Incontro delle reti bergamasche verso la manifestazione del 4 luglio a Vicenza

4 Luglio. L’Indipendenza? A Vicenza si conquista!

Venerdì 26 giugno ore 18 – Sala Caccia di Palazzo Frizzoni (Municipio di Bergamo, piazza Matteotti)

Utente: aolivieri
25 / 6 / 2009

Italia, giugno 2009. Sui nostri territori, ormai non solo del Nord Italia, avanza una cultura della paura che scava negli impulsi più gretti per fornire un’identità collettiva di tipo vittimistico. La Lega lavora culturalmente per affermare l’esistenza di comunità locali radicate nella tradizione (gli “indiani”) assediati da diversità culturali (i “cow boy”) che minacciano il loro ordine identitario e la loro stessa sopravvivenza. La creazione di questa frontiera immaginaria trova nel vuoto della conflittualità sociale uno spazio politico pericoloso.

Vicenza, 4 luglio 2009. La città di Vicenza si è da tempo ribellata all’Impero. Gli Stati Uniti e il Governo italiano, anche di fronte ad una forte opposizione della cittadinanza, continuano a perseguire il progetto di raddoppio della base militare del Dal Molin. Vicenza è assoggettata alle servitù militari. L’ordine imperiale crea delle enclave, delle frontiere entro i territori per affermare che le comunità sono a sovranità limitata, che non possono azzardarsi a progettare un’altra città slegata dalle logiche di guerra.

Il 4 luglio, giornata in cui gli statunitensi festeggiano la propria indipendenza dall’impero britannico, la città di Vicenza vuole decretare la propria indipendenza dall’impero militare statunitense, liberando la terra dalla presenza di una nuova base di guerra.

Per presentare l’iniziativa a Bergamo, raccogliere l’appello che arriva da Vicenza e ragionare e sulle forme dell’Altrocomune:

Assemblea pubblica

venerdì 26 giugno ore 18 – Sala Caccia di Palazzo Frizzoni (Municipio di Bergamo, piazza Matteotti)

Introduce:
Pietro Vertova, consigliere comunale dei Verdi

Interviene:

Francesco Pavin, presidio permanente No Dal Molin di Vicenza

Promuovono:
C.S.A. Pacì Paciana, Millepiani, Rete Bassa

Bookmark and Share