Romania - Elezioni presidenziali e movimenti sociali al tempo della crisi

3 / 11 / 2014

In Romania si sono da poco svolte le elezioni presidenziali; Il premier socialdemocratico, Victor Ponta, è in testa dopo il primo turno delle elezioni presidenziali, ma dovrà andare al ballottaggio il 16 novembre con il leader del Partito liberale, Klaus Iohannis. Per capire il senso di queste elezioni ed avere uno sguardo critico generale sulla Romania, di seguito l’intervista a Florin Poenaru, di Bucarest, antropologo e co – editore di CriticAtac, giornale di informazione e critica sociale, intellettuale e politica sulla Romania, est Europa e non solo. 

Qual è il senso ed il valore delle recenti elezioni in Romania? Quali i partiti che concorrono tra di loro, quali le loro proposte politiche? Ci sono partiti con proposte dichiaratamente contro il neo – liberismo? 

Non vi è alcun significato particolare per queste elezioni. Esse sono interessanti nella misura in cui i 10 anni di mandato del presidente in carica giunge al termine. Altrimenti, queste elezioni riprodurranno gli stessi meccanismi: le stesse politiche neoliberiste e di austerità. Tutti i candidati hanno piattaforme simili, con differenze solo minime. Nel complesso, sono quasi indistinguibili tra loro, un fatto che riflette la mancanza di dibattiti significativi. Monica Macovei, un candidato indipendente, ha suscitato alcuni dibattiti, in particolare a causa della campagna aggressiva dei suoi sostenitori. Presentandosi come un combattente strenuo contro la corruzione, la sua piattaforma principale è infatti una demonizzazione dei settori poveri della società. A suo parere, favoriscono la corruzione, votando per i politici corrotti che, a loro volta, li doccia ripagandoli con doni presi dal bilancio dello Stato. Avviando delle campagne chiedendo alle persone di uscire e votare al primo turno, in questo modo si sarebbe dovuto ristabilire un certo equilibrio: le persone istruite e benestanti della classe media, attraverso il loro voto, possono porre fine a tali pratiche. Così, la guerra di classe che ha già plasmato la società romena negli ultimi dieci anni sta esacerbando. Questa guerra è destinata a continuare, soprattutto se Victor Ponta, il concorrente principale e capo della corrotto partito socialdemocratico, vincerà. Non ci sono partiti o candidati contro il neoliberismo - o lontanamente vicino a tale definizione. L'unico candidato di sinistra-incline, Constantin Rotaru, è rimasto confuso in questioni secondarie. Inoltre, la sua base elettorale è troppo piccola per fare la sua campagna visibile in modo significativo.

Qual è stato il peso della crisi economica internazionale su un paese come la Romania? Sono state portate avanti politiche neo – liberiste in questi anni? Quali sono i maggiori problemi sociali del paese oggi?

La Romania è stata gravemente colpita dalla crisi finanziaria. L'economia è passata da una crescita del + 7% a -8% a seguito della crisi globale nel 2009. Il presidente e il governo sotto il suo controllo hanno risposto con misure cicliche: una riduzione del 25% degli stipendi per i dipendenti statali, tagli significativi di stato alla spesa, la flessibilizzazione del Codice del Lavoro. Il governo ha anche preso un pesante prestito dal Fondo Monetario Internazionale, al fine di sostenere l'economia (e salvare le banche), che ha portato a più misure di austerità e privatizzazione neoliberista. Poiché le misure non sono riuscite ad affrontare una delle cause strutturali della crisi (che certamente erano di natura globale e non ha avuto risposte locali semplici), la crisi si è aggravata. Nel disperato tentativo di pareggiare il bilancio e limitare il deficit il governo ha dovuto aumentare la tassa dell’IVA. In quanto tali, tutte le misure, infatti, hanno trasferito il peso della crisi nei confronti della popolazione e verso i segmenti più vulnerabili di questa. La povertà è diventata endemica e strutturale per i segmenti inferiori, mentre sempre più persone sono diventate precarie e questa situazione si è espansa. Questo è tutt’oggi il più grande problema sociale del paese. La forza lavoro a basso costo e flessibile è il risultato principale delle misure di austerità, ma per la maggior parte dei politici questo è considerato una risorsa importante per attrarre investimenti stranieri e rilanciare l'economia. Finora questo ha dimostrato di essere una mera illusione, così come l'economia è di nuovo in recessione dopo una breve tregua. L’ estrazione del valore e gli utili da una molto mal retribuita (o non pagata affatto) forza lavoro è la caratteristica principale dell'economia romena di oggi, mentre le persone sono lasciate a se stessi per sbarcare il lunario.

Una delle lotte più importanti in Romani è la difesa del villaggio di Rosia Montana, e la correlate campagna “ Salviamo Rosia Montana”, contro lo scavo della miniera. E’ una lotta conosciuta da tutti gli attivisti e ambientalisti in Europa: a quale punto è questa battaglia all’autunno del 2014? Ci sono state delle iniziative o dei risvolti recenti? Qual è il valore che porta questa protesta in un Paese come la Romania? 

La lotta contro lo sfruttamento della miniera d'oro a Rosia Montana è stata una lotta sociale molto importante e di grande successo alla fine. Almeno per ora, un anno dopo le proteste del 2013, il progetto sembra essere in sordina. Mentre si è riusciti a fermare lo sfruttamento, l'eredità di questo movimento è stata più ambigua. Già al culmine delle proteste nel 2013 era ovvio che ci fosse una potente destra e anche una componente nazionalista che univa le proteste e ha contribuito a gonfiare i suoi numeri. Questi segmenti hanno colto l'occasione dovuta alle proteste per aggiungere una serie di altre richieste, proprie di un quadro neo-liberale. Inoltre, quando il nucleo dei manifestanti progressisti - e soprattutto gli attivisti che hanno contribuito a organizzarle - mirava a collegare il movimento contro lo sfruttamento della miniera d'oro con le lotte anti-fracking in Pungeşti (un villaggio nella parte orientale del paese), i numeri sono crollati. Mentre Rosia Montana è stato ritenuta una lotta legittima contro ciò che è stato percepito come un caso di corruzione istituzionalizzata, i piani fracking di Chevron sono stati considerati commercio legittimo. Pertanto, questa significativa componente di destra ha impedito al movimento di avere un più duraturo e significativo impatto dopo che la battaglia è stata vinta. Allo stesso tempo, i segmenti di attivisti ambientalisti e liberali del movimento -che hanno portato la responsabilità dell'organizzazione del movimento di resistenza negli ultimi 15 anni - non è riuscito a dare una struttura organizzata alle proteste al di là della causa Rosia Montana. Alcuni leader del movimento erano contenti di crogiolarsi nel loro status di celebrità di nuova acquisizione, mentre gli attivisti della truppa sono rimasti troppo attaccati agli aspetti procedurali della campagna. Le energie presto dissipate e il movimento hanno perso la loro rilevanza politica e il potenziale di generare una piattaforma sociale più ampia. Nel corso di queste elezioni, ampi segmenti della Salvam Uniti (un nome che dice tutto del movimento di protesta) stanno sostenendo il già citato Monica Macovei - una prova ulteriore dello scorrimento a destra queste proteste suscitati nel lungo periodo. Tuttavia, un’ eredità significativa delle proteste contro lo sfruttamento della miniera d'oro è la formazione di piccoli ma forti nuclei di attivisti di sinistra. Un loro principale contributo nel corso dell'anno passato, segnato da queste elezioni presidenziali, ma anche dalle elezioni per il Parlamento europeo, è stato quello di chiamare al boicottaggio voto. Essi sostengono che, dato il contesto rumeno, il voto sembra essere semplicemente una forma di legittimazione e di riproduzione della classe politica esistente e le sue relazioni in questa fase. Allo stesso tempo, chiedono la liberalizzazione delle procedure per la formazione di partiti politici e di partecipare alla vita politica formale. Si trovano ad affrontare una lunga lotta in avanti, comunque.

*** Mattia Gallo è un giornalista pubblicista e media attivista. Ha scritto su web journal, fanzine e siti di contro informazione come: Tamtamesegnalidifumo, Ciroma.org, Fatti al Cubo, Esodoweb, Ya Basta!, Dinamo Press, Lefteast. Tra gli animatori del sito Sportallarovescia.it, collabora con Global Project con attenzione alla politica internazionale.

Bookmark and Share