Scontri e arresti nella prima giornata di contestazione al G7 di Biarritz

24 / 8 / 2019

Le azioni di contestazione al g7 di Biarritz sono iniziate già nella giornata di venerdì 23. 

Nel primo pomeriggio si è svolta nel campeggio del contro-forum un’assemblea di preparazione dell’azione del pomeriggio. Gruppi autonomi e studenteschi francesi hanno concordato l’occupazione dello snodo stradale, vicino al campeggio, di accesso all'autostrada che porta a Biarritz, per bloccare i leader politici in arrivo per il vertice. 

Biarritz

In centinaia, passando dai boschi, hanno  bloccato la strada fino all’arrivo della gendarmerie. Durante l’azione sono state costruite barricate con gomme di auto e legna a difesa dei manifestanti. 

Birritz

Biarritz

La polizia è però intervenuta dal lato opposto entrando in contatto con i manifestanti che si sono dunque dispersi tentando il ritorno al campeggio tra boschi, scogliere e stradine. 

La polizia ha arrestato dodici persone. 

Una volta arrivata la notizia delle violenze da parte delle forze dell’ordine, dal campeggio in centinaio di sono mossi verso la strada di ingresso per garantire il rientro dei compagni in difficoltà. 

Biarritz

La provocazione della polizia nei confronti dei manifestanti del campeggio non si è fatta attendere. Già lungo la strada principale sono stati sparati colpi di fumogeni e granate stordenti, una delle quali ha colpito e frantumato il lunotto di una macchina in transito. 

Lo scenario è subito mutato ed è diventato un vero e proprio attacco al campeggio. 

Decine di squadre di polizia antisommossa si sono fatte strada a colpi di lacrimogeni, granate stordenti e flash-bangs tra le barricate lungo la strada di accesso e risalendo i campi, ferendo quattro persone.

Ormai alle porte dell’ingresso del campeggio, la polizia è stata allontanata dalla resistenza dei manifestanti, che ha ricacciato gli agenti giù per i campi circostanti. Diversi i feriti fra i manifestanti al termine della giornata, presi in carico dall'equipe medica dell'organizzazione.

Bookmark and Share