Expo fa male in tutte le città!

Padova- contestata la presentazione del Padiglione Italia all'Orto Botanico

11 / 3 / 2015

Oggi la presentazione del Padiglione Italia ad Expo ha fatto tappa a Padova. All'interno dell'Orto Botanico, con la complicità del rettore Zaccaria e con la presenza di ospiti illustri, se si parla di speculazione del territorio. Come ad esempio Luigi Brugnaro, presidente di Umana Holding, rappresentante del Comitato Expo Veneto e imprenditore che solo l'anno scorso ha tentato di comprarsi i diritti sull'isola veneziana di Poveglia per costruirci i suoi campi sportivi personali. 

Grande esperto di speculazione sul territorio quindi, cosa che è quanto meno familiare anche al grande evento che gli è tanto caro. 

Come collettivi universitari SPAM e LiSC, oggi ci è sembrato necessario far conoscere la nostra opinione, la nostra contrarietà al modello che Expo ci propone e che attraversa ogni aspetto delle nostre vite. 

Expo è per noi sinonimo di cementificazione di campi coltivabili nella periferia di Milano, pur facendosi promotore del “rispetto degli equilibri del pianeta”. 

È sinonimo di contraddizione e ipocrisia, facendosi garante e promotore di un'alimentazione sana e poi scegliendo come sponsor McDonald's e Coca Cola.

Ma soprattutto è sinonimo di precarietà, di lavoro gratuito o sottopagato, di sfruttamento di una generazione per cui il futuro non è solo un'incognita, più che altro diventa un miraggio. 

Expo non fa male solo alla città di Milano, di fatto propone un modello che è la normalità in tutto il mondo del lavoro in Italia. 

Per tutto questo oggi abbiamo contestato Expo a Padova e continueremo a contestarlo in tutte le nostre città, contro il modello che Expo vorrebbe imporre nei nostri territori.  

Collettivo Spam

                                        Expo fa male

Bookmark and Share

Expo fa male in tutte le città