Rimini - Diritto alla vita/casa: il movimento muove la politica!

Pubblichiamo i comunicati stampa a sostegno dell'esperienza di Casa Madiba Network a firma dagli eletti del Movimento 5 Stelle, di Giovanni Paglia (SEL) e del PRC di Rimini.

27 / 5 / 2015

Comunicato stampa M5S

La presente è per esprimere da parte di tutto il Movimento 5 Stelle di Rimini e di tutti i suoi eletti una profonda preoccupazione riguardo le tensioni sociali che si sono scatenate nelle ultime settimane, causate da quella che nell’evidenza dei fatti è una gravissima Emergenza Abitativa.

Tutti, noi compresi, ci dobbiamo prendere carico di un problema che è stato troppo sottovalutato. Ora però siamo già al secondo sgombero e, se il metodo di valutazione sarà lo stesso usato nelle recenti esperienze, supponiamo che si stia preparando il terzo.

Ora. A dispetto della sensibilità di ognuno, riguardo alle soluzioni e all’importanza del problema, non è concepibile che sia aperta una stagione di sgomberi  con la forza pubblica quando si parla di occupazioni a fine abitativo, soprattutto perché è impensabile che non vi siano in seguito nuove occupazioni e reazioni a vario titolo. Aprire un ciclo del genere vorrebbe dire arrecare grave danno all’immagine di Rimini e non risolvere il problema dei senzatetto che potrebbero solo scegliere tra occupare in silenzio immobili abbandonati e morire di stenti per la strada.

Per questi motivi, non ultimo quello di un capitolo di spesa enorme come quello dell’intervento di Polizia, chiediamo in nome e per conto di tutte le persone che credono nel dialogo istituzionale di aprire un tavolo di lavoro con i rappresentanti di Casa Madiba Network e le istituzioni allo scopo di trovare una soluzione. Se necessario offriamo come mediatore uno dei nostri eletti del territorio e invitiamo le altre forze politiche a fare altrettanto.

Giulia Sarti

Carla Franchini

Raffaella Sensoli

Marco Affronte

Gianluca Tamburini

Marco Fonti

Movimento 5 Stelle Rimini

RIPRENDERE IL FILO DEL DIALOGO - Comunicato stampa dell'on. Giovanni Paglia (Sinistra Ecologia Libertà)

Dopo gli sgomberi di Casa Madiba e Villa Eva e Florentina, e l'occupazione del villino Ricci, credo che a Rimini sarebbe necessario riprendere il filo del dialogo, partendo da alcuni punti fermi. Il primo è che nessuno può essere lasciato senza un tetto sulla testa. Se il mercato non è in grado di dare una risposta a tutti, e il Comune non arriva a tutti gli esclusi, le occupazioni diventano l'ultima via per garantire un diritto universale e come tali devono essere considerate. Il secondo è che le amministrazioni pubbliche non possono lasciar deperire nell'abbandono bene pubblici per anni e poi accorgersi della loro esistenza solo quando ci sono cittadini che se ne riappropriano fini sociali e collettivi. In questo caso i movimenti devono essere ringraziati e messi in condizione di operare, non repressi. Il terzo è che si deve dialogare da subito per superare problemi passati, arrivando anche a riconsiderare gli sgomberi appena avvenuti, e nel frattempo evitare qualsiasi ulteriore denuncia, che servirebbe solo ad avvelenare i pozzi. Sono convinto che su queste basi un'amministrazione locale democratica non avrebbe alcuna difficoltà a muoversi e troverebbe la disponibilità al dialogo di chi in questi anni e giorni si è mobilitato. Se serve, sono disponibile a dare una mano in questa direzione.

Comunicato stampa PRC

Il Comitato Politico Federale del Partito della Rifondazione Comunista di Rimini prende atto della sempre maggiore divergenza tra il Prc e la maggioranza che governa il Comune di Rimini.
Già da tempo, con condivisione interna e chiarezza, abbiamo assunto posizione sul fatto che la nostra permanenza in maggioranza sarebbe stata vincolata alla gestione pubblica dei servizi educativi ed all'attivazione di un processo reale di ripubblicizzazione della gestione del servizio idrico integrato.
Abbiamo, ovviamente, avanzato proposte in materia di lavoro gravemente sfruttato, emergenza abitativa, politiche sociali molto prima che la situazione assumesse le dimensioni e le problematiche di oggi.
In merito a quest'ultimo punto, non abbiamo certo atteso che si manifestassero le occupazioni per uso abitativo per sottolineare l'esigenza di un'efficace intervento con programmi adeguati sul tema della casa. Quando si sono poi verificata fattivamente l'occupazione in via Dario Campana, abbiamo posto il problema di avviare un percorso di regolarizzazione proprio perché si poneva con tutta evidenza il tema di una discussione seria sul diritto all’abitare. A tale proposito, convocammo una conferenza stampa in cui avanzammo pubblicamente tale richiesta dicendoci fermamente contrari a qualsiasi scorciatoia legata al tema dell'ordine pubblico.
Le nostre proposte, in materia di politiche abitative, e più in generale rispetto alla capacità di generare un'alternativa locale contro la crisi e l'austerity, sono state a lungo inascoltate, nonostante l'impegno della nostra delegazione in Giunta ed in Consiglio Comunale, mentre solo ultimamente si sono verificate timide aperture.
Congiuntamente in Consiglio Comunale, a sottolineare ulteriormente la divergenza con la maggioranza, il consigliere Galvani, con mandato della Segreteria Provinciale, esprimeva voto contrario sul regolamento comunale sull'ordine pubblico e contro la delibera che apriva la strada alla vendita delle azioni di Hera.
Entrambe le delibere sono state approvate dalla maggioranza con il voto contrario del PRC.
Più volte abbiamo evidenziato i mancati investimenti per l'edilizia residenziale pubblica, ed è stato grazie alla nostra delegazione in giunta, nella persona della compagna Visintin, che si è impedita, anche se temporaneamente, la gara europea per la gestione del servizio idrico integrato, che di fatto significa la privatizzazione dell'acqua pubblica e quindi la negazione della volontà popolare maggioritaria espressasi attraverso il referendum con una chiarezza inequivocabile.
Sulla gestione del servizio idrico integrato siamo riusciti ad ottenere il rinvio del voto, ma non ancora l'istruttoria sulle modalità di gestione; un tema questo che non appare per nulla avviato verso una soluzione positiva, e non certo per resistenza o mancato impegno da parte dell’assessora Visintin, ma per mancato interesse del PD.
Restava inoltre ampiamente inascoltato, ed inattuato, l'odg da noi proposto e votato sul lavoro stagionale gravemente sfruttato, nonostante siano trascorsi due anni dall'approvazione.

Per i suddetti motivi, appare del tutto evidente la deriva del Partito Democratico verso una sempre più marcata autosufficienza ed un suo conseguente allontanamento da percorsi programmatici che abbiamo condiviso e ai quali, evidentemente, non intende più dare corso.
La nostra presenza nelle maggioranze che governano le amministrazioni comunali è sempre stata vincolata a chiare discriminanti programmatiche, alla necessità di realizzare alcuni punti prioritari e, contemporaneamente, a impedire la realizzazione di proposte politiche in contrasto con i nostri principi e valori.

Ad aggravare ulteriormente la situazione hanno contribuito i fatti di questi ultimi giorni, che hanno visto l'amministrazione comunale completamente defilata nel rapporto con la questura dopo che, per la prima volta a Rimini, è stata negata all'ANPI una piazza per un presidio e sono stati consentiti la manifestazione ed il corteo non autorizzato di Forza Nuova.
Successivamente, le forze dell'ordine hanno proceduto allo sgombero di Casa Madiba, e della struttura residenziale occupata per attivare un percorso di auto recupero sul tema dell'emergenza abitativa.
L'amministrazione comunale, nella persona del Sindaco e del Vice Sindaco si sono negate a qualsiasi confronto e più volte sono state chieste, in forma privata, le dimissioni del nostro assessore che ha avuto invece, assieme al consigliere Galvani ed al partito tutto, la capacità di interloquire con tale istanza provando a costruire un percorso di legittimazione di tale esperienza sociale.
Pertanto la nostra presenza in maggioranza a Rimini diventa oggi difficilmente praticabile, a meno che non vi sia da parte del partito democratico una marcata e repentina inversione di rotta che non si fermi ai buoni propositi ma generi nell'immediato atti amministrativi.
Pertanto, il Comitato Politico Federale del Comune di Rimini da mandato alla Segreteria Provinciale di istituire una delegazione composta dall'assessore, dal consigliere comunale e dai segretari comunale e federale e di chiedere un incontro al Sindaco ed al Segretario Provinciale del Partito Democratico per formalizzare, senza possibilità di mediazione, le seguenti richieste, come discriminanti vincolanti alla permanenza in giunta
1) blocco dell'esternalizzazione dei servizi educativi ed assunzione del personale necessario per la gestione diretta da parte del Comune di Rimini
2) blocco della gara europea ed attivazione immediata degli atti amministrativi necessari alla gestione in house del servizio idrico integrato
3) attivazione di un tavolo di confronto che elabori iniziative concrete per affrontare l'emergenza abitativa delle fasce sociali più deboli e avvio dell'istruttoria per legittimare Casa Madiba nei locali dell'ex palazzina di via Dario Campana, evitando ambigue formulazioni sul privato sociale ed il volontariato.
4) dare attuazione totale all’odg sul lavoro gravemente sfruttato
Tali discriminanti sono nel loro insieme vincolanti a qualsiasi prosecuzione del rapporto di Rifondazione Comunista con la maggioranza, diversamente considereremo conclusa la nostra presenza in maggioranza ed attiveremo i passaggi formali necessari ad una ricollocazione del PRC all'opposizione.
Il Comitato Politico Federale del PRC

Bookmark and Share