Catania - Dopo lo sbarco la violazione delle procedure d’asilo

Impedito l’accesso al "PalaNitta" ai rappresentanti dell' Acnur e di Save the Children. Caricato il presidio della Rete anti-razzista catanese

27 / 10 / 2010

Intervista a Alfonso Di Stefano, Rete antirazzista catanese.

Ascolta l'audio

Dopo lo sbarco della mattinata, i migranti, 128 tra cui quasi la metà minori, sono stati dirottati al "PalaNitta", un impianto sportivo nel rione di Librino, Catania, dove la guardia di Finanza sta procedendo all’identificazione degli stessi.

Se in un primo momento sembrava fossero immediatamente destinati al rimpatrio, questa nuova tappa, serve alle aturità locali per procedere all’identificazione. Secondo la Guardia di finanza solo 10 sarebbero i minori anche se secondo gli avvocati e le associazioni accorse sarebbero molti di più. E non è un caso che ad Acnur e Save he Children venga inibito l’accesso alla struttura.
Il presidio della rete anti razzista catanese, giunta sul luogo dopo aver "scoperto" a fatica dove sarebbero stati portati i migranti successivamente alllo sbarco ed alle cariche della scorsa notte sul molo, ha tentato di comunicare con l’interno del PalaNitta per fornire in diverse lingue i numeri ed i nomi degli avvocati utili a seguire le procedure di richiesta d’asilo. La risposta è stata una carica delle forze dell’ordine con due contusi tra i manifestanti.

La cosa più grave è la violazione in corso delle procedure per la richiesta della protezione internazionale che emerge dalle stesse dichiarazioni dell guardia di Finanza.
Le fiamme gialle infatti sostengono che i migranti avrebbero "dichiarato di essere palestinesi per potere chiedere asilo politico”, ed invece “noi siamo convinti che si tratti di egiziani”. Ma la competenza a rilevare la nazionalità e l’età di chi abbia presentato richiesta d’asilo non può che essere della Commissione territoriale, non quindi campo di intervento della guardia di Finanza. grave anche che non venga concesso l’ingresso ad Acnur e Save The Children.

Dal presidio intanto i manifestatanti fanno sapere che non lasceranno eseguire il rimpatrio forzato dei migranti senza che sia loro garantito di accedere alle procedure d’asilo.

Tratto da:

Bookmark and Share

Catania-DiStefano27ott