Mexicali resiste, la lotta per l'acqua nel deserto

26 / 3 / 2020

Mexicali è una città di confine nello stato della Bassa California del Nord (Messico), caratterizzato da un clima estremamente arido, con pochissime precipitazioni annuali. A partire dal 1965, l'economia dei Mexicali iniziò una transizione, dall'essere prevalentemente una città agricola ad essere comandata dall'industria. Tanto che nel 1980 fu dichiarata "città industriale". Con l'installazione di più impianti e parchi industriali, Mexicali divenne il cortile industriale degli Stati Uniti, una condizione che si intensificò negli anni '90 con l'avvio della “nafta”. Il tipo di industria situata nella città sfrutta due vantaggi distruttivi: la struttura per inquinare l'ambiente e la manodopera a basso costo. Queste caratteristiche hanno letteralmente trasformato Mexicali in una discarica e in una città di schiavi contemporanei, in condizioni di lavoro e ambientali deplorevoli.

Oggi è una delle città più inquinate del paese, con il risultato di un aumento allarmante del numero di malattie legate all'inquinamento. Ma la devastazione socio-ambientale non finisce qui; attualmente la terra, l’acqua e il territorio vengono dati  in concessione a società transnazionali, che seguono la stessa dinamica di distruzione, saccheggio e sfruttamento eccessivo. Nel 2016 è stato annunciato il progetto EcozoneMx, che consisteva nell'installazione di un mega-confinamento di rifiuti pericolosi ai piedi della Sierra Cucapá. Da questa situazione un gruppo di donne ha deciso di riunirsi per iniziare una lotta contro le ulteriori devastazioni e contaminazioni che l'installazione di detto progetto avrebbe scaturito.

Nel gennaio 2017, il popolo della Baja California si è riunito per combattere contro la riforma energetica di Peña Nieto (l'effetto benzina) e contro la legge sulla privatizzazione dell’acqua statale, promossa dal governo PAN di Francisco "Kiko" Vega e approvata dal Congresso di stato. Lo stesso anno, il Congresso della Baja California ha approvato una legge per la costruzione di alcuni impianti di desalinizzazione, iniziando un processo d’indebitamento per la popolazione negli anni a seguire. Ciò ha scatenato le più grandi mobilitazioni a Mexicali, riunendo fino a 60 mila persone (dalla classe operaia della campagna e della città, agli studenti e persone in generale), in assemblee, marce e blocchi. Collettivi e ambientalisti in difesa dell’acqua e del territorio, come Mexicali Resiste o United Resistances, hanno messo in campo tutte le loro forze affinché un bene (o servizio) come l’acqua diventi un diritto sociale e il suo accesso non avvenga con mezzi commerciali, riuscendo a bloccare quella nefasta Legge, che si era rivelata essere la causa dell’installazione di una serie di mega-progetti, volti ad arricchire i privati in cambio della distruzione dei beni comuni e del territorio.

In seguito il comunicato.

La lotta oggi è per la difesa dei beni comuni e contro l'espropriazione: la lotta oggi è per l'acqua e per la vita stessa. 

Il processo di Mexicali Resiste è un esempio della battaglia contro il capitalismo in città, un percorso costruito da compagni e compagne che s’incontrano nella necessità di fermare il mostro capitalista che rende sempre più precaria la vita nelle città, una realtà composta da compagne e compagni coinvolti nel recuperare i mezzi, di organizzare la propria voce di fronte all'accerchiamento e alla disinformazione dei media. Una risposta che coincide con la diversità e il costante impegno per il bene comune, proponendo un’alternativa alle comunità per riprendersi il futuro delle proprie vite e dei propri territori. Il movimento di Mexicali Resiste cerca di promuovere la solidarietà tra i popoli, l'inclusione, la pluralità, il dialogo, la tolleranza e la non violenza. Allo stesso modo, richiedono un governo in cui l'autoritarismo, la corruzione, l'impunità, il conflitto di interessi, il nepotismo e la discriminazione non si manifestino in nessuna delle sue forme. La loro azione trova respiro nella rivendicazione della dignità umana e del diritto naturale di ogni individuo o gruppo di goderne, rivendicando le pratiche di imposizione, mancanza di trasparenza, violenza, indifferenza sociale da parte dei rappresentanti pubblici.

Attualmente si sta combattendo una battaglia contro l’installazione di uno dei più grandi birrifici al mondo, finanziato dalla Constellation Brands, una società transnazionale americana che mira a risucchiare la poca acqua che sostiene la vita a Mexicali. Constellation Brands ha due stabilimenti in Messico, dove produce le birre del Gruppo Modelo, con sede a Ciudad Obregón, Sonora e Nava, a Coahuila. Il movimento Mexicali Resiste è uno dei promotori di questa iniziativa contro il colosso americano e la loro azione si articola nella lotta per l'acqua e per la vita, per la giustizia e la pace.

In vista della consultazione dei cittadini sulla questione, svoltasi il 21 e 22 di marzo 2020, il governo federale ha distribuito degli opuscoli sull'installazione del birrificio nella valle di Mexicali, con un contenuto distorto a favore della Constellation Brands, utilizzando l’opinione di alcuni specialisti della zona. 

Il documento esposto "Esercizio partecipativo, impianto di birreria Mexicali, Il popolo ha l'ultima parola", pubblicato dal Ministero degli Interni, ha avuto l’intento “d’informare” la popolazione sui fatti presi in causa. Tale attestato, controfirmato della National Water Commission (Conagua) e del Ministero dell'Ambiente e delle Risorse Naturali (Semarnat), menzionava "l'impegno aggiuntivo della sostenibilità (della Constellation Brands) con la comunità Mexicali" e il suo presunto beneficio economico.

Armando Salinas, attivista, membro della commissione legale, in molte occasioni, ha dichiarato che le informazioni contenute nell'opuscolo sono distorte e a favore della multinazionale - “Perché organizzare la consultazione se hanno già deciso il risultato finale? Le informazioni coincidono con le dichiarazioni del Sottosegretario agli Interni, Peralta Saucedo, secondo cui la società rispetta tutto, come fidarsi? Perché non divulgano i dettagli della consultazione?”.

"Ci sembra che ci sia un pregiudizio. Non ci fidiamo del presidente (Andrés Manuel López Obrador) o del Segob, questo non sarà un esercizio democratico", ha sottolineato. 

Alfonso Cortez Lara, professore di ricerca senior presso il Colegio de la Frontera Norte (Colef), ha ritenuto che la metodologia della consultazione sia "fragile e piena di incertezze. Tale strumento consente due cose, una: che le autorità di Conagua, Semarnat e il governo della Baja California sfuggano alla loro responsabilità; due: date le caratteristiche della stessa, c'è un alto rischio che il birrificio imponga i suoi criteri e progetti nonostante il dissenso sociale ", ha avvertito.

La società locale, i cittadini e le cittadine, i sostenitori dell'acqua, sono consapevoli di vivere in una zona semi-arida, sotto stress idrico, minacciati dalla scarsità indotta dai cambiamenti climatici, a livello del bacino del fiume Colorado e dalla falda acquifera sfruttata eccessivamente. Tutto ciò mette a rischio lo sviluppo regionale sostenibile attuale e futuro, considerando che l'installazione del birrificio a Mexicali aumenterebbe notevolmente i rischi da un punto di vista sociale ed ambientale. Tale situazione va contro le raccomandazioni della Commissione nazionale per i diritti umani, che si basa sui principi del diritto umano all'acqua, in città e in campagna, e, a sua volta, sui principi di forte sostenibilità, governance ambientale democratica e sui principi precauzionali, tutti cercando di proteggere le risorse idriche e l'accesso delle persone a scopo industriale.

Al tavolo delle votazioni si è manifestato il coraggio degli elettori. Hanno gridato "Fuori Constellation Brands" per riaffermare il loro rifiuto. Vista la minaccia che rappresenta il diritto d’accesso all'acqua, oltre il 70% della popolazione di Mexicali, ha votato questo fine settimana contro l'installazione e il funzionamento del birrificio Constellation Brands.

Secondo i dati ufficiali, 36.781 voti sono stati registrati durante la consultazione dei cittadini del governo federale per decidere sulla costruzione del birrificio, di cui 27.973 (76,1 per cento) hanno votato contro la società americana, 8.547 (23,2 per cento) a favore e 261 (0,7 per cento) voti non validi. Le azioni della Constellation Brands sono scese del 10,22% a mezzogiorno di lunedì e hanno raggiunto un valore di $107,47 per azione. Fino a febbraio, la società ha accumulato un anticipo del 70% nell'investimento di 1,4 miliardi di dollari per il suo impianto Mexicali, annunciato dal 2016. 

Il trionfo di questa votazione merita anche una riflessione legata alla “poca chiarezza” delle domande espresse e sulla reale efficacia della consultazione. In riferimento alle procedure legate alla “Consultazione pubblica di progetti nella valutazione d’impatto ambientale” non è possibile confermare che questi risultati possano essere interpretati come un trionfo per il popolo, considerando che tale strumento spesso viene utilizzato per legittimare i mega-progetti di morte. Sicuramente la National Water Commission (Conagua) non sarà in grado di concedere le autorizzazioni corrispondenti per l'impianto per un determinato periodo, ha informato Diana Álvarez Maury, sottosegretario per lo sviluppo democratico. La risposta della Constellation Brands è già arrivata e gli scenari sulla questione non sono del tutto certi.

Infine, la società di ricerca strategica Explora ha riferito che la consultazione è stata "un voto approssimativo, nel mezzo di una crisi a causa della pandemia del virus Covid-19 e della mancanza di misure di sicurezza, protezione e igiene ai 27 tavoli di partecipazione". Sicuramente le nostre attenzioni sulla pandemia si concentrano sull’effetto nella questione economica, mettendo in luce i difetti del modello di business della globalizzazione e dello sfruttamento ambientale. Stiamo vivendo una duplice opera di esproprio e di mistificazione della sicurezza idrica da parte dei «poteri mondiali» che hanno colonizzato la vita della Terra specie negli ultimi 70 anni, anzitutto al potere globale dei gruppi e delle istituzioni che decidono in nome dei principi della società capitalista.

Ogni anno nel mondo muoiono 7,9 milioni bambini al di sotto dei cinque anni. Fra le principali cause troviamo le malattie dovute alla mancanza d’acqua potabile e di servizi igienici inadeguati, o per aver bevuto acqua non sana, inquinata. Come prevede l’Onu, nel 2030 la disponibilità d’acqua buona per gli usi umani potrà essere inferiore del 40% ai bisogni del mondo.

Oggi più che mai, è necessario sostenere la struttura organizzativa e l'articolazione delle reti di resistenza "per fare il passo successivo per la difesa dell'acqua, dell’autonomia e della vita ”.

YO PREFIERO EL AGUA, MEXICALI RESISTE

Ph. Credit: t.o.u.j.o.u.r.

Bookmark and Share