L' Iraqi Social Forum è un evento straordinario, contro decenni di immensa violenza e distruzione. Propone infatti un tempo e uno spazio gestiti dalla società civile e dai movimenti sociali per costruire un altro Iraq di pace, rispetto dei diritti umani e giustizia sociale, insieme a tutti coloro che che aderiscono ai principi e alla carta di Porto Alegre, condivisi nel Forum sociale mondiale del 2001.

Primo Social Forum Iracheno

Affrettarsi: iscrizioni entro il 5 Agosto.

3 / 8 / 2013

Care amiche e amici,

Un altro Iraq è possibile
Con la pace, i diritti umani, la giustizia sociale!

Vi invitiamo a partecipare e chiediamo il vostro sostegno al primo Forum sociale Iracheno (ISF) che si terrà dal 26 al 28 settembre 2013 a Bagdad, Iraq.

In questo momento è necessaria una solidarietà internazionale attiva!

L' Iraqi Social Forum è un evento straordinario, contro decenni di immensa violenza e distruzione. Propone infatti un tempo e uno spazio gestiti dalla società civile e dai movimenti sociali per costruire un altro Iraq di pace, rispetto dei diritti umani e giustizia sociale, insieme a tutti coloro che che aderiscono ai principi e alla carta di Porto Alegre, condivisi nel Forum sociale mondiale del 2001.

La perdita di oltre un milione di vite umane, la distruzione delle infrastrutture, gli effetti letali e dannosi dell'uranio impoverito e delle armi chimiche usate dalle forze di occupazione non possono essere dimenticati né dal popolo iracheno né dai movimenti internazionali che si sono mobilitati contro la guerra e l'occupazione.

Il ritiro degli Stati Uniti e delle truppe di occupazione hanno aperto la strada per portare a termine la lotta del popolo iracheno per la democrazia e la giustizia sociale, ma l'attuale leadership irachena è stata costruita su basi settarie e non garantisce diritti e sicurezza ai propri cittadini/e. Centinaia di migliaia hanno protestato nelle strade delle città irachene dal 2011 contro la corruzione, per servizi sociali, per la libertà di espressione e per un sistema giudiziario indipendente . Più di 2600 iracheni sono stati uccisi dall'aprile 2013 in seguito ad attacchi terroristi, per la maggior parte a Bagdad. E tuttavia in Iraq la società civile continua ad agire per il cambiamento.

Adesso è tempo di costruire tutti/e insieme il cammino per una nuova speranza e di contribuire ai desideri del popolo iracheno per una società civile, democratica e per uno Stato basato sul rispetto delle differenti culture. Il paese è immerso in una crisi politica, economica, sociale: adesso è ora di costruire partenariati, dare impulso al dialogo e alla cooperazione per trovare soluzioni ai problemi attuali. Adesso è ora di mettere fine alla violenza e al terrorismo per i quali il popolo iracheno ha pagato e continua a pagare un prezzo altissimo. Queste sono le sfide del Forum sociale iracheno, e crediamo fermamente che queste siano le sfide comuni di tutti/e noi!

Il processo del Forum sociale mondiale è oggi ben radicato nella regione. Dal 2008 abbiamo assistito al successo di forum sociali regionali nel Maghreb/Mashreq, del Forum mondiale dell'Educazione in Palestina e all'inizio di quest'anno del Forum sociale mondiale a Tunisi. Queste esperienze collettive forniscono alla società civile irachena un terreno fertile per costruire il primo forum sociale iracheno come uno spazio aperto allo scambio di esperienze e idee e per costruire un movimento contro il neoliberismo, per il cambiamento sociale.

La società civile irachena porta dentro l'ISF i temi seguenti: costruire un paese civile e democratico; le sfide a cui devono far fronte le minoranze; un'equa distribuzione delle ricchezze e

giustizia sociale; i sindacati e le associazioni contadine; i diritti delle donne, dei giovani, dei bambini; temi economici, sociali e culturali; la nonviolenza come una strada per il cambiamento economico, sociale, culturale in Iraq; campagne di solidarietà internazionale con la società civile irachena. Sport contro la violenza e attività artistiche si svolgeranno nel quadro del forum.

Il mondo ha assistito a enormi manifestazioni, senza precedenti nella storia, contro l'invasione Usa dell' Iraq. Questa solidarietà internazionale è chiamata oggi ancora una volta a sostegno dell'Iraqi social forum. La partecipazione internazionale all'evento di Bagdad del Forum sociale iracheno sarà quantitativamente limitata per ragioni di sicurezza, ma il comitato preparatorio dell'ISF sta cercando un luogo in Bagdad sicuro abbastanza da consentire la partecipazione di alcuni internazionali. Ma vi sollecitiamo caldamente a partecipare da lontano, dal vostro paese, attraverso il “Forum sociale Iracheno esteso”.

Vi preghiamo quindi di prendere in considerazione queste possibilità di essere insieme:

1) Stare con noi a Baghdad. Sappiate che questo comporta un certo grado di rischio

e che noi confermeremo la partecipazione internazionale solo all'inizio di settembre, in base alla situazione. Nel frattempo dovete registrarvi entro il 5 di agosto per ricevere una lettera di invito e fare domanda per il visto alla Ambasciata irachena del vostro paese.

Sarete contattati/e individualmente dopo aver inviato il modulo di richiesta che trovate qui:

http://www.iraqicivilsociety.org/registration-form-iraqi-social-forum-2013

2) ISF esteso. Organizzare una iniziativa di solidarietà nel vostro paese

prima o durante l'ISF: o un telescambio via internet con un gruppo a Bagdad, o una telepartecipazione in una attività che si svolge a Bagdad. Un gruppo di volontari iracheni viene formato per aiutare l'interlocuzione con coloro che vogliono telescambiare.

Potete avere più informazioni sul Forum esteso e annunciare ogni vostra partecipazione collettiva “estesa” all'ISF, in un apposito modulo di registrazione accessibile qui: http://www.iraqicivilsociety.org/extended-iraqi-social-forum-registration-form

Fateci sapere se volete partecipare!

Il Comitato organizzatore Iraqi Social Forum

Il Comitato Internazionale di solidarietà per l' Iraqi Social Forum

Bookmark and Share