Indonesia sviluppo economico e povertà di massa

Scioperi, povertà, violazione dei diritti umani sullo sfondo della penetrazioni delle grandi multinazionali

13 / 2 / 2014

Continuiamo il nostro viaggio nel Sud Est asiatico, nel regno delle grandi contraddizioni, con uno sviluppo economico, segnalato da un PIL a 2 cifre, e con una compressione salariale che riduce il reddito disponibile a buona parte della polpolazione. Solo imponenti proteste e lotte degli operai dei distretti produttivi attorno alla capitale e allle grandi citta riescono a rompere questo capitalismo da rapina.

Ci descrive la situazione, in questa intervista, Ignatius Mahendra Kusuma Wardhana, 30 anni, membro del partito socialista ed Kongres Politik Organisasi Perjuangan RakyatPekerja”, "People Workers Party", fondato circa dieci anni fa. Ignatius fu inserito in una lista speciale stilata nel 2008 dal settimanale “The Observer", tra i cinque casi della storia recente che, a sessant’anni dall’anniversario della Dichiarazione dei diritti umani delle nazioni unite, come caso di violazione dei diritti umani ancora esistente

“Ho ricevuto centinaia dilettere di sostegno ogni giorno da tutto il mondo. Sono stato arrestato nel settembre 2006 con l'accusa di organizzare e partecipare adelle attività di una organizzazionenon governativa. Dopo sei settimane di detenzione e unprocesso ero condannato a un anno e mezzo di carcere "- ha detto.

Oggi vive Jacarta, ed ha risposto ad alcune domande sulsuo paese, Indonesia, dove quest’anno si sono svolte importanti proteste da parte dei lavoratori del paese

**********************************************************************

L’Indonesia, paese dell’area delle crisi asiatiche che subirono I Danni derivanti dalla crisi finanziaria delle Tigri Asiatiche a fine anni novanta. E dopo circa dieci anni, una crisi della finanza speculatrice coinvolge tutto il mondo. Quali sono oggi le condizioni del paese?

Uno evidente è che in mezzo al parlare degli elevati tassi di crescita economica il sempre maggiore divario tra ricchi e poveri in Indonesia è in aumento. Nel frattempo le persone che possono essere classificate come classe media e quelle appartenenti alla classe più bassa sono sempre più impoverite.
Se poi si guarda agli standard internazionali di 2 dollari al giorno, circa la metà del popolo indonesiano , o circa 117 milioni, vivono sotto la soglia di povertà. .
Mentre la ricchezza totale dei più ricchi, lo 0,02 per cento della popolazione, è pari al 25 per cento del prodotto interno lordo dell'Indonesia . Significa anche che la ricchezza di 43 mila persone è quasi pari alla ricchezza complessiva di 140 milioni di persone in Indonesia, ovvero il 60 per cento della popolazione. .
La concentrazione della ricchezza è 3 volte più grande della Thailandi0, 4 volte più grande della Malesia e 25 volte più di Singapore . Nel 2010 la ricchezza delle 40 persone più ricche in Indonesia , che sono, naturalmente, i proprietari del capitale ,è pari a 680 miliardi di dollari , pari al 10,4 per cento del PIL dell'Indonesia . La loro ricchezza è pari a quella di 60 milioni di persone più povere . La ricchezza dei proprietari del capitale negli ultimi cinque anni dal 2010 è aumentata in media del 80 per cento all'anno. Un accumulo di capitale  molto più grande rispetto a paesi come USA , Germania, Cina e Giappone .
Dal dati Deposit Insurance Corporation ( luglio 2011) , l'ammontare dei depositi bancari ha raggiunto Rp 2.400 miliardi, salvati in circa 100 milioni di conti clienti , ma il 40 % di tale importo ( Rp 1.000 miliardi ), è controllato solo dal 0,04 %.  Inoltre , solo il 1,3 % il controllo del 75% del conto fondi di terzi ( US $ 2,000 miliardi ) .
Mentre in Indonesia , il governo insieme ai proprietari del capitale e dell’elitè della burocrazia sindacale sta spingendo il limite di aumento dei salari nel 2014 del 20 per cento o addirittura al di sotto di esso. Eppure, secondo alcuni attivisti sindacali confrontado i salari del 1990 con gli attuali salari reali dei lavoratori, essi sono diminuiti del 50 per cento . In parole semplici , ora i lavoratori devono scegliere di non fare colazione , pranzo o cena .

Quali sono le organizzazioni di massa più rilevanti nel paese?

Attualmente le organizzazioni più importanti sono quelle afferenti alle classi dei lavoratori ed alle loro organizzazioni sindacali che hanno lanciato a livello nazionale sciopero 2 volte in 2 anni . Questo segna l'ascesa di lavoratori indonesiani dopo la loro uccisione dai militari nel 1965, la repressione durante il regime militare di 32 anni e un decennio sotto il regime neoliberale .

La resurrezione del movimento operaio è un'opportunità per emergere forze politiche al di fuori del dominio delle classi borghesi.

L’ostacolo più grande di tali organizzazioni è la tendenza ad un attivismo che sottovaluti l’importanza della teoria rivoluzionaria enfatizzando l’atteggiamento ad essere troppo diretti  e concentrare tutto nelle azioni di massa. Tra l'ascesa di militanti operai tale attivismo è come buttare il sale nel mare .

Il movimento dei lavoratori in Indonesia ha bisogno di portare lo sciopero nazionale è una lotta fino alla fine per abbattere il capitalismo e costruire il socialismo . Per eseguire questa è bisogno coscienza politica e ideologia . Qualcosa che dovrebbe essere fornita dalle organizzazioni di sinistra in Indonesia . Manca in Indonesia un’organizzazione di sinistra con un proprio giornale, un mezzo per diffondere le prospettive politiche e ideologiche , così come la costruzione di una leadership dell'organizzazione sinistra e il coinvolgimento dei lavoratori.

Finché organizzazioni di sinistra in Indonesia parlano solo dell’azione di massa dei lavoratori senza fornire una leadership e una prospettiva politica e ideologica, significherà che la lotta dei lavoratori sarà sotto l'egemonia dell'ideologia borghese . Così i lavoratori non raggiungeranno la vera lotta di liberazione da sradicare capitalismo e costruire il socialismo.

In che modo nell’ultimo anno si è organizzata la protesta?

Negli ultimi 2 anni di movimento dei lavoratori indonesiano è cresciuta molto rapidamente . Le loro principali richieste sono la rimozione della precarizzazione , la resistenza politica a bassi salari e per la sicurezza sociale .

Oltre a lanciare il primo sciopero nazionale dopo 50 anni , il movimento operaio ha anche sviluppato un metodo che è più radicale nella sua lotta . Abbiamo visto l'aeroporto e le autostrade bloccate, ed altri luoghi strategici . In breve i lavoratori cominciano a imparare che le loro richieste possono essere conquistate quando hanno smesso processo di produzione o fermare la rotazione del capitale (inclusa la distribuzione) .

Molti anni passati basandosi sul sistema legale per rivendicare diritti fondamentali si sono rivelati più propensi ad ottenere perdite. Ora i lavoratori hanno un nuovo modo di combattere per i diritti, vale a dire il cosiddetto " gruduk  delle fabriche" . Fondamentalmente in una zona industriale quando vi è una impresa che non rispetta i diritti fondamentali dei lavoratori, i lavoratori provenienti da vari sindacati circondano l'impianto , costringendo i datori di lavoro a negoziare e concordare le richieste dei lavoratori.

Bookmark and Share