"Parasite": dalla Corea del sud una finestra sul neoliberismo

Intervista a Max Balhorn, della Chung – Ang University di Seoul, sul film del regista sud coreano Bong Joon-ho

8 / 1 / 2020

Parasite è il film del regista sud coreano Bong Joon-ho  che ha riscosso particolare successo di critica e di pubblico, uscito in Italia lo scorso autunno.  Il film è ambientato in Corea del Sud, paese di cui si è parlato negli scorsi anni su Global Project, intervistando alcuni attivisti di mobilitazioni e scioperi importanti avvenuti nel paese. Circa tre anni fa, nel dicembre del 2016 infatti, si registrò la notizia delle imponenti manifestazioni per chiedere la dimissione dell’allora presidente del paese, come potete leggere qui. Mentre lo scorso anno, sempre a dicembre, è stato pubblicato un pezzo sullo sciopero generale attuato nel paese contro una legge che attaccava i diritti dei lavoratori, come potete leggere qui. Ma torniamo a Parasite: per capire meglio alcuni dei temi sociali che emergono dalla pellicola incentrata sui destini delle vite che si incrociano tra una famiglia di poreri ed una di ricchi della Corea del Sud, di seguito un’intervista a Max Balhorn, dottorando presso la Chung – Ang University di Seoul, autore di un articolo pubblicato su Jacobin Magazine dal titolo “Parasite, una finestra sul neoliberalismo della Corea del Sud”.

Perchè, come hai affermato, Parasite è una finestra sul neoliberismo?

Molte persone che hanno visto il film hanno commentato che questo non è solo un film sulla Corea del Sud, ma un film che descrive la vita di molti altri paesi. È importante notare che sebbene i riferimenti culturali e gli esempi nel film siano inseriti nel contesto sudcoreano, è una storia piuttosto universale. Quando il regista Bong Joon Howas ha chiesto come avrebbe spiegato il successo del film, ha risposto dicendo: «Il film parla di due famiglie opposte, dei ricchi contro i poveri, e questo è un tema universale, perché viviamo tutti nello stesso paese attualmente: quello del capitalismo»

Come ho scritto in un articolo pubblicato su Jacobin, il film mostra la natura precaria della vita sotto il capitalismo neoliberista. Il film non riguarda solo le disparità di ricchezza tra ricchi e poveri, ma anche la psicologia dell'essere poveri in un mondo neoliberista che ti dice sempre «se hai appena lavorato un po’ duramente, imparato un'altra abilità o capito come venderti nel modo giusto, potresti fare di meglio».

Questo viene fuori in Parasite nel modo in cui la famiglia Kim deve impegnarsi in più lavoretti per riuscire a cavarsela. La narrazione menziona che il padre, Kim Ki-taek, possedeva un ristorante di pollo, una pasticceria taiwanese e lavorava come daeri driver, qualcuno che accompagna a casa gli ubriachi. Questa è stata una scelta intenzionale da parte del regista Bong. Tutti questi lavori sono simbolici del tipo di lavoro autonomo e senza tutele che molti sudcoreani devono svolgere a causa della mancanza di posti di lavoro stabili e ben pagati con le dovute garanzie sociali.

Il film, a partire dal suo titolo, fa emergere alcuni termini propri dell'ordine del discorso neoliberista. La famiglia della sottoclasse è quella dei "Parassiti", lo stesso termine con cui un ministro francese ha definito i manifestanti Gilets Jaunes in piazza attraverso Twitter, o usato dalla stampa tedesca che ha definito in questo modo il popolo greco nell'estate del 2015 nella crisi del debito, o come nello spot contro l’evasione fiscale del governo Monti in cui l’evasore fiscale, comparato a un parassita come una tenia o una zecca, aveva le fattezze di un disoccupato sovrappeso con la camicia sgualcita. Nel tuo articolo hai anche parlato di espressioni come "avere un piano" o "guadagnare rispetto" utilizzate nel film. Puoi dirci qualcosa al riguardo?

Ciò che mi ha colpito del film è il contrasto tra la stabilità della famiglia Park rispetto alla transitorietà e la fragilità della famiglia Kim. Avere ricchezza e opportunità consente di far finta che tutto sia andato a posto esattamente come uno ha pianificato, mentre gli sfruttati lottano per trovare dignità e scopo quando vengono messi nelle condizioni di dover saltare da un lavoro all'altro. Penso che Bong abbia chiaramente deciso di chiarire questo punto nel suo film. In una conversazione tra la madre e il padre della famiglia Park, il padre dice: «I bambini delle famiglie ricche non hanno pieghe». La madre risponde: «Tutto si risolve. Il denaro è un ferro da stiro. Quelle pieghe vengono tutte appianate ». La famiglia Kim, d'altra parte, è piena di pieghe: sono continuamente costretti a sentire che i loro fallimenti sono loro stessi.

In una scena simile del film, il figlio, Ki-woo, guarda in basso dove la ricca figlia della famiglia Park è a una festa di compleanno che viene organizzata per il figlio minore. I ricchi presenti di seguito mangiano pasti fantasiosi e sorseggiano vino, un uomo ben vestito ride mentre suona il violoncello e un piccolo gruppo di donne chiacchiera con lo chef occidentale, assunto per organizzare la festa. Mentre guarda la festa, Ki-woo dice a Da-hye, la ragazza che sta insegnando, «Wow. Tutti sembrano così meravigliosi, vero? Anche per un incontro improvviso, sono così fighi. E sembra così naturale». Quindi si gira verso di lei, dicendo «Da-hye. Mi inserisco qui?». In un mondo di disuguaglianze sempre più nette in cui le abitudini e gli stili di vita di sfruttatori e sfruttati divergono così drammaticamente, tali differenze sembra siano il risultato di un tratto innato e immutabile dell'individuo.

Un recente sondaggio della Commissione nazionale per i diritti umani della Corea ha rivelato che il 66% dei giovani disoccupati o a basso reddito ha riferito di evitare impegni sociali e persino compleanni familiari perché sono preoccupati per lo stress aggiuntivo che metterà sulla loro situazione finanziaria già stressata. Ciò è in netto contrasto con la vita delle persone alla festa nel film: sono in grado di curare hobby costosi e gusti raffinati. In effetti, la domanda di Ki-woo rivela che l'immobilità di classe e la polarizzazione della ricchezza sono state riverse in due mondi: uno abitato dai ricchi e uno fatto per i poveri. Quando tali disparità diventano così esagerate, sembra che i ricchi siano una specie diversa. Questo spiega perché Ki si destreggia con se stesso deprecando, seppure non "si inserisce qui". Ancora una volta, questo si riferisce al tema della naturalizzazione delle classi, come se semplicemente la capacità del singolo individuo consista nell’avere “un piano" e attenersi ad esso, qualcosa che è ovviamente molto più facile per quelli con ricchezza ereditata.

Un altro aspetto simbolico del film sono i lavori svolti dal padre della famiglia Park, Kim Ki-taek. Un momento cruciale del film è quando il signor Park dice al padre della famiglia Kim: «Rispetto le persone che lavorano nello stesso campo da molto tempo». Contesto cruciale per questo è che Mr. Kim ha lavorato come pilota Daeri prima di ottenere il suo lavoro con Mr. Park. Negli ultimi dieci anni, i Daeri drivers in Corea del Sud hanno cercato di formare un sindacato nazionale, ma sono stati continuamente bloccati dal Ministero del Lavoro. Il punto è che l'incapacità di organizzare e formare un'unione è ciò che impedisce al signor Kim di "avere un piano" e lavorare nello stesso campo per lungo tempo, non una cattiva etica del lavoro o mancanza di carattere. Proprio questo dicembre, sette dirigenti di Samsung sono stati condannati al carcere per attività illegali di espulsione del sindacato. I lavoratori sudcoreani sono sicuramente sotto attacco su tutti i fronti quando si tratta di garantire le condizioni per vivere una vita sicura e stabile.

Nel film i giovani della famiglia della "sottoclasse" hanno un ruolo da protagonisti. La loro caratteristica è quella di essere intellettualmente molto preparati e parte del general intellect proveniente dalla formazione del mondo capitalista, ma di essere tra gli sfruttati del sistema. Qual è la situazione dei giovani in Corea del Sud oggi?

Fai una grande domanda: come possono i giovani figli della famiglia Park essere così ben istruiti eppure così lasciati indietro dal sistema? In Corea del Sud, la concorrenza per lavori dignitosi e stabili con garanzie sociali è feroce e la corsa per ottenerli inizia molto presto. I bambini coreani trascorrono molto più tempo nell'istruzione post-scuola rispetto ai loro coetanei dei paesi occidentali e i liceali spesso dedicano la loro vita da giovani adulti a studiare per il Suneung, o il test di scolasticità coreano, che svolge un ruolo determinante per sapere poi in quali università sarai accettato. Di recente ho letto un articolo su Hankyoreh, un giornale progressista sudcoreano, in cui si afferma che il 30% dei laureati sudcoreani è troppo qualificato per i loro lavori attuali.

Come hai visto in Parasite, la penalità per non aver ottenuto un lavoro con una grande azienda o al governo significa una vita di precarietà, difficoltà e debito. Se sei un giovane sudcoreano che ha fatto il culo al liceo e al college per andare avanti, e ora ti rimangono notevoli debiti con le tasse scolastiche e stai guadagnando abbastanza soldi per cavartela con poche prospettive di ottenere un lavoro che fornirà comfort e stabilità, puoi immaginare che susciterebbe molto risentimento. Ancora una volta, questa situazione non si limita alla Corea. E per questo motivo, penso che il film sia in risonanza con il pubblico di tutto

Bookmark and Share