Promosso dal Centro Sociale Autogestito Fabbri

Fabriano - R.i.p.Arte Festival IV

Arte e comune, lo spazio e il tempo di R.i.p.Arte. Dal 10 al 12 giugno

10 / 6 / 2011

Il compito attuale dell'arte è di introdurre caos nell'ordine.
Theodor Adorno

...Arte e "comune" sono paradigmi di uno stesso sentire perché la loro intersezione può essere facilmente descritta da una relazione biunivoca: arte come comune e il comune nell'arte.
Il primo termine della relazione nasce dalla nostra consapevolezza che il patrimonio artistico è in sé fondamentalmente comune in quanto è bene collettivo, da preservare e tutelare, che vive e si manifesta all'osservatore a prescindere da qualunque concetto di proprietà, sia pubblica che privata. Il senso del bello corre attraverso le ere, plasmando e mutando se stesso ed entrando nelle soggettività che lo declinano e gli danno forma. Questa molteplicità, ricchezza ed eterogeneità di forme prodotte, diviene immediatamente “bene comune” solo se scissa dal concetto di lucro, di appartenenza e di proprietà oltre che dalla narcisistica autocontemplazione. La libera fruizione dell'arte permette di scambiare, rielaborare in autonomia, creare e condividere il senso del bello, fare nostro - in modo empatico e non canonico - il lungo cammino di liberazione artistica dell'animo umano.
Il secondo termine della relazione è invece inerente all'atto creativo. La produzione immateriale è per sua natura illimitata, vive in un inframezzo tra il sogno e la realtà, non è mediata nella sua creazione ma immediata ed autonoma. Il libero flusso della creatività rompe tutte le barriere e gli steccati, come una tempesta di sabbia non conosce limiti o confini ma soprattutto ci permette di sperimentare un atto liberatorio, un caos che spezza le catene delle convenzioni. Il "comune" nell'arte è riscontrabile non esclusivamente nelle varie declinazioni delle forme prodotte, ma soprattutto negli atti generatori a monte, che ci parlano di indipendenza e autonomia. Questi lampi di energia non servono esclusivamente al diletto e al piacere ma ciò a cui daranno vita sarà una vera e propria modifica dell'esistente, un atto rivoluzionario.
Da queste considerazioni nasce e si sviluppa l'edizione di quest'anno del R.I.P.Arte festival. Il nostro territorio è stato per molto tempo caratterizzato da spazi di vita recintati: la compressione della socialità e della libera cultura, a favore della dilatazione dei tempi di lavoro e di fabbrica, non ha permesso la creazione di momenti di confronto e di produzione artistica, e per noi, innanzitutto, R.I.P.Arte ha uno scopo di ribellione. Riteniamo infatti che il fare artistico non debba essere mutuato né dai potenti né dai presunti mecenati, come quasi sempre avviene a Fabriano. Il terreno su cui vogliamo impostare la nostra ribellione, il nostro urlo dal sottosuolo, è “il comune”. Lo spazio e il tempo di R.I.P.Arte sono quindi liberati e deistituzionalizzati, sono a disposizione di tutti ma non sono di nessuno perché fuori della logica della proprietà e di qualunque copyright. L'Arte è un atto di ribellione che ci deve narrare di sogni,di indipendenza,di libertà e di autonomia.

PROGRAMMA
Venerdì 10 giugno

ore 18 - Loggiato S. Francesco Inaugurazione mostra / Conferenza Stampa
ore 19 - Loggiato S. Francesco Presentazione Frame "14122010" con Burp! e TPO Bologna
ore 21,30 - Giardini del Poio UR.L.O, Urbino Laptop Orchestra (Accademia delle Belle Arti di Urbino) / Tavola rotonda "Arte e beni comuni"

Sabato 11 giugno

ore 10 - Loggiato S. Francesco

Apertura mostre
ore 15 - Via Artistide Merloni
WALL PASSION, Performance di graffiti e street art Smoking Minds Ten Years BLU - DEM - ERICAILCANE - ELEURO - LEMEH 42 - MOSONE
ore 16 - Via Aristide Merloni
Laboratorio di stampa creativa (timbri/stencil…)
a cura di Zabar
ore 24 - CSA Fabbri
ELECTRO RIOT (electro/tekno/breakbeat) con:Beat Pusher, Torino/Milano Get Electrified, FirenzeFat Bitch, Marche

Domenica 12 giugno

ore 10 - Loggiato S. Francesco

Apertura mostre
ore 15,30 - Piazza del Comune
Laboratorio per bamabini con Giulia Sagramola
ore 18 - Ridotto del Gentile
"SOUL */ UNDER CONSTRUCTION", spettacolo di danza
BricolageDanceMovement, Roma
ore 18,30 - Ridotto del Gentile
"Ecco la storia" Spettacolo teatrale Laboratorio autogestito "Inizio Tassativo", Bologna
Mostre personali:

PALAZZO DEL PODESTA' - MURDO, pittura
PALAZZO DEL PODESTA' - ALESSANDRO BOOKA E BETTIES KLER, illustrazioni tattoo
PALAZZO DEL PODESTA' - KAYA & CIRO'S Rgb Crew
MUSEO DELLA CARTA - USOMANO - esposizione sulle autoproduzioni in carta
PRESSO LOCALI ORATORIO DELLA CARITA' - SILVIA "LA Q" MATTEINI – fotografia

Durante la tre giorni sarà possibile visitare gratuitamente il Museo della Carta e della Filigrana e la Pinacoteca Comunale

AUTOPRODUZIONI
Saranno allestiti banchetti di autoproduzioni (fumetti, fanzine, musica, oggettistica) lungo il Loggiato S. Francesco.

Per info contattare: ripartefestival@autoproduzioni.net

http://ripartefestival.altervista.org/

http://csafabbri.noblogs.org/

Bookmark and Share