No cie » Comunicati

15 risultati, sezione: In movimento (vedi tutti) Rss Feed
Venezia - Occupata la Prefettura per la morte di Sandrine a Cona

Venezia - Occupata la Prefettura per la morte di Sandrine a Cona

Gli attivisti dei Centri Sociali del Nord-Est denunciano le responsabilità del Prefetto, oltre a quelle della cooperativa Edeco, degli enti locali leghisti e del governo per le condizioni dell'accoglienza dei migranti.

13 / 1 / 2017
A seguito della tragedia di Cona e delle dichiarazioni delle istituzioni locali, i Centri Sociali del Nord-Est hanno occupato il pontile della Prefettura di Venezia e hanno manifestato sul canale antistante a bordo delle barche. In più di cinquanta attivisti hanno denunciato le responsabilità del Prefetto per aver deciso di creare i grandi centri-lager in cui internare i ... »
Chiudiamo Ponte Galeria... ora!

Chiudiamo Ponte Galeria... ora!

27 / 1 / 2014
L'urgenza di chiudere tutti i Cie viene riproposta da quanto sta succedendo a Ponte Galeria. Da Dinamo Press l'invito alla mobilitazione del 15 febbario e un colloquio telefonico con un migrante rinchiuso nel Cie di Roma - Ponte Galeria.CHIUDIAMO PONTE GALERIAMai più CIE – Diritti e accoglienza per tuttiSabato 15 febbraio 2014 corteo al Centro d'Identificazione ed ... »
Rimini – #18D da CasaMadiba a Bologna: #stopcieforever

Rimini – #18D da CasaMadiba a Bologna: #stopcieforever

Il 18 dicembre sarà una giornata importante, l'occasione di fare vivere nelle scadenze che sono state convocate la nostra uscita della crisi.

17 / 12 / 2013
Il 18 dicembre, nella giornata internazionale dei diritti dei migranti e dei rifugiati, in moltissime città italiane ed europee prenderanno vita mobilitazioni e iniziative di lotta contro il razzismo e le politiche di esclusione, sfruttamento e detenzione dei cittadini migranti. Per questo saremo a Bologna davanti al Cie di via Mattei, per ribadire ancora una volta, ... »
#16n  Pisa,Napoli, Gradisca, Val di Susa:  i fiumi in piena delle comunità che resistono

#16n Pisa,Napoli, Gradisca, Val di Susa: i fiumi in piena delle comunità che resistono

14 / 11 / 2013
Il 16 novembre quattro luoghi simbolo della lotta per la difesa dei beni comuni e per i diritti di cittadinanza scendono in piazza: Val di Susa, Pisa, Napoli e Gradisca d’Isonzo. La lotta NoTav in Val di Susa contro la devastazione ambientale e la cementificazione del territorio; Pisa, con il suo attacco frontale all’intoccabilità della proprietà privata e la ... »
Centri Sociali del NordEst. #16N tutti a Gradisca #NoCie

Centri Sociali del NordEst. #16N tutti a Gradisca #NoCie

Chiudere definitivamente il CIE, sabato 16 novembre tutti a Gradisca d’Isonzo

9 / 11 / 2013
Dopo denunce, mobilitazioni, petizioni, lotte ripetutesi nel tempo, le rivolte delle settimane scorse dei migranti rinchiusi, che l’hanno reso inagibile, ci consegnano il CIE di Gradisca svuotato. Questa situazione va resa permanente: il CIE va chiuso definitivamente! Per quello che questo, come tutti i CIE, è e rappresenta: negazione di umanità e civiltà.Come la ... »
16 novembre. No grandi opere - Tutti a Gradisca! Chiudere definitivamente il CIE

16 novembre. No grandi opere - Tutti a Gradisca! Chiudere definitivamente il CIE

Un appello per la chiusura del CIE. Mobilitazione Sabato 16 novembre 2013 a Gradisca

1 / 11 / 2013
 L’ultima rivolta che nella notte ha avuto luogo nel CIE di Gradisca, provocando l’inagibilità accertata di cinque stanze su nove, ha ridotto a poche decine i posti disponibili, sui 248 iniziali, con una situazione di grave sovraffollamento. Si tratta della goccia che fa traboccare il vaso ed impone a tutti noi di passare dalle parole ai fatti per ottenere la ... »
Bologna città libera dai CIE, per sempre!

Bologna città libera dai CIE, per sempre!

Sull’Ordine del giorno del Comune di Bologna contro la riapertura del CIE

23 / 10 / 2013
Martedì scorso il Consiglio Comunale di Bologna si è espresso contro la riapertura del CIE di Bologna, chiuso dallo scorso marxo per lavori. Con un ordine del giorno proposto dal gruppo di SEL, il Consiglio Comunale ha dichiarato “l’indisponibilità ad ospitare sul territorio del comune un centro di identificazione e espulsione per migranti”.Il documento approvato ... »
Gradisca: sui tetti del CIE, a vedere il cielo

Gradisca: sui tetti del CIE, a vedere il cielo

Mentre i migranti salgono sul tetto del CIE, 300 persone assediano il lager di Gradisca e disobbediscono alle prescrizioni della Questura, occupando la strada, lasciando grandi scritte sui muri del cie. E ricostituendo una rete che ha un obbiettivo: chiudere il CIE, senza compromessi.

18 / 8 / 2013
Al CIE la giornata comincia sui tetti. È l'unico posto dal quale gli “ospiti” possono vedere il cielo senza che in mezzo ci sia un plexiglass o una grata.È un tetto che scotta: perché siamo in Agosto ,ma soprattutto per l'urgenza di libertà che rinchiude: “li-ber-tà li-ber-tà”, gridano i migranti da là sopra.Sono dieci giorni che salgono sul tetto rompendo ... »
17 Agosto: chiudere il CIE di Gradisca subito!

17 Agosto: chiudere il CIE di Gradisca subito!

I CIE producono barbarie e indegnità. Sono una mostruosità umana e giuridica da ogni punto di vista. Dopo le recenti rivolte la situazione a Gradisca, il peggior CIE d'Italia è invivibile e un ragazzo rischia di morire all'ospedale. Iniziamo una campagna per la chiusura.

16 / 8 / 2013
Dalla Carte Europea dei Diritti Fondamentali:Introduzione“l'Unione Europea si fonda sui valori indivisibili e universali della dignità umana, della libertà, dell'uguaglianza e della solidarietà [..] costituendo la cittadinanza dell'Unione e creando uno spazio di libertà, sicurezza e giustizia”Art. 1“La dignità umana è inviolabile. Essa deve essere rispettata ... »
Centinaia le persone detenute illegalmente sulle navi ancorate al porto di Palermo

Centinaia le persone detenute illegalmente sulle navi ancorate al porto di Palermo

24 / 9 / 2011
Guarda le immagini della detenzionee delle deportazioni dei migranti dalla nave dei "cartoons" del porto di palermo. Le riprese sono di Enrico Montalbano. Gli ultimi aggiornamenti dicono che nella domenica mattina le navi sono state spostata in un luogo inaccessibile e nascoste alla vista, probabilmente in risposta al presidio antirazzista convocato per il pomeriggio al ... »
1 2   »     Pagina 1 / 2