La Bosnia tra passato e futuro: dalla guerra civile alle recenti rivolte popolari

19 marzo h 18.00 al CS Rivolta con la partecipazione di Andrea Rizza e Zijo Ribic.

17 / 3 / 2014

Mercoledì 19 marzo alle h18.00 presso Osteria la Rivoltella:

La Bosnia tra passato e futuro. Dalla guerra civile alle recenti rivolte popolari.

Un dibattito con esperti e amanti dei territori bosniaci.  Si terrà inoltre la presentazione del libro "Buongiorno Bosnia, dobardan Venecija".

Ne discutono insieme:

Zijo Ribić, testimone della guerra

Andrea Rizza, Fondazione Alexander Langer Stiftung

Gianfranco Bettin, assessore all'Ambiente, Politiche Giovanili e Centro Pace del Comune di Venezia

Marko Urukalo, Global Project

modera:

Riccardo Bottazzo, associazione Buongiorno Bosnia e curatore del libro

--------------------------------------------------------

Buongiorno Bosnia - Dobardan Venecija è il nome del progetto poi associazione che dal 2010 si reca in Bosnia durante la settimana della memoria per un viaggio commemorativo.
Un progetto sviluppato dal Centro Pace di Venezia in collaborazione con la Fondazione Langer di Bolzano che ogni anno porta dei giovani italiani nei territori in cui poco più di 15 anni fa si è consumato uno dei conflitti più grandi e atroci della seconda metà del XX secolo.
Il libro, curato da Riccardo Bottazzo, è un'opera corale, che racchiude diari di viaggio, impressioni personali e capitoli informativi riguardanti i progetti in atto con le realtà bosniache.
Dall'introduzione di G. Bettin: "...Racconta le carovane e i convegni, la documentazione storica e l’informazione corrente. Racconta soprattutto lo sforzo di tener desta l’attenzione su quanto accade oggi nei Balcani, dopo che le luci dei media si sono spente o si sono spostate altrove. La guerra è atroce, tremenda. Ma anche la pace, malgrado l’assenza di combattimenti, può essere durissima, amarissima."
facebook: 

--------------------------------------------------------

Tratto da www.alexanderlanger.org:

"A dispetto della giovane età, Zijo Ribic ha saputo prendere in mano la propria storia di sopravvissuto di Srebrenica con maturità di coscienza politica e universalismo di azione. Il coraggio per niente accomodante che ha ispirato le scelte di Zijo Ribic lo ha spinto a trasformare la propria condizione di vittima in quella di protagonista di un percorso di riconciliazione."

"La storia di Zijo Ribic guarda ad un futuro diverso, testimoniando l’inequivocabile fallimento dell'aberrante filosofia politica che ha determinato la lunga e tragica guerra in ex Jugoslavia. Egli ben conosce la discriminazione storica subita dalla popolazione Rom, eppure la sua ricerca di giustizia non risulta mai confinata a una lettura etnica della vicenda da lui vissuta. La sua azione invece è orientata al superamento dell’odio e al dialogo, nel pieno riconoscimento del valore assoluto della persona."

siti consigliati:

http://www.balcanicaucaso.org/

Bookmark and Share

Eventi

19/3/2014 18:00 > 19/3/2014 20:00