Venezia - Concretizzare lo sciopero

17 / 3 / 2009

Quanto costa un posto letto a Venezia?
Quanto costano i trasporti?
Quanto ti sfruttano i tirocini gratuiti?
Quanto ti costano i testi d’esame?
Quanto costa costruire uno spazio per la tua socialità in un’università in crisi di risorse e in una città in affitto?
Quale spazio ha la costruzione di saperi liberi?
Sono solo alcuni dei problemi a cui è urgente trovare una soluzione.
Ma chi può darti la soluzione?
Nessuno se non tu, in nessun momento se non in questo momento.
Allora svegliamoci e facciamo risalire l’Onda a Venezia.
Ci guardiamo intorno e vediamo il deserto: dove sono finiti i rettori sulle barricate, pronti a dare battaglia in autunno per difendere l’università pubblica che, con le loro mani, hanno contribuito a demolire?
Per non parlare dei politici. Hanno mai contato davvero qualcosa nelle nostre vite? La risposta è mai.
La CGIL, dal canto suo, proclama lo sciopero generale dei lavoratori della conoscenza e dell’università (senza minimante citare gli arresti e le cariche compiute dalla polizie negli atenei di Padova, Pisa e Torino) il mercoledì 18 marzo. Noi diciamo a questi signori che siamo stufi anche di loro, siamo stufi di partiti e di sigle sindacali che vorrebbero arrogarsi il diritto di rappresentare l’Onda.
L’Onda è irrappresentabile e lascerà che la CGIL (una sigla aliena nelle nostre vite) sfili a Padova con il suo corteo.
L’Onda, come sempre, produrrà una giornata di iniziative in piena autonomia, concretizzando lo sciopero e mettendo in atto forme di lotte che segnalino i nodi d’emergenza su cui agire all’interno della nostra città e della nostra università

Appuntamento ore 9.30 - S.Sebastiano

prima tappa - Ex Domus Soccorso :
CERCHI CASA? COSA OFFRE LA NOSTRA UNIVERSITA'?
Gli atenei veneziani affidano le politiche abitative all'ESU (Ente per il Diritto allo Studio Universitario).
Quest'ente, finanziato con soldi pubblici e con la tassa regionale obbligatoria inclusa nelle nostre tasse universitarie, offre SOLO 391 posti per un totale di oltre 30 mila studenti. Mentre di anno in anno gli studenti aumentano e gli affitti lievitano, l'ESU richiede ed ottiene 2.324.056,05 € dalla regione per ristrutturare la Domus Soccorso: 5000 mq + 1000 mq di giardino TEORICAMENTE destinati ad alloggi per noi studenti, PRATICAMENTE appartamenti di lusso venduti a privati.

seconda tappa - Ca'Foscari Centrale:
L'università ha degli immobili destinabili a case per gli studenti? Come li gestisce? Vogliamo chiarezza in merito al patrimonio immobiliare della nostra università.

terza tappa - Aula studenti - S.Basilio:
inaugurazione della "BIBLIOTECA LIBERA TUTTI". Creiamo la biblioteca inter-ateneo degli studenti! raccogliamo tutte le dispense, gli appunti, i libri di testo e liberiamo il sapere rendendolo accessibile a tutti!
(fotocopie gratis! & wi-fi e pc a disposizione!)

COSTRUIAMO IL NOSTRO SPAZIO DENTRO L'UNIVERSITA!

- guarda il volantino dell'iniziativa

Bookmark and Share

Gallery