Il secondo progressismo, dopo il primo

Un’analisi di Raúl Zibechi sulla “seconda ondata” di governi progressisti in America Latina

20 / 4 / 2022

C'è chi sostiene che siamo di fronte a una seconda ondata di governi progressisti in America Latina. Il primo sarebbe stato negli anni 2000, attraverso i governi di Hugo Chavez (1999-2013), Lula da Silva (2003-2016), Néstor Kirchner e Cristina Fernández (2003-2015), Evo Morales (2006-2019) e Rafael Correa (2007-2017).

La nuova ondata sembra essere guidata da governi come Alberto Fernández (2019), Gabriel Boric (2022) e probabilmente Lula e Gustavo Petro nel caso in cui trionfassero nelle elezioni di quest'anno. Il governo di Andrés Manuel López Obrador è diverso: troppo tardi per far parte della prima ondata e troppo conservatore per applicargli l'aggettivo di progressista.

Si noti che nella prima ondata c'è una certa sincronicità: inizia nei primi anni del nuovo secolo e termina verso la metà del secondo decennio, bloccata dalle conseguenze della crisi del 2008 e dalla crescente intransigenza dell'impero.

Ma c'è molto di più in comune. Tutti i governi hanno fatto affidamento sul boom dei prezzi internazionali delle materie prime, hanno migliorato i redditi dei settori popolari e hanno compiuto passi concreti verso l'integrazione regionale, anche se nessuno ha affrontato il minimo cambiamento strutturale, al punto da avvitare la dipendenza dal settore primario e promuovere la deindustrializzazione.

La seconda ondata affronta nuovi problemi, non ha uno scenario economico globale favorevole e l'atteggiamento degli Stati Uniti è sempre più interventista. In Argentina, il governo Fernández ha raggiunto un accordo con il FMI per il pagamento del debito che ha causato spaccature nell'alleanza di governo con quelli seguiti da Cristina Fernández, a solo un anno dalle elezioni presidenziali che, probabilmente, la destra vincerà di nuovo.

Ma l'esempio più chiaro e forte della povertà politica ed etica della seconda ondata è il governo cileno di Boric. Durante i primi giorni della sua amministrazione non ha fatto il minimo gesto verso il popolo Mapuche, né verso i prigionieri della rivolta, ha minacciato di indurire la repressione e di difendere gli abusi dei Carabineros.

Se prima di entrare in carica e nonostante l'enorme attesa del popolo cileno, ci si aspettava che avrebbe attuato "riforme tenui" (https://bit.ly/3JxS4j7), i suoi primi passi lo mettono di fronte al settore più consistente del campo popolare, assicurando che reprimerà coloro che continuano a manifestare in Plaza Dignidad (https://bit.ly/3KskrR3).

Non dimentica che è stato grazie alla rivolta che è arrivata a La Moneda, ma preferisce voltare le spalle a chi combatte, come ha fatto nel novembre 2019 firmando un accordo con il diritto di convocare un'Assemblea Costituente e indebolire così la protesta popolare.

Ciò che c’è in comune tra Boric e Fernández è che affrontano una parte crescente del movimento sociale perché hanno optato per la continuità, per servire gli interessi delle classi dominanti 

Eventi simili si verificano ad altre latitudini. Non includerò il peruviano Pedro Castillo in questa breve recensione, perché il suo governo difficilmente può essere considerato progressista, poiché fin dall'inizio della sua campagna elettorale ha mostrato i limiti della sua forza politica e del suo orizzonte personale.

Il caso più sintomatico è quello di Lula. Ha scelto come vicepresidente Geraldo Alckmin, che proviene dalla socialdemocrazia (PSDB) di Fernando Henrique Cardoso, il partito che ha promosso il neoliberismo in Brasile. È un politico conservatore di centro-destra che è stato accusato di corruzione quando era governatore di San Paolo, comprese le irregolarità denunciate nel caso Odebrecht (https://bit.ly/3Kui2FL). 

È chiaro che Lula cerca di attirare l'elettorato della classe media che ha rovesciato il PT nel 2015, a fronte di una crescita prevedibile dell'immagine di Bolsonaro che ha già raggiunto il 30% delle aspettative di voto. Allearsi con Alckmin è una decisione tattica intelligente, ma che impedisce di valutare la sua candidatura come di sinistra o progressista.

Ciò che sta accadendo con il progressismo è patetico. Ha rinunciato anche a cambiamenti minori o cosmetici e tutto è in gioco nel presentarsi come alternativa all'ultradestra, che si tratti di Bolsonaro, uribismo in Colombia o Kast in Cile.

La Colombia è un caso parzialmente diverso, perché non c'è mai stato un governo progressista e la destra dura e pura ha sempre governato. Ma in paesi come il Brasile, l'Argentina e il Cile, dove ci sono stati lunghi periodi di governi progressisti senza cambiamenti fondamentali, la nuova ondata è la strada del disastro perché la destra tornerà con più forza e il movimento popolare sarà disorganizzato e senza un nord.

In Colombia, Petro è un'alternativa per chiudere il ciclo di Uribe, come Castillo è stato bravo a bloccare il passo di Keiko Fujimori. Ma niente di più. Non è lo stesso votare per impedire all'estrema destra di vincere, piuttosto che farlo con la speranza che facciano qualcosa di positivo. Ciò dipenderà solo dalla forza organizzata di quelle e quelli in basso, dalla loro capacità di persistere nel mezzo della peggiore tempesta degli ultimi decenni.

Traduzione di Christian Peverieri dall'originale, pubblicato su desinformemonos.org.

Bookmark and Share