Vincere le elezioni e non poter governare

Sebbene in Honduras ci sia un potente movimento popolare che sostiene criticamente il governo, cosa che non accade in Perù, i risultati per ora sono molto simili: c’è un governo ma non si riesce a governare.

19 / 2 / 2022

Le recenti vittorie elettorali in alcuni paesi dell'America Latina stanno insegnando i limiti della governabilità in questi tempi turbolenti, in particolare nei paesi in cui gli stati sono strutturalmente fragili di fronte alle classi economicamente dominanti e alle mafie narco-paramilitari.

Il maestro Pedro Castillo è riuscito a imporsi con pochi voti sull'ultradestra di Keiko Fujimori e Xiomara Castro è riuscita a spodestare i politici corrotti del suo paese, con una comoda vittoria. In entrambi i casi, è la prima volta che le forze progressiste arrivano al governo nei rispettivi paesi, ad eccezione del governo militare riformista di Juan Velasco Alvarado in Perù (1968-1975).

Tuttavia, è più che difficile per entrambi realizzare le aspirazioni di coloro che li hanno votati e le proprie promesse elettorali, al di là della volontà onesta delle rispettive presidenze.

Castillo vaga di crisi in crisi. Ha appena nominato il suo terzo gabinetto in soli sei mesi. Giorni fa, il ministro dell'Interno Avelino Guillén si è dimesso a causa di discrepanze con il comandante generale della polizia. Il ministro intendeva relegare il comandante per l'uso della forza in tempi di boom criminale che, come è noto, ovunque è regolato dalle forze di polizia.

Le dimissioni di Mirtha Vásquez sono ancora più gravi, dal momento che proviene dal movimento sociale ed è stata la persona più di sinistra nel governo. Nella sua lettera di dimissioni ha messo il dito nella piaga: "La crisi nel settore del Ministero dell'Interno non è una questione qualsiasi o congiunturale, è l'espressione di un problema strutturale di corruzione in vari gradi dello Stato".

La rappresentante della sinistra Vásquez è stata sostituita come capo del Consiglio dei Ministri dal conservatore Héctor Valer, membro dell'Opus Dei, accusato di violenza contro la moglie e la figlia, corruzione e dichiarazioni misogine e anticomuniste durante la campagna elettorale.

"Per quanto tempo Castillo potrà rimanere al potere in mezzo a tanta instabilità?" si chiede il corrispondente della BBC a Lima, ricordando che Castillo "è stato il quinto presidente del Perù negli ultimi cinque anni".

L'aumento della criminalità, che preoccupa sempre più i peruviani, ha portato alla dichiarazione dello stato di emergenza nelle regioni di Lima e Callao da parte del precedente gabinetto, il che significa portare i militari nelle strade a sostegno della polizia.

In Honduras, le cose non stanno andando meglio. Giorni prima dell'insediamento di Castro, il 40% del suo gruppo parlamentare (20 deputati su 50) è passato all'opposizione neoliberista conservatrice che è stata appena sostituita nell'esecutivo. Con loro perde la maggioranza al Congresso e deve governare "in salita", già dal giorno del suo insediamento.

Alcuni analisti sostengono che l'Honduras sta vivendo una "situazione rivoluzionaria". Quando la polizia ha tolto le recinzioni attorno al Parlamento, si è riempito di manifestanti. "Ragazze e ragazzi si sono seduti sui sedili dei parlamentari e hanno preso i loro microfoni; i venditori del mercato informale sono entrati nell'edificio per vendere acqua e noci alle persone che si sono riunite in un atto di recupero di questo spazio pubblico".

Di fronte a un tale clima di irruzione popolare, l'amministrazione Biden è corsa a sostegno dell'élite locale e transnazionale sfollata. I risultati si sono fatti sentire immediatamente.

Castro ha cambiato radicalmente la sua posizione nei confronti della Cina. Si era impegnata a rompere con Taiwan, ma quando è stata eletta ha deciso che "stabilire relazioni con la Cina non è una priorità e continuerà a rafforzare i suoi legami con Taiwan".

Kamala Harris ha partecipato alla cerimonia di inaugurazione di Xiomara Castro in uno stadio gremito, dove secondo l'analista Alfredo Jalife ha cercato di "fermare l'inarrestabile migrazione verso il Messico e gli Stati Uniti e rinviare le relazioni con la Repubblica popolare cinese" dopo che il Nicaragua è stato incorporato nella Via della Seta".

Un paio di fatti che rivelano come l'Honduras non sia una nazione sovrana ma un protettorato. Harris è arrivata con un grande entourage e diversi veicoli blindati alla base militare Enrique Soto Cano (una delle più importanti basi militari statunitensi) e non all'aeroporto internazionale di Toncontín dove sono arrivati gli altri visitatori."La vicepresidente degli Stati Uniti è stata portata in un elicottero Chinook da Comayagua a Tegucigalpa, la capitale del paese", dove è stata ricevuta dalle autorità. A mio avviso, questi "dettagli" sono più rivelatori dei discorsi che sono, in definitiva, solo parole.

Sebbene in Honduras ci sia un potente movimento popolare che sostiene criticamente il governo, cosa che non accade in Perù, i risultati per ora sono molto simili: c'è il governo ma non si può governare; per non cadere nella critica del personalismo, mi limito ad affrontare un paio di questioni strutturali.Il primo è la dipendenza dei nostri paesi dalle multinazionali e dagli Stati Uniti, che impediscono loro di esercitare liberamente la loro presunta sovranità nazionale. Castro si è scontrata frontalmente con questo limite, ma non lo esprime.

Il secondo è la conformazione stessa degli stati-nazione latinoamericani, coloniali, antidemocratici, profondamente oligarchici e corrotti. Castillo ha nominato un gabinetto pieno di mafiosi, ma non lo spiega.

Una sintesi di entrambe le situazioni: il neoeletto presidente cileno Gabriel Boric, Pedro Castillo e il probabile futuro presidente della Colombia, Gustavo Petro, si sono espressi contro il governo di Nicolás Maduro; e Castillo anche contro Cuba e Nicaragua.

Indipendentemente da ciò che tutti pensano di questi governi, il problema è che li criticano negli stessi termini degli Stati Uniti e della destra del mondo. Atteggiamento che rivela il vassallaggio, sia nei confronti dell'impero che nei confronti delle classi dirigenti di ogni paese.

Traduzione di Christian Peverieri dall’originale, pubblicato su naiz.eus.

Bookmark and Share