Tunisia

30 risultati, sezione: In movimento (vedi tutti) Rss Feed
Mille modi per dire rivolta

Mille modi per dire rivolta

Report della prima giornata della Carovana Uniti per la libertà

9 / 4 / 2011
Una giornata intensa, la prima giornata della Carovana. Giunti a Tunisi alle 11:30, abbiamo preso parte, già dal primo pomeriggio, alla conferenza stampa e all’assemblea con gli studenti e i disoccupati, presso la sede dell’Ugtt, il sindacato tunisino. Della conferenza stampa abbiamo già raccontato in un altro breve report, ci concentreremo, a seguire, ... »
Uniti per la libertà: report del primo giorno

Uniti per la libertà: report del primo giorno

Tunisi, 8 Aprile 2011

8 / 4 / 2011
Arrivato a Tunisi il gruppo dei 60 volontari italiani della carovana Uniti per la libertà coordinata dall'Ambasciata dei diritti Marche, Ya Basta e Centri Sociali delle Marche.Il gruppo è stato accolto dai volontari tunisini e dagli operatori della Mezza Luna Rossa cui sono stati consegnati i medicinali, strumentazioni mediche e alimenti per bambini arrivati in mattinata in ... »
La Carovana nel deserto

La Carovana nel deserto

Profughi: dalle Marche al confine libico

7 / 4 / 2011
Dire, gridare, manifestare contro i bombardamenti in Libia e schierarsi idealmente con i rivoltosi in Maghreb e Mashreq è importante, cosi come difendere i diritti dei migranti. Ma non è sufficiente: bisogna costruire relazioni tra persone, movimenti e associazioni in tutta l'area mediterranea per sostenere concretamente le spinte democratiche che hanno mosso i paesi della ... »
Lampedusa - Intervista a Nabila Abid. Giornalista della Radio Nazionale Tunisia

Lampedusa - Intervista a Nabila Abid. Giornalista della Radio Nazionale Tunisia

In molti fuggono dal carcere certo. Ma perché arrestati dalla Polizia di Ben Alì.

1 / 4 / 2011
In Tunisia puoi finire in carcere senza fare nulla. Sono migliaia poi le persone arrestate dalla Polizia di Ben Alì durante le rivolte che poi sono fuggiti perché perseguitati, perché hanno visto i loro fratelli morire. in questa intervista Nabila Abid, della Radio Nazionale Tunisia ci racconta la situazione dello stato sull’altra sponda del mediterraneo.Nelle stesse ... »
Dalla Tunisia all’Italia. L’accoglienza che non c’è

Dalla Tunisia all’Italia. L’accoglienza che non c’è

Estratto dell’intervista a un giovane ragazzo tunisino, raccolta dagli attivisti della campagna Welcome a Lampedusa

29 / 3 / 2011
Questo racconto descrive la condizione delle miglia di migranti, perlopiù tunisini, che sono stati e sono di fatto “detenuti” e confinati sull’isola di Lampedusa in condizioni disumane, che nulla hanno a che fare con l’accoglienza e la protezione che dovrebbe essere garantita ai profughi in fuga dalle dittature e dalle guerre. Abdel, volto giovane ... »
Uniti contro la crisi - Un progetto comune dall’Italia al Maghreb

Uniti contro la crisi - Un progetto comune dall’Italia al Maghreb

Verso l’assemblea del 19 febbraio a Reggio Emilia - Uniti contro la crisi

17 / 2 / 2011
Quando abbiamo visto le immagini degli sbarchi a Lampedusa, insieme all’indignazione per un decennio di politiche che in questo paese ancora riescono a trasformare l’arrivo di qualche migliaio di persone in un esodo biblico, il nostro sguardo è immediatamente andato alle piazze del Maghreb e dell’Egitto. Mai come in questo momento possiamo guardare agli approdi ... »
Sbarchi a Lampedusa - Il diritto di scegliere dove andare e dove restare

Sbarchi a Lampedusa - Il diritto di scegliere dove andare e dove restare

L’emergenza democrazia nel Maghreb e nel bacino orientale, ed il grande coraggio di voler cambiare

11 / 2 / 2011
Qualche migliaio di persone nelle ultime settimane, undici sbarchi solo nella scorsa notte, zero accoglienza, un’infinità di proclami ed allarmi; sono i numeri degli approdi sulle nostre coste in questi ultimi giorni, i numeri di una vera e propria emergenza (non per gli arrivi ma per le modalità di accoglienza) che va immediatamente risolta ma che può aiutarci a ... »
No voi andare Italia in barca

No voi andare Italia in barca

27 / 1 / 2011
La foto è di Ainara Makalilo. Su Rebelion potete vedere gli altri suoi scatti e leggere la preziosa analisi di Alma Allende, in spagnolo. L'ha scattata martedì nella piazza della kasbah di Tunisi, dove da ormai cinque giorni, ventiquattr'ore su ventiquattro, i giovani delle regioni più povere del paese presidiano la sede del governo per chiedere le dimissioni degli ... »
Parma - Libertà e giustizia per il popolo tunisino. La loro lotta è anche la nostra!

Parma - Libertà e giustizia per il popolo tunisino. La loro lotta è anche la nostra!

Mercoledì 19 gennaio alle ore 18 fiaccolata da Barriera Repubblica verso Piazza Garibaldi.

17 / 1 / 2011
Scendiamo in strada per manifestare la nostra solidarietà al popolo tunisino insorto per abbattere il governo di Ben Alì. Questa rivolta è stata scatenata dal gesto di Mohamed Bouazizi, nella città di Sidi Bouzid, il giovane che si è dato fuoco per protestare contro la polizia e il governo. Un gesto estremo di protesta e di ribellione, il gesto di un giovane di 26 anni, ... »
Tunisia.exe

Tunisia.exe

di Antonio Musella

10 / 1 / 2011
Quello che sta avvenendo dall’altro lato del Mediterraneo, in particolar modo quello che avviene in Tunisia, uno dei paesi del Maghreb in cui da alcune settimane si sta estendendo una rivolta sociale, lascia davvero stupiti.La meraviglia non nasce certo dalla crescente mobilitazione nata dopo la morte di Sidi Bouzid, fruttivendolo a cui la polizia di Ben Alì aveva ... »
«   1 2 3     Pagina 3 / 3