Le lotte contro l'austerity non hanno frontiere!

Rimini – #18D da CasaMadiba a Bologna: #stopcieforever

Il 18 dicembre sarà una giornata importante, l'occasione di fare vivere nelle scadenze che sono state convocate la nostra uscita della crisi.

17 / 12 / 2013

Il 18 dicembre, nella giornata internazionale dei diritti dei migranti e dei rifugiati, in moltissime città italiane ed europee prenderanno vita mobilitazioni e iniziative di lotta contro il razzismo e le politiche di esclusione, sfruttamento e detenzione dei cittadini migranti.

Per questo saremo a Bologna davanti al Cie di via Mattei, per ribadire ancora una volta, l'ennesima - da quando la legge Turco-Napolitano ha sancito la nascita di questi lager di stato o non luoghi in cui i diritti vengono sospesi - che questa struttura di detenzione e privazione della libertà non va riaperta ma anzi chiusa definitivamente.

I Cie rappresentano infatti l'immagine più lampante dell'Europa che non vogliamo, un'Europa fatta di gabbie e confini, di politiche razziste e discriminatorie che da vent'anni a questa parte respingono, escludono, sfruttano e segregano esseri umani.

Un'Europa costruita su leggi e direttive che hanno ben saputo in questi anni favorire una spettacolarizzazione della frontiera a Sud funzionale ad inasprire la tensione sociale fra migranti e autoctoni, tensione che abilmente molte piazze dei cosiddetti “forconi” stanno trasformando in un progetto politico chiaro (per quanto povero di contenuti) a chi vuole vederlo: nuovi e vecchi nazionalismi, nuove e vecchie barbarie.

Per queste ragioni il 18 dicembre sarà una giornata importante, l'occasione per tutti e tutte noi di fare vivere nelle strade e nelle piazze che sono state convocate la nostra uscita della crisi.

Al nostro fianco ci saranno i giocatori dell'AutSide Social Football e i ragazzi di Casa Madiba che da Sabato 7 dicembre 2013 hanno praticato direttamente il diritto alla casa, occupando uno dei tantissimi appartamenti comunali sfitti nella nostra Provincia e restituendo alla cittadinanza una grande opportunità di crescita e cambiamento radicale: un laboratorio antirazzista e di produzione di nuovi diritti. Due esperienza concrete che ogni giorno tracciano e gettano le basi - anche nei territori (i peggiori) della provincia italiana - di una nuova Europa, un'Europa fatta di nuovi diritti, welfare e reddito, contro l'austerity, per la cittadinanza sociale per tutti e tutte, aperta, solidale, antinazionalista, europea.

Ma attraverseremo la scadenza di Bologna pensando questa giornata come il primo momento di avvicinamento ad un'altra importante scadenza che ci vedrà protagonisti a fine gennaio insieme a tantissime altre realtà (associazioni, movimenti sociali) nazionali ed europee, nella costruzione della #CartadiLampedusa, una carta di intenti e di principi per costruire dal basso un cambiamento radicale e reale delle politiche migratorie made in U.E.

Never again Cie! No borders! No cie! No frontex! No dublin!
Freedom, rights, dignity and solidarity for everybody!

Casa Madiba Occupata – Lab.Paz Project – AutSide Social Football


NB: Per chi volesse partecipare alla manifestazione l'appuntamento è alle ore 16 di mercoledì 18 dic. a Casa Madiba! Casa Madiba si trova in via Dario Campana n 49 dietro la palazzina AMIR e a fianco delle onoranze funebri Amir.

Bookmark and Share