Giovedì 24 ottobre a Piedicastello

Trento - Incontro "La terra è un bene comune" con Mauro Millàn del Popolo Mapuche

Conflitti e pratiche del comune per difendere la biodiversità

20 / 10 / 2013

 

Giovedì 24 ottobre 2013 ore 20.30

Associazione Ya Basta Trento

Sala circoscrizionale Piedicastello, via Verruca 1 - Trento

La terra è un bene comune
Conflitti e pratiche del comune per difendere la biodiversità


Ne parliamo con:

* Mauro Millàn - portavoce dell’Organizzazione Mapuche "11 de Octubre"

* Milo Tamanini - Associazione Richiedenti terra, l'esperienza dell'Orto Villano

* Franco Tessadri - comitato di Mattarello per la riqualificazione del terreno "ex base militare"

coordina:

* Francesca Stanca - Associazione Ya Basta

Durante la serata presentazione del progetto "Tierra Nuestra", a sostegno di un orto/laboratorio di produzione agricola comunitaria nella comunità Mapuche Pillan Mawiza in Patagonia, cofinanziato dal Servizio Solidarietà internazionale della Provincia Autonoma di Trento.

L'incontro sarà disponibile in diretta in streaming su www.globalproject.info

------------------

Giovedì 24 ottobre alle 20.30, presso la sala circoscrizionale di Piedicastello in via Verruca, si terrà un incontro durante il quale si intrecceranno le esperienze di lotta in difesa della terra e si condivideranno le pratiche di riappropriazione dei beni comuni che attraversano non solo i nostri territori, ma anche paesi lontani.

E' la terra e la sua ricchezza ancestrale il filo conduttore di una serata che ripercorrerà le pratiche in difesa dei beni comuni dal Trentino all'Argentina.
Sarà infatti ospite della serata Mauro Millàn, portavoce dell'associazione Mapuche "11 de octubre" della Patagonia Argentina, che nel cuore delle terre usurpate da Benetton si batte quotidianamente per il loro recupero, per la difesa della cultura e lingua mapuche e che porta avanti battaglie contro la costruzione di megaprogetti che devastano il territorio di tipo minerario ed idroelettrico.
La serata raccoglierà anche l'esperienza dell'orto comunitario di Villazzano: Milo Tamanini dell'associazione Richiedenti Terra racconterà di come è possibile sottrarre appezzamenti di terreno della città alla rendita e alla speculazione attraverso il ritorno alla terra. Un'alternativa concreta alla cementificazione non solo per recuperare il contatto con la terra e il suo valore sociale, ma per conservare la preziosa biodiversità che ci offrono i nostri territori.

Ospite all'incontro anche Franco Tessadri del comitato dei cittadini di Mattarello, che approfondirà l'inizio della campagna per la riqualificazione dell'area in cui erano stati avviati i lavori per la costruzione della base militare: nuove proposte e progettualità in quella zona della città che era stata espropriata alla coltivazione per un progetto militare. Una partita ancora aperta e che i movimenti vogliono vincere riportando il terreno ad un uso agricolo e sociale.

Durante l'incontro saranno inoltre presentati i progetti che l'Associazione Ya Basta sta realizzando in Patagonia con il contributo del Servizio Emigrazione e Solidarietà Internazionale della PAT.

www.yabasta.it

Bookmark and Share