La lotta dentro la Ssangyong continua

2 / 8 / 2009

Negli ultimi due giorni ci sono stati negoziati intensi tra rappresentanti dei lavoratori e della compagnia Ssangyong sulla questione dei licenziamenti.

Lo sciopero ed occupazione attuale è incominciato il 22 di maggio quando la compagnia automobilistica Ssangyong ha licenziato un terzo della sua manodopera, circa 2,650 lavoratori. Circa 1,700 lavoratori avevano accettato il compenso di licenziamento offerto dalla compagnia, ma il resto ha deciso di resistere, occupando parte dello stabilimento.

In questa ultima fase di riunioni, la compagnia ha offerto di diminuire di 300 il numero di licenziati, spostando la maggior parte di questi in un tipo di cassa integrazione, e offrire un nuovo posto a solo un altro centinaio.

Questa offerta è stata considerata inaccettabile dagli scioperanti, specialmente visto il loro sacrificio di questi ultimi due mesi.

La situazione dei lavoratori e famigliari, il cui numero si stima tra i 900 e 1,000, dentro i due stabilimenti per la verniciatura occupati, continua a deteriorare.

manifestazioneL’assedio della polizia è totale, mentre cibo, acqua e medicinali stanno scarseggiando tra i lavoratori. In più, la polizia ha ammesso di mischiare un cocktail di sostanze chimiche con il gas lacrimogeno che viene lanciato addosso ai lavoratori da elicotteri che sorvolano continuano le zone occupate. La polizia ha ripetutamente tentato di sfondare i lavoratori, ma le barricate dei lavoratori finora hanno tenuto.

All’esterno del cordone poliziesco, in cui le milizie pagate dalla compagnia si muovono liberamente, ci sono migliaia di persone che danno vita a manifestazioni, azioni, e cortei continui, cercando di dare supporto ai lavoratori all’interno della Ssangyong. Gli arresti oramai si contano nelle centinaia di persone.

La Ssangyong è in stato di liquidazione, e le banche hanno dato alla compagnia fino a metà settembre per risolvere la situazione. Come la situazione si svilupperà nei prossimi giorni e settimane è difficile da prevedere.

Da una parte, i lavoratori che son riusciti a resistere per oltre due mesi sembrano decisi ad andare avanti e non cedere. Anche se politicamente sono compatti e decisi, la questione sta diventato una questione umana dato che non solo stanno soffrendo fisicamente, ma psicologicamente ci sono segni che  molti stanno crollando.

Dalla parte della compagnia, e la classe capitalista Coreana, qui si sta giocando non solo con l’industria automobilistica, ma anche lo stato dell’organizzazione sindacale Coreana.

La Ssangyong è la più piccola delle compagnie automobilistica Coreana, e sia per il governo che la classe capitalista, questo scontro rappresenta solo l’inizio. Se riescono a vincere e ‘riformare’ la Ssangyong, dopo vengono la Hyunday, la Daewoo e Kia, che sono aziende molto più grosse con decine di migliaia di lavoratori. Dato la globalizzazione dell’industria automobilistica, questo poi avrebbe ripercussioni internazionali su altre compagnie automobilistiche.

Dall’altro lato, questi conglomerati industriali rappresentato anche le roccaforti del sindacato Coreano capeggiato dalla confederazione del KCTU. Il KCTU nell’ultimo decennio è stato colpito duramente dalla ‘flessibilizzazione’ e ‘precarizzazione’ dell’economia Coreana, e non è potente come negli anni ‘90.

Nonostante queste perdite, il KCTU rimane uno dei sindacati più forti ed organizzati della regione, un sindacato di cui le radici si trovano negli anni settanta e gli scontri contro la dittatura militare. Una sua sconfitta rappresenterebbe un’enorme perdita per tutto il movimento progressivo dell’Asia.

I sindacati Coreani richiedono solidarietà  internazionale con azioni/manifestazioni contro compagnie Coreani e uffici/consolati/ambasciate Coreane.

Per ulteriori informazioni:

http://kctu.org/

http://kctu.org/ActionAlerts/3720

http://metal.nodong.org/

http://www.imfmetal.org/index.cfm?n=618&l=2

http://libcom.org/

Ssangyong union:
http://sym.nodong.org/

riunione

http://libcom.org/files/imagecache/article/images/news/Ssangyong%20negotiations.JPG

supporto

http://ojsfile.ohmynews.com/STD_IMG_FILE/2009/0628/IE001073296_STD.jpg

Per video:

http://www.youtube.com/watch?v=fglJuHJdRPM

http://www.youtube.com/watch?v=ko1WcIwtyKE&feature=related

http://www.youtube.com/watch?v=l-ohGv4vl14&feature=related

Piergiorgio Moro

Melbourne, Australia

Bookmark and Share