Partecipatissima fiaccolata alla vigilia del processo nei confronti dei No Dal Molin che hanno occupato la Prefettura il 16 gennaio 2008

Vicenza - Sorpresa: migliaia in piazza

18 / 6 / 2009

Sorpresa: siamo ancora migliaia. Una lunga fiaccolata ha attraversato questa sera le strade della città per assumersi, collettivamente, la colpa di amare Vicenza.

Sorpresa: i vicentini continuano a voler difendere Vicenza; non che ne avessimo dubbi, noi che la città la viviamo tutti i giorni. Ma chi voleva "estirpare alla radice il dissenso locale" – con l’imposizione, il divieto, le denunce, la paura – si era forse illuso di aver chiuso i conti con il movimento NoDalMolin impedendogli la consultazione popolare e rifiutando la Valutazione d’Impatto Ambientale; dovranno ricredersi, e non ce ne dispiace.

Nessuna sorpresa: la Questura dichiara 500 manifestanti, quando una piazza – piazza Matteotti – che ne contiene molti di più non riesce ad ospitare l’intero corteo; ma lo sa anche il Questore Sarlo – che si è preso il poco onorevole incarico di difendere l’imposizione statunitense – di essere di fronte a un movimento trasversale e radicato che ogni volta che torna in piazza ha al suo fianco la maggioranza della comunità locale. Ed è proprio la sua ostinazione a voler minimizzare a dimostrare quanto l’uomo dal pugno di ferro di V.le Mazzini non sappia più che pesci pigliare.

Non era scontato, questa sera, vedere per le strade di Vicenza migliaia di donne e uomini; un corteo che si dichiara complice con coloro che domattina si presenteranno davanti al giudice per l’apertura del primo processo contro i NoDalMolin; una manifestazione che ribadisce la condivisione della città verso un percorso – quello di opposizione alla nuova base statunitense – che alcuni vorrebbero dipingere come marginale ed estremista.

Prossimo appuntamento il 4 luglio; quando Vicenza, liberando la propria terra, esprimerà la propria dignità: quella di città che non accetta di abbassare la testa; che non accetta di vedere le proprie sacrosante ragioni estirpate alla radice per far posto a un’arrogante ragione di stato.

Presidio Permanente No Dal Molin 16 giugno 2009

Bookmark and Share

18/06/09 Vicenza - Verso il 4 luglio