Messico: cartografia della speranza e delle resistenze

3 / 3 / 2022

In Messico: Cartografia della guerra abbiamo delineato alcuni problemi urgenti del nostro paese. Due i punti di partenza: 1. I megaprogetti energetici, estrattivi e infrastrutturali che si stanno costruendo sul territorio nazionale e 2. Le molteplici violenze che si sono scatenate con l'espansione delle economie criminali. Questi fenomeni hanno attraversato diversi mandati presidenziali, così come lo hanno fatto le organizzazioni che resistono alla guerra e all'espropriazione. Mosse da cause diverse, queste organizzazioni stanno costruendo sacche di resistenza e talvolta anche aree liberate dall'espropriazione e dalla criminalità organizzata, e sebbene non siano esenti dalle molestie e dalla persecuzione dei poteri reali e dei poteri formali, continuano a costruire ponti e costruire una cartografia della speranza.

Reti di solidarietà con i migranti si sono diffuse in tutta la nazione. A Tenosique, Tabasco, si trova La 72, una casa-rifugio per migranti promossa dalla provincia francescana di San Felipe de Jesús. Prende il nome in memoria dei 72 migranti assassinati nel 2010 a Tamaulipas, per questo La 72, al femminile, è anche una casa-altare. A Veracruz ci sono Las Patronas, un gruppo di donne che da 27 anni si organizzano per preparare il cibo e darlo ai migranti. Il lavoro che fanno è davvero sorprendente, offrendo fino a 300 pranzi al giorno. A Città del Messico puoi trovare spazi come Casa Tochán, La Resistencia, caffè o la solidarietà dei vicini del quartiere di Santo Domingo, a Coyoacán. Dobbiamo anche menzionare il lavoro del Servizio dei Gesuiti per i Migranti, o La pequeña Haiti, un quartiere di persone di origine haitiana che è stato costruito a Tijuana. Degno di nota è il lavoro svolto dalla Rete Regionale delle Famiglie Migranti, dalla Carovana delle Madri Migranti e dal Movimento Migrante Mesoamericano.

Di fronte alla mancanza di risposte efficaci da parte dello Stato messicano per affrontare il problema della scomparsa delle persone, le famiglie si sono lanciate, con gli strumenti più elementari, a cercare i loro cari. Ci sono i Familiares en Búsqueda María Herrera; le Madres Buscadoras di Sonora; le Rastreadoras di El Fuerte, a Sinaloa; la Voz de los desaparecidos di Puebla; il Colectivo Hasta Encontrarte, a Guanajuato; le Familias de Ayotzinapa, a Guerrero; le donne delle Fuerzas Unidas por Nuestros Desaparecidos, a Nuevo León, Jalisco, Coahuila e in altri stati; il Colectivo Solecito, a Veracruz e un centinaio di altre organizzazioni che insieme ad altre resistenze stanno dando dignità e speranza a questa società così ferita.

L'aumento e la brutalità della violenza patriarcale ha anche portato al rafforzamento e alla tessitura degli sforzi di solidarietà e resistenza tra le donne. Sono in tutta la Repubblica, accompagnano, riflettono e costruiscono alternative. Alcuni esempi sono la Red de Feminismos Descoloniales, che riflette, agisce e si collega anche con altre organizzazioni. Ci sono anche Las Siemprevivas, un collettivo di donne che accompagna casi di violenza, sparizioni e femminicidi. In alcuni casi formano cooperative, come quella del pane Vendaval o spazi come la libreria e il centro sociale Volcana / Lugar Común.

Sono i popoli indigeni che hanno le organizzazioni più forti. Il Chiapas zapatista, con le sue 43 entità autonome (Caracoles, comuni e Centri di Resistenza e Ribellione), è una delle esperienze mondiali più avanzate di autonomia. Con il recupero di terra che hanno effettuato per tutta la loro esistenza, sono riusciti a creare scuole, ospedali, cooperative, abitazioni, media e un lungo eccetera. Degni di nota sono anche la comunità Tepehuana e Wixárika di San Lorenzo de Azqueltán, a Jalisco, che difende il territorio e allo stesso tempo ha creato una clinica autonoma. Anche i popoli Nahua di Santa María Ostula, a Michoacán, fanno parte di questa resistenza creativa con il recupero dei loro territori e il rafforzamento della loro guardia comunitaria. C'è anche la città di Amilcingo che resiste al Proyecto Integral Morelos e sostiene la scuola elementare Samir Flores Soberanes e Radio Amiltzinko 100.7 FM.

Molte altre esperienze mancherebbero da rintracciare in questa cartografia, come lo sforzo fatto da cooperative come La Imposible, La Carabina 30-30, La Ordeña, CACAO, o le opere di edilizia collettiva dell'Organizzazione Popolare Francisco Villa della Sinistra Indipendente, di Tlanezi e Xochitlanezi, del Fronte Popolare della Resistenza Organizzata, della Comunità Otomi a Città del Messico,  o l'interessante iniziativa di Casa Temilco, ad Amatlán, Morelos, o il lavoro della Brigata di strada di sostegno alle donne Elisa Martínez. Ciò che è importante sottolineare è che di fronte alla guerra e all'espropriazione che il sistema di dominio e sfruttamento dispiega nel nostro paese, ci sono molteplici resistenze. Che sono i territori in cui si combattono battaglie fondamentali. Come dice il portavoce zapatista Subcomandante Moisés: la resistenza è diventare forti, duri, rispondere a tutto, a qualsiasi attacco del nemico, del sistema, quindi. Questa è la resistenza creativa.

Traduzione di Christian Peverieri da La Jornada

Bookmark and Share