sfruttamento ottengano un posto così importante è ipocrita e fuorviante" dice Elin de Vries, un'attivista olandese.

L’iniziativa ne segue molte altre che ci sono state a Glasgow e in altre parti del mondo nei giorni della Cop 26 e – soprattutto – si lega al corteo moltitudinario di sabato scorso nella capitale scozzese.

Bookmark and Share