Serbia, 15 anni dopo i bombardamenti, tra corruzioni e movimenti per l'ugualianza.

Con fatica sta emergendo una nuova generazione di attivisti che guarda ai movimenti europei, che rilegge gli anni dei conflitti nazionalisti, che pratica la critica la gestione del Potere.

14 / 5 / 2014

Continua il nostro viaggio attraverso i Balcani con una tappa in Serbia, a Belgrado dove intervistiamo Matija Mendenica, 28 anni, laureato in Sociologia ed attivista dell’organizzazione “Marks21”.

1 -   A quindici anni dai bombardamenti della Nato e la fine della guerra in Serbia, qual è stato il peso di questo evento storico nel paese? Nel lasso di tempo intercorso da allora, quale tipo di politica è stata promossa dalle forze politiche istituzionali del paese? Pensi siano state date delle risposte ai bisogni della popolazione?

Il bombardamento della NATOè stato uno shock su diversi livellie ha lasciato ferite di lunga durata. Dopo aver promosso cinicamente l’allora presidente serbo Milošević come un garante della pace nella regione - che era il premio per la firma dell'accordo di Dayton che pose fine alla guerra in Bosnia - Le potenze occidentali, ancora una volta lo presero di mira come un nemico della pace europea e dellastabilità. Il bombardamento è stato presentato come un 'intervento umanitario', destinato a salvare la popolazione albanese della regione del Kosovodal terrore di Stato e deporre il regime di Miloševićdal potere. Lo Stato serbo ha discriminato la maggioranza della popolazione albanese nella regione meridionale povera per decenni. Questo ha portato alla nascita del movimento di liberazione nazionale che ha combattuto per più democrazia, e alla fine la secessione dalla Serbia. Questa unità democratica dal basso è entrato in contenzioso con i governanti serbi che dall'inizio degli anni '90 cercavano di decentralizzare la Jugoslavia, al fine di soddisfare le richieste del FMI (rimborso del debito) e creare un mercato interno per l'industria serba altrimenti non competitiva. Questa è stata la dinamica disastrosa dietro le guerre che hanno devastato la Jugoslavia e hanno portato all'intervento da parte della 'comunità internazionale': in un primo momento, i tentativi falliti da parte di alcuni Stati membri dell'UE, e quindi l'azione militare più decisa contro le truppe serbe dagli Stati Uniti che ha spianato la strada a Dayton. Gli Stati Uniti volevano utilizzare l'equilibrio post- 1989 e spingere la loro influenza verso est , accerchiando la Russia e fermarla in modo da non renderla mai più un giocatore serio . Oggi stiamo assistendo al tragico dipanarsi di questa strategia in Ucraina . La NATO , ovviamente , non è riuscito a rimuovere le Milošević dal potere . E 'stato il popolo di Serbia , guidato dai lavoratori della miniera di Kolubara , che ha rovesciato il regime odiato un anno dopo la breve durata della rivoluzione d'ottobre . Ma non è riuscita neanche a proteggere gli albanesi kosovari dal terrore in corso dello Stato : secondo Human Rights Watch , durante la guerra circa il 90 % della popolazione albanese furono cacciate dalle loro case da parte della polizia serba , militari e paramilitari . L'inizio del 21 ° secolo è stato caratterizzato da più solido radicamento della NATO nella regione ( Camp Bondsteel vicino Priština è stata la più grande base militare degli Stati Uniti in compo non statiunitense tra la guerra del Golfo e l'invasione dell'Iraq ) e di un completo collasso dell'industria serba , deliberatamente mirato durante la campagna di bombardamenti - per non parlare di vittime civili , e l'uso di bombe a grappolo e missili all'uranio impoverito che rimarranno una grave minaccia per la salute e l'ambiente nei decenni a venire. Il nazionalismo dei governanti serbi ha spinto gli albanesi nelle mani dell'imperialismo americano , a sua volta, spingendo i serbi nelle mani della Russia (la Serbia vendette - e abbastanza a buon mercato - la sua società petrolifera di stato a Gazprom della Russia, in cambio di veto russo sul sedile del Kosovo alle Nazioni Unite ) . 15 anni dopo i bombardamenti , il Kosovo rimane la regione più povera d'Europa , con l’incredibile  disoccupazione giovanile al 73%. E ' finito per essere etnicamente diviso , con la maggior parte dei serbi che vivono nel Nord , e albanesi nel sud. Lo Stato ratificato dalla ' comunità internazionale ' attraverso il tanto acclamato accordo di Bruxelles; che  è anche il luogo dove il vero potere rimane: ogni decisione del governo del Kosovo può essere annullata dai rappresentanti internazionali. Non c'è ancora la democrazia per gli albanesi e condizioni per la pace e la prosperità duratura. Solo pochi giorni fa, l'ambasciatore americano in Serbia , il signor Kirby , ha annunciato che ci sarà assolutamente nessun risarcimento per la distruzione bombardamenti NATO provocato in Serbia . Nello stesso discorso ha elogiato l'agenda neoliberista del governo, Vučić conservatore neo-eletto poco tempo fa in Serbia . Che praticamente riassume tutto all'indomani della intervento occidentale nei Balcani : la carota e il bastone di mano in mano con il divide et impera , a scapito della gente comune di tutte le nazioni .

2 - Quale sono i settori sociali più colpiti dalla crisi finanziaria mondiale e dalle relative politiche di austerità in Serbia?

Come nel resto d'Europa - e non solo - è alla popolazione attiva che è stato fatto pagare il prezzo della crisi. Il crollo del regime a partito unico, le guerre e sanzioni economiche che seguirono, e poi la rapida integrazione nel mercato mondiale a partire dal 2000 hanno lasciato un enorme vuoto nella società serba: con una piccola maestremamente ricca e potente élite di imprenditori e magnati accoppiati conuna vasta maggioranza di disoccupati, inabili e sottopagato. La Serbia ha ufficialmente il salario minimo più basso del mondo, mentre il FMI stima che il sempre crescente tasso di disoccupazione è intorno al 25%.  Ma l'Euro-crisi è venuta solo in cima alla crisi già in evoluzione dell'economia basata sul debito. I profitti delle privatizzazioni attuate sono stati utilizzati principalmente per coprire il crescente deficit di bilancio , dal momento che i nostri livelli di produzione industriale sono sempre più bassi di ogni anno: ora scendono al di sotto del 40% del livello registrato nel 1989, che fu l'ultimo anno di crescita. La risposta della nostra classe dirigente è stata di mantenere le privatizzazioni, reprimendo il dissenso e accumulando debito da diverse fonti (FMI, UE, Russia, Emirati Arabi ...) utilizzando  quei soldi per comprare la pace sociale - e restare al potere. Reti informali di sostegno ed il cambiamento del ruolo della famiglia, che è venuta come una reazione 'naturale' dal basso a questa miseria strisciante ha fatto sì che all'interno delle classi lavoratrici sono le donne che prendono la più grande fardello. Ma la nuova amministrazione sembra fiducioso che si può ottenere via conmisure di austerità definitive, come promuovere la flessibilità del lavoro, l'aumentodell'età di pensionamento,licenziamento di decine di migliaia di lavoratori pubblici, riducendo le spese di previdenza sociale, salari e pensioni - solo per citarne alcuni .

3 - Quali sono le ragione della recente vittoria elettorale di Alexander Vucic e del suo partito conservatore filo – Ue in Serbia? Chi lo ha sostenuto, è perché?

Vladimir Unkovski-Korica ha scritto un eccellente articolo sull’ascesa di Vučić dalle profondità della militanza di estrema destra nazionalista negli anni '90, ad un conservatore pro-UE sostenuto dall'Occidente. Ma mettere brevemente, anni di promesse non mantenute da parte di vari leader politici della rivoluzione serba di ottobre, con le conseguenze socio-economiche che ho già delineato e la corruzione su larga scala, che più o meno direttamente hanno implicato i leader degli altri partiti principali, hanno creato opportunità che Vučić non era disposto a perdere. È riuscito a presentarsi come l'unica opposizione praticabile per la maggior parte di coloro che mantengono ancora un certo livello di fiducia nella politica parlamentare . Vale la pena notare che l'affluenza al voto di quest'anno è stata del 53 % , di cui Vučić ha guadagnato il 48.35 % , che è stato più che sufficiente a garantirgli il potere assoluto nel Parlamento . Anche se ci manca uno studio serio , un sondaggio condotto nel 2008 ha affermato che gli elettori si trovano per lo più tra i cittadini più anziani ( il 90 % dei pensionati votano ) , mentre solo il 10,2 % voto tra i giovani . Fondamentalmente , c'è un bacino più o meno immutabile degli elettori e Vučić è riuscito a convincere la maggior parte di loro che si può stare con magnati e corruzione politica , mentre allo stesso tempo si deve ' ragionevolmente  salvaguardare l' ' interesse nazionale ' ( cioè non accettare formalmente l'indipendenza del Kosovo ) e la creazione di legami sia con Oriente e Occidente . Il rovescio della sua apparentemente spettacolare vittoria è l'assenza spalancata della Sinistra nel processo elettorale , che potrebbe offrire speranza e voce a coloro che restano al di fuori del processo elettorale e più in generale politico .

4 – Quali sono alcune delle lotte più important in Serbia contro il neo – liberismo negli ultimo anni? Quali le realtà anticapitaliste coinvolte in queste lotte? Qual è la loro storia negli ultimi 25 anni?

La Serbia ha registrato un enorme numero di lotte che sono state reazioni dirette contro le contro- riforme neoliberiste negli ultimi dieci anni . Ma forse l'unica caratteristica comune di tutte queste lotte era il loro stato di atomizzazione . Non c'è un singolo posto di lavoro che non ha lottato contro la privatizzazione ' corrotta ' - che di solito significava utilizzare scappatoie e corruzione per comprare aziende a buon mercato , speculare sui piccoli azionisti , derubare i lavoratori sacco e utilizzare la terra indella fabbrica per qualche impresa più redditizia di investimenti nella produzione vera e propria . Ma più volte , lotte atomizzate sono state messe fuori in un modo o nell'altro - sia dalle piccole compensazioni per i lavoratori le cui famiglie sono state lasciate morire di fame per mesi e anni , o dalla repressione brutale da parte dello Stato o di gruppi a volte anche pagati da teppisti e hooligans neo nazisti . Gran parte della colpa per questo è dovuta ai grandi sindacati. La Serbia ha due di loro e le loro leadership sono la maggior parte del tempo a combattere tra di loro ( o alcuni sindacati militanti più piccoli e qualcosa in più) e di competere per le posizioni all'interno del ' dialogo sociale ' . La sinistra ha avuto difficoltà ad emergere, ma qualche timido tentativo si è visto con i gruppi organizzati che hanno provato alla fine degli anni 90 ad opporsi sia a Milosevic che al neo – liberisimo.  Il primo importante passo avanti è stato fatto da una organizzazione frontale della sinistra rivoluzionaria, chiamata Fronte Sociale. E 'stato un gruppo dove ho intrapreso mie prime esperienze politiche. Nel 2006, ispirati dalle rivolte studentesche in Greciae in Francia, abbiamo cercato di mobilitarci contro l'aumento delle tasse universitarie presso la Facoltà diFilosofia, dove studio. Nel giro di poche settimane siamo riusciti a innescare un piccolo ma combattere movimento studentesco che ha organizzato diverse proteste di piazza e ha occupato diversi edifici di facoltà per alcune settimane  e per la prima volta ha articolato una critiche al neo – liberismo e delle rivendicazioni, sono state istituite assemblee di democrazia diretta e svolte critica alle strutture studentesche organizzate tradizionali. Dopo alcuni mesiil movimento è sbiadito (come ha fatto il Fronte Sociale), ma ha lasciato importanti conseguenze. Comunque la politica di Sinistra marginali era all'ordine del giorno, e negli anni seguenti le nostre esperienze hanno influenzato altri collettivi studenteschi radicali sia nel paese, ma anchein Croazia e la Slovenia. Un altro importante lotta si è verificata nella città industriale di Zrenjanin, in cui lavoratori e piccoli azionisti di un ex grande azienda farmaceutica, Jugoremedija, hanno lottato  contro la privatizzazione della loro impresa. La protesta iniziò nel 2003. La resistenza dello stato e la loro magnate proprietario furono talmente brutale che ben presto si resero conto che non avrebbero potuto vincere se non organizzato in solidarietà con gli altri posti di lavoro nella zona. Questo primo tentativo di superare le limitazioni settoriali poste dalla ideologia dominante li porta a formare il primo movimento politico (e fino all'introduzione di una legge più restrittiva anche un partito politico operaio!) nel post-ottobre Serbia. I lavoratori di Jugoremedija vinsero la battaglia contro i padroni dell’azienda, ma lo stato li ha spinti fino alla bancarotta quindi stanno ancora lottando.  Oggi il Pokret Ravnopravnost (Movimento per l'Uguaglianza) è la forza trainante per unire e plasmare un generale movimento politicodi sinistra. La sinistra in Serbia è ancora molto piccola, con limitata esperienza ma enormi opportunità. Ultimamente il focus di questa nuova sinistra - composto da una serie di piccoli studenti, giovani, lavoratori, iniziative femministe e ambientalisti vagamente legati in una coalizione dal nome Left Summit, all'interno del quale il Movimento per l'uguaglianza gioca un ruolo fondamentale - è stato in lotta a fianco dei sindacati contro il recente l'attacco sulla legislazione del lavoro. Nel prossimo periodo stiamo cercando di rafforzare la nostra coalizione e ampliare il nostro spettro di attività, al fine di armarsi per la venuta dell’assalto dell’austerità.

5 – Cosa è “Marks21”? Quando è nato, e quail sono le sue attività, i suoi valori di base, le sue prospettive?

Marks21 è una organizzazione socialista rivoluzionaria venuta fuori delle lotte studentesche da me prima descritte, presso l'Università di Belgrado. Ci siamo formati nel 2008 con il tentativo di offrire una casa politica per coloroche si identificano con le politiche rivoluzionarie, marxiste ed internazionaliste; non siamo disposti solo a imparare dai libri, mada un impegno diretto in vari movimenti: inaltre parole per quellidisposti a costruire un partito rivoluzionario. Mi piace pensare che la nostra qualità chiave è che siamo costantemente alla ricerca 'verso l'esterno', impegnandoci con nuove persone, cercando sia di dare seguito alle lotte,apprendereda queste e applicare tale conoscenzain modo tale da sviluppare ulteriormente la teoria marxista in modo che possa rimanere un 'tradizione vivente' - il marxismoper il 21 ° secolo, come il nostro nome suggerisce. Anche se siamo ancora un piccolo gruppo siamo stati una parte fondamentale in varie mobilitazioni di studenti ed antifasciste, ma ci siamo anche mobilitatisu una varietà di altri argomenti: in solidarietà con la comunità LGBTQ, con la lotta palestinese, con alcuni scioperi , con la recente rivolta in Bosnia ...; abbiamo organizzatoincontri ed eventi pubblici e scritto praticamente tutto quello che abbiamo visto come un importante questioni politiche, dalla primavera araba e il ruolodi Internet nella costruzione di organizzazioni rivoluzionarie, di come combattere contro il sessismo all'interno dei nostri movimenti. Abbiamo anche pubblicato 29 numeri della nostra rivista Solidarnost, e forniamo una buona presenza online(con una tendenza di ulteriore miglioramento).

Bookmark and Share