Economia di razza. Dal fascismo alla cittadinanza europea

Un libro di Alessandro Somma, edizioni Ombre Corte

9 / 1 / 2010

La modernità sciolse l'individuo dai vincoli di Antico regime, ma gli riconobbe una libertà limitata alla sola sfera economica. Sul fronte politico l'individuo restò prigioniero di teorie e pratiche organicistiche. Queste ultime furono alla base della violenza razzista che si manifestò nel corso del xx secolo in forme a noi note. Meno riconoscibile, invece, fu la violenza razzista esercitata attraverso la sfera economica, plasmata anch'essa dalle dittature fasciste secondo schemi simili a quelli su cui si fonda ora la costruzione europea comunitaria. Schemi solo apparentemente in rotta con la tradizione: il fascismo ha affossato le libertà politiche, ma solo riformato quelle economiche, assicurando un ordine del mercato attraverso l'imposizione del meccanismo concorrenziale.

La modernità sciolse l'individuo dai vincoli di Antico regime, ma gli riconobbe una libertà limitata alla sola sfera economica. Sul fronte politico l'individuo restò prigioniero di teorie e pratiche organicistiche. Queste ultime furono alla base della violenza razzista che si manifestò nel corso del xx secolo in forme a noi note. Meno riconoscibile, invece, fu la violenza razzista esercitata attraverso la sfera economica, plasmata anch'essa dalle dittature fasciste secondo schemi simili a quelli su cui si fonda ora la costruzione europea comunitaria. Schemi solo apparentemente in rotta con la tradizione: il fascismo ha affossato le libertà politiche, ma solo riformato quelle economiche, assicurando un ordine del mercato attraverso l'imposizione del meccanismo concorrenziale. Il razzismo è ancora oggi una forma di violenza politica, ma sempre più intrecciata con tecniche di disciplinamento dei comportamenti individuali veicolati dal mercato. Come spiegare altrimenti il crescente ricorso alla forza militare per l'accapparramento di mercati e materie prime e l'uso massiccio della forza lavoro migrante piegata dalle regole della clandestinità?
Il libro ricostruisce i paradigmi di attribuzione della cittadinanza secondo schemi economici dal fascismo all'Unione europea, evidenziando i momenti di continuità, caratterizzati dal razzismo politico ma soprattutto dal razzismo economico.

L'autore. Alessandro Somma è ordinario di Diritto privato comparato presso l'Università di Ferrara, dove dirige il Centro studi e servizi sul diritto straniero e delle relazioni internazionali. È membro dell'Accademia internazionale di diritto comparato e docente presso l'Università San Marcos di Lima. Tra le sue ultime pubblicazioni: I giuristi e l'Asse culturale Roma-Berlino (2005); Tecniche e valori nella ricerca comparatistica (2005); Introduzione critica al diritto europeo dei contratti (2007). È giornalista pubblicista e collaboratore de "la Nuova Ferrara".

Bookmark and Share