Venezia - #Invendibili bloccano tentativo di ripristinare il cantiere del giardino di Ca'Bembo

Stamattina degli operai si sono presentati nel giardino liberato di Ca'bembo per ripristinare il cantiere che da anni impediva l'accesso alla città. Alle ore 13 è stata indetta una conferenza stampa.

24 / 6 / 2014

Stamattina una squadra di operai, diretti dal responsabile di Ca' Foscari per la manutenzione Jacopo Fusaro, ha tentato di chiudere il giardino liberato di Ca' Bembo. Questo accadeva nella massima segretezza, senza che alcuna comunicazione ufficiale fosse pervenuta da parte del Rettorato o del Dipartimento. La squadra di manovali e funzionari, rifiutando di dare spiegazioni, alla vista degli studenti intervenuti per opporsi all'operazione, ha semplicemente girato i tacchi andandosene dalla sede universitaria. In mancanza dei risultati ARPAV, in mancanza di comunicazioni ufficiali a proposito della presunta presenza di diossina nel giardino, riteniamo questo tentativo di chiusura inaccettabile. In questi due mesi di occupazione il giardino è stato attraversato non solo dalla popolazione universitaria, ma anche dalla cittadinanza. Siamo riusciti a trasformare un luogo che l'Università aveva chiuso in uno spazio pubblico, uno spazio di ritrovo, uno spazio di socialità. Numerose sono state le iniziative svolte e altrettante sono quelle in programma (vedi qui). Quello che vogliono chiudere dunque non è più uno spazio soltanto dedicato agli studenti di Cà Foscari, ma un luogo che, grazie all'impegno costante del collettivo Li.S.C.#invendibili, è diventato patrimonio comune per tutta la città. Risulta difficile vedere l'operazione di stamattina come prima mossa del neoRettore Buglesi, piuttosto ci sembra l'ultima vigliaccheria del Rettore uscente Carlo Carraro, che ha sempre rifiutato l'incontro richiesto a più riprese da tutte le persone che ogni giorno attraversano veramente l'università. Abbiamo già potuto constatare infatti, durante tutto il suo mandato, un'assoluta mancanza di volontà di dialogo e di democrazia, soprattutto verso la componente studentesca. Ancora una volta dunque, si tenta di impedire l'avvio di un progetto innovativo per la creazione di un dipartimento dei Saperi Critici, frutto della collaborazione tra studenti, ricercatori e docenti, che integri la didattica istituzionale con elementi di attualità e strumenti critici. Per questo, davanti all'ennesimo affronto di un Rettore da sempre ostile e ormai alla scadenza del suo mandato, chiediamo un incontro con il nuovo Rettore Bugliesi per discutere insieme del percorso creato negli ultimi otto mesi da #invendibili, dell'occupazione tuttora in atto nella sede di Ca' Bembo e dei progetti futuri del dipartimento indipendente.

il collettivo Li.s.c. Venezia
#invendibili

Bookmark and Share

Gallery