Turchia - In migliaia sfidano i divieti nel giorno dell'anniversario di Gezy Park

Cronaca da Milano in movimento - Articolo in aggiornamento

1 / 6 / 2014

Durissima la violenza di Erdogan contro i manifestanti nell'anniversario di Gezy Park.

La Piattaforma Taskim Solidarity  aveva invitato tutti in piazza a 19 nella Piazza simbolo di Taksim e in molte altre città del Paese.

Erdogan aveva vietato ogni concentramento: "alle nostre forze di polizia sono state date istruzioni chiare. Faranno tutto ciò che è necessario" ed infatti per cercare di fermare i manifestanti sono stati schierati nella sola Istanbul più di 25mila agenti appoggiati da 50 blindati.

Ma nonostante questo imponente schieramento migliaia di persone sono scese in piazza a Istanbul, Ankara, Antalya, Adana e in altre città sono scese in piazza, sfidando lacrimogeni, idranti e cariche per affermare il diritto a manifestare e riportare nelle strade i temi delle lotte di quest'anno: la libertà, i diritti e la difesa dei beni comuni contro il saccheggio e la devastazione. 

Presi di mira durante le violenze della polizia anche diversi giornalisti che documentavano quel che succedeva mentre in rete decine di foto e video attestavano le brutalità della polizia.

Lacimogeni anche verso le finestre dei palazzi da cui la gente solidarizzava con i manifestanti.

Gli scontri sono durati fino a tarda notte, gli avvocati turchi parlano di più di un centinaio di fermati a Istanbul.

CRONACA DA MILANO IN MOVIMENTO

Istanbul blindata ad un anno dalla rivolta (aggiornamenti)

 Ad un anno dalla rivolta di Gezi Park e di Piazza Taksim Istanbul risulta completamente blindata.

In questo anno il governo Erdogan ha aumentato la morsa repressiva sul paese (come ben dimostrato dalla feroce repressione delle proteste dopo la strage nella miniera di Soma). La società turca sembra però in continuo movimento.

Questi gli aggiornamenti dalla città: divieto di riunirsi, nessuna manifestazione autorizzata, piazza blindata, i quartieri popolari e via di fuga occupati militarmente, poliziotti ad ogni angolo e ogni dove, vie laterali bloccate, elicotteri in aria, cielo grigio a rischio pioggia.

15,15 –  Istiklal Caddesi, la lunga via pedonale che dalla parte medievale della città porta a Piazza Taksim è completamente bloccata. Polizia in tutte le vie laterali.

16,23 – Mentre Erdogan, con i soliti toni arroganti ed autoritari minaccia la piazza pontificando che: “Non vi sarà consentito fare come l’anno scorso”. Si parla di un blitz ad un’agenzia di stampa (oltre al fermo e successivo rilascio di una troupe della CNN). Si parla di qualcosa come 25.000 agenti mobilitati.

16,45 – Arresti immotivati avvengono su Istiklal Caddesi. L’apparato poliziesco è schierato ovunque.

10390520_10204137921156224_2905538479398474212_n

 16,53 – Giunge notizia di una prima carica su Istitklal in direzione Taksim, ma visto lo spiegamento di forze e la frammentarietà della situazione è difficile verificare.

17,01 – Su Istiklal diversi concentramenti spontanei. Tra i vari canti di lotta, come l’anno scorso, risuona “Bella Ciao”.

10390358_10204138012998520_5871389224440581703_n

  18,15 – Utilizzo di gas sempre nella zona di Istiklal. Poliziotti in borghese eseguono fermi.

Istiklal

 18,51 – Incidenti in corso a Cihangir, una zona molto vicina a Piazza Taksim.

Bo-nRqkCUAAe8sB

 18,55 – La polizia carica i manifestanti in fondo a Istiklal spingendoli verso Galata Tower (https://vine.co/v/MpueLgHXWhh). Lo scopo principale sembra quello di impedire a qualsiasi costo ai manifestanti di raggiungere Taksim ed ai concentramenti di strutturarsi.

19,03 – Incidenti in corso anche ad Ankara con massiccio uso di idranti.

19,05 – Incidenti in corso anche nella città di Adana, nel Sud del paese. Ad Istanbul, plotoni di polizia vengono fermati dalla popolazione solidale.

19,57 – Barricate a Galata (Istanbul).

10330519_10203724383501295_4613405744372024158_n

20,03 – Manifestazioni anche a Denizli, Kadikoy, Antakya e molte altre città.

20,08 – Fermi violenti ad Istanbul.

20,15 – Su Istiklal i fermi sono assolutamente casuali.

20,23 – Continua l’uso massiccio di lacrimogeni per contrastare qualsiasi tipo di assembramento ad Istanbul: https://vine.co/v/Mpu30QqE5aj

1,49 – Incidenti in moltissime città turche. Ad Istanbul si parla di molti arresti con cifre che vanno da 70 a più di 100. Repressione molto dure con cariche indiscriminate verso qualsiasi tipo di assembramento. Il governo Erdogan non ha nulla da invidiare in termini repressivi con le giunte militari di 30 anni fa (sempre e comunque fedeli cani da guardia della NATO). Impressionanti l’assordante silenzio dell’Europa e degli Stati Uniti…

Bookmark and Share

Istanbul - Anniversario Gezi Park

Istanbul - Anniversario Gezi Park (2)