Taiwan. In costruzione il quarto reattore nucleare in una zona a rischio

Il governo di Taiwan sta costruendo una quarta centrale nucleare a grande rischio, perché si trova in una zona sismicamente attiva e nonostante l'opposizione dei cittadini.

7 / 4 / 2013


Il fine settimana prima dell'anniversario del disastro di Fukushima, decine di migliaia di persone si sono radunate in Giappone, chiedendo la fine dell'uso dell'energia nucleare nel Paese. Si stima che circa 40.000 manifestanti sono scesi per le strade di Tokyo, nei vari eventi sparsi in tutta la città di Domenica 10 marzo a chiedere la fine  del programma nucleare del Giappone.

Dopo l'incidente di Fukushima, il governo giapponese prevede di chiudere molti dei reattori di 54 a poco a poco. Tuttavia, in questi giorni il nuovo governo giapponese, eletto nel fine dell'anno scorso, ha dichiarato che si sta rivedendo la decisione del precedente governo della chiusura nucleare. Nel frattempo, la Germania è irremovibile nel chiudere la loro scadenza nucleare nel 2022, dopo l'incidente nucleare di Fukushima.

Ma Taiwan non sta seguendo questa strada. Nonostante le promesse di abbandonare l'energia nucleare, il presidente Ma Ying-jou è a favore dell’ apertura di una quarta centrale del paese, quasi terminata, nonostante l'opposizione dell'opinione pubblica. La quarta centrale nucleare sull'isola di Taiwan ha gravi carenze come segnalato dai gruppi ambientalisti

Anche per le strade di Taipei, la capitale della vicina isola di Taiwan, centinaia di migliaia di persone hanno manifestato per commemorare la stessa data e con esigenze analoghe a quelle di proteste giapponesi. In 200.000 erano cittadini di Taiwan che hanno chiesto l'inizio di un'era "zero nucleare", e in particolare la sospensione della realizzazione di qualo che sarà la quarta centrale nucleare del Paese: Longmen.

 Longmen è una centrale in costruzione dal 1997 e il suo completamento è stato ritardato più volte a causa di tutte le polemiche che ha suscitato fin dalla sua nascita e per l'evoluzione delle politiche energetiche dei vari governi a Taiwan.
Situato nel distretto di Gongliao, a soli 40 km dalla città di Taipei, l'impianto è motivo di polemiche già dall’inizio della sua costruzione. Inoltre, il disastro di Fukushima nel 2011 ha drasticamente alimentato l'opposizione pubblica al progetto. Più di cinque milioni di persone in tutta Taipei e si trovano a distanze simili di altre due centrali nucleari. Il governo stesso ha ammesso che sarebbe impossibile evacuare la città in tempo in caso di un disastro nucleare.

L'impianto, completato al 96%, non è solo su una linea di faglia di alta attività sismica, ma è anche situato sulla costa, su un'isola come Taiwan si trova ne ll’ Anello di Fuoco del Pacifico, l'area più alto rischio di Tsunami in tutto il mondo. La società appaltatrice della costruzione di Longmen, la Taipower Co è priva di qualsiasi esperienza nel montaggio di questi impianti e ha esternalizzato la produzione dei componenti a diversi fornitori nazionali e compagnie straniere inesperti e senza rapporti tra loro. Una operazione che pretwndere di amalgamare  elementi molto differenti tra loro e che non si è mai vista nella storia del nucleare. Le tre centrali nucleari attualmente in funzione a Taiwan sono state costruite interamente dalla Westinghouse e General Electric negli USA negli anni '70, quando l'isola era sotto la dittatura di Chiang Kai-Shek. Inoltre, il costo dell'impianto di Longmen, denominato "Central Numero Quattro" è aumentato con successivi incrementi di bilancio, che sono passati da NT $ 167.900 milioni inizialmente preventivati ad un importo che è già raddoppiato a 330,000 milioni di euro dollari di Taiwan (8.500 milioni di euro).

Gli organizzatori della marcia di Taipei, i cittadini  della Green Alliance Action, lamentano che con tutti questi soldi che si sarebbe potuti utilizzare per investire in fonti di energia alternative e, soprattutto, per trovare una soluzione al grave problema che deve affrontare Taiwan dei rifiuti nucleari degli impianti in funzione.

Taiwan ha solo un deposito centrale di rifiuti sull'isola di Lanyu, di 45 miglia quadrate e la cui popolazione indigena, i Tao, da tre decenni combattono contro l'industria nucleare e la sofferenza dei casi di contaminazione radioattiva.

Il cimitero nucleare Lanyu ha raggiunto il suo limite di capacità negli anni '90 e da allora le centrali taiwanesi mantengono i loro rifiuti stoccati all'interno delle proprie strutture, aumentando notevolmente il rischio che un incidente divenga una grave catastrofe. Il presidente del paese, Ma Ying-jou, del partito Kuomintang pro nucleare, ha respinto la possibilità di fermare l'avanzamento del progetto perchè sarebbe incostituzionale un intervento del potere esecutivo che aprirebbe un conflitto di poteri con il legislatore. Quando il principale partito di opposizione, il Partito Democratico Progressista è andato al potere nel 2000 ha ordinato la sospensione della costruzione, Longmen. Tuttavia, una sentenza della Corte ha annullato l’ ordine esecutivo ed i lavori sono ripresi dopo quattro mesi.

In recenti dichiarazioni, il presidente Ma Ying-jou ha assicurato che qualora la centrale riceva l'approvazione del Taiwan Nuclear Energy Council, convocarà un referendum che propone la cancellazione della sua messa in opera. Tuttavia, l'opposizione e la civica coalizione antinucleare avvertono che questa proposta è una caramella avvelenata. La Costituzione taiwanese richiede che a un referendum per essere valido debba partecipare per il 50% dell'elettorato. Infatti nessuno dei sei svolti fino ad oggi ha raggiunto abbastanza affluenza alle urne per raggiungere questo requisito, principalmente a causa della elevata astensione nelle zone rurali.

Bookmark and Share