Il laboratorio Paraguay

Un nuovo modello di colpo di stato, il ruolo delle agenzie governative statunitensi e un massacro senza mandanti e con i soliti colpevoli. Il Paraguay si presenta come la vera anomalia del Sudamerica.

15 / 4 / 2013

Per le strade di solito tranquille Asunción, capitale del Paraguay, c'è un crescente senso di disagio. La morte del generale in pensione e candidato alla presidenza Lino Oviedo nel mese di febbraio, in un incidente di elicottero sospetto, ha alzato il livello della tensione in un momento già difficile dopo l'impeachment del presidente della sinistra Fernando Lugo lo scorso giugno.

Sui muri della città, i graffiti esigono una risposta alla domanda: "Que pasó en Curuguaty?"; è ora il grido di battaglia della protesta di 5000 manifestanti che lo scorso dicembre in una regione rurale di confine dopo uno scontro tra le forze di polizia e contadini senza terra culminò con la morte di diciassette persone, undici civili e sei poliziotti. La tragedia, che ha avuto luogo solo una settimana prima di impeachment di Lugo, è stata colta al volo dai suoi avversari, che hanno spinto per la sua estromissione accusando il presidente di aver fomentato "la lotta tra ricchi e poveri" tenendo colloqui con i leader dei contadini. Così il Paraguay si prepara a eleggere un nuovo presidente il 21 aprile e un numero crescente di cittadini ritiene che rispondendo alla domanda di che cosa è accaduto in Curuguaty sia la chiave per comprendere la verità che si cela dietro impeachment di Lugo.

Ex-sacerdote cattolico e vescovo di una delle diocesi più povere del Paraguay, nel dipartimento rurale di San Pedro, tra il 1994 e il 2005, Lugo non è mai stato popolare all'elite economica del paese. Ha vinto le presidenziali nel 2008, formando una coalizione con il Partito Radicale Liberale (PLRA), il secondo partito del paese, e ha scelto Federico Franco, una delle figure principali del partito, come suo vice presidente. Ma la coalizione si è rivelata ben presto fragile, i leader del PLRA si oppongono ad alcune sue scelte politiche, come i rapporti con i paesi vicini Venezuela, Bolivia ed Ecuador. Lugo ha governato con un Congresso fortemente contrario ed è stato più volte minacciato di impeachment, anche dagli stessi liberali.

Documenti di WikiLeaks rivelano che l'ambasciata degli Stati Uniti era a conoscenza di complotti contro Lugo di cui si parlava da quando era stato eletto . "Molti credono che gli attori politici ... sono in attesa che Lugo commetta un grosso errore che potrebbe servire come motivo di impeachment nei prossimi quattro anni", scriveva l'allora ambasciatore Liliana Ayalde in rapporto classificato il 9 agosto 2009.

Lo stesso rapporto ha riconosciuto che, nonostante i timori degli Stati Uniti, Lugo non ha attuato una svolta profonda da "uomo della sinistra radicale di ispirazione bolivariana", non ha, per esempio, realizzato le riforme della terra richieste dai movimenti sociali del Paraguay. Tuttavia, nel paese più povero del Sud America, dove il 2 per cento della popolazione controlla oltre il 75 per cento della terra fertile, la sua politica è stata vista come troppo radicale per l'establishment conservatore. La vicinanza di Lugo all’ ala sinistra dei leader sudamericani e il suo supporto all'Unasur, un'alleanza geopolitica con un focus sulla collaborazione militare, come contrapeso per l'influenza americana, sono state una spina nel fianco per i politici filoamericani in Paraguay ed sono state utilizzate per sostenere per il suo impeachment.

Lugo ha anche osteggiato i grandi proprietari terrieri per quanto riguarda l’uso degli OGM in Paraguay da sempre alla base dell’economia del paese . infatti è il quarto maggiore esportatore di soia al mondo, ed i suoi tentativi per disciplinare l'uso dei pesticidi e degli OGM è stato rapidamente fermato dal suo sostituto, il vice presidente Franco.

Anche se Lugo aveva molti nemici politici, è sempre più chiaro che la sua cacciata è stata facilitata da quelle forze che in Paraguay non solo lo osteggiavano dal momento in cui è stato eletto, ma che hanno anche goduto di un sostegno finanziario da parte degli Stati Uniti. L'Agenzia degli Stati Uniti per lo Sviluppo Internazionale, USAID, ha rinnovato i suoi investimenti nel paese dopo che Lugo ha preso il potere, con gran parte dei fondi che sono andati alle stesse forze che sostengono il suo impeachment. Corrispondenza interna tra il Dipartimento di Stato e l'USAID suggerisce che, piuttosto che mostrare preoccupazione per le circostanze che hanno portato impeachment di Lugo - tra cui il massacro di Curuguaty – i funzionari USA ha invece mostrato la volontà di lavorare con coloro che lo ha sostituito. Il giorno stesso che Lugo è stato rovesciato, 22 giugno 2012, Michael Eschleman, direttore della sezione Democrazia e Programmi dell’USAID, ha scritto una e-mail citando la necessità di capire "come siamo in grado di affrontare al meglio una nuova leadership per garantire la stabilità non solo nella programmazione, ma la capacità di progredire in avanti. "

Altrove, il rovesciamento di Lugo è stato visto come un colpo di stato, e oggi il Paraguay è isolato in tutta la regione, essendo stato sospeso dall’ Unasur e dal Mercosur, il mercato comune del Sud. Nel frattempo, all'interno del paese i paraguaiani chiedono giustizia per le persone uccise a Curuguaty, nonché un resoconto completo degli eventi in quel giorno.

La mattina del 15 giugno, il comandante di polizia Paulino Rojas ha dato alla Polizia Nazionale del Paraguay l'ordine di sgomberare 70 SenzaTerra che occupavano 2.000 ettari di terreno a Curuguaty. Il presunto proprietario del terreno Blas Riquelme, è uno speculatore conosciuto ed ex presidente del partito di opposizione conservatrice del Paraguay, il Partido Colorado (Colorado Party). Ma era Riquelme che stava occupando la terra in violazione di legge; il legittimo proprietario era l'Instituto Nacional de Desarrollo Rural y Tierra de Paraguay, che ha cercato di bloccare lo sgombero finendo per essere ignorato dai tribunali locali.

L'istituto non era il solo a a non volere lo sgombero. Diversi membri della Polizia Nazionale hanno spinto per rinviare l'operazione per il timore di uno scontro violento. Tra di loro c'era Arnaldo Sanabria, capo della Special Operations, così come Erven Lovera, che sarebbe stato il primo poliziotto ucciso quel giorno. Dopo gli omicidi, il comandante Rojas non ha fatto menzione di queste obiezioni al ministro degli interni, Carlos Filizzolla, che ha dichiarato che la forza usata per sgomberare i contadini, 324 uomini armati e un elicottero, era sproporzionata.

Non solo la forza era sproporzionata, ma lo sgombero è stato estremamente violento. Un rapporto poi rilasciato dalla ONG, Plataforma de Estudio de Investigación e Conflictos Campesinos (PEICC) ha dimostrato che i poliziotti hanno manipolato la scena del crimine, gettando bossoli di proiettile sopra cadaveri per farli apparire come dei criminali. Il rapporto ha anche sollevato la questione da chiarire se alcuni degli undici contadini siano stati giustiziati e ha sottolineato che molte delle persone arrestate non hanno alcun collegamento con gli scontri. La polizia ha trovato un elenco di persone che hanno occupato la terra e ha emesso mandati di cattura nei confronti di tutti con l'accusa di omicidio, accusando anche persone che non erano presenti durante lo scontro. Cinquantaquattro contadini sono ancora latitanti. Tre di loro sono fuggiti in Argentina, dove ha ottenuto lo status di rifugiato.

L’indagine sul massacro di Curuguaty è istruita dal pm Jalil Rachid, il cui padre, come Blas Riquelme una volta era presidente del Partito Colorado. Rachid ha affermato che i 70 contadini hanno teso un' imboscata ai 324 poliziotti, una conclusione basata esclusivamente su testimonianze della polizia. Dei contadini "non è venuto nessuno a testimoniare, perché avevano paura; temevano di essere perseguiti", ha dichiarato alla stampa. Le quattordici persone arrestate dicono di essere state torturate mentre erano in custodia della polizia. Ruben Villalba, uno dei leader dell'occupazione, che si trova in una prigione di Asunción, dice di essere stato "picchiato" e che "non era solo una tortura psicologica, "Mi hanno detto, 'Tu appartieni alla guerriglia.' E un capo della polizia è pure saltato sulla mia schiena mentre ero a terra gridando : ' Hurra ! ' Mi sentivo come se fossi un trofeo ", afferma, piangendo al ricordo.

Per il procuratore Rachid, Villalba è davvero un trofeo, la mente ufficiale della’agguato e il maggior responsabile della tragedia. Franco, il presidente appena insediato ha definito Villalba assassino mesi prima che il processo fosse finito e la sentenza fosse emessa. Il procuratore generale, Javier Díaz Veron, ha anche elogiato l'indagine ufficiale.Mesi dopo, uomini armati non identificati hanno assassinato Vidal Vega, un leader contadino che era un testimone chiave degli eventi. Vega aveva sostenuto l'occupazione della terra, nonché l'indagine da PEICC. Il suo omicidio lo scorso dicembre ha suscitato una levata di indignazione in Paraguay, e Amnesty International e le Nazioni Unite hanno chiesto che si indaghi sul fatto.

Non è un caso che lo sgombero dei contadini di Curuguaty è stato supportato dagli stessi che avrebbero cacciato Lugo quasi subito dopo. Sei mesi prima dell’ impeachment di Lugo, il Partito Colorado ha rilasciato una dichiarazione invitando l'amministrazione di Lugo ad effettuare gli sgomberi. La dichiarazione è stata scritta dal deputato Oscar Tuma del Partito Colorado, che in seguito avrebbe scritto gli articoli di impeachment contro il Lugo.

Lugo è stato spodestato da un voto quasi unanime del Senato: 39 a 4. Il processo è durato meno di 24 ore, il suo team di difesa aveva solo diciassette ore per preparare una risposta a cinque accuse mosse dalla Camera tra le quali quella che ha alimentato l'instabilità non reprimendo il movimento dei contadini senza terra. I deputati non ha presentato alcuna prova, semplicemente hanno affermato che le accuse erano "di dominio pubblico e, pertanto, non devono essere provate secondo le nostre leggi." Lo stesso giorno, Franco è entrato in carica.

La frettolosa azione di impeachment ha sollevato preoccupazioni in tutto il Sud America: Il 23 giugno, la Commissione interamericana per i diritti dell'uomo ha dichiarato che la velocità del procedimento "inaccettabile". L'Alleanza Bolivariana per le Americhe si spinse fino a definirla un colpo di stato, mentre l'Unasur e Mercosur hanno affermato che l’azione ha violato le loro regole democratiche.Ma l'Organizzazione degli Stati americani hanno reagito in modo diverso. Il 1 ° luglio, una missione d'inchiesta guidata dal Segretario Generale dell'OSA José Miguel Insulza è arrivata nella capitale. La missione ha le impronte digitali degli Stati Uniti dappertutto; a parte Insulza, i membri che la componevano erano l'ambasciatore Carmen Lomellin, rappresentante permanente degli Stati Uniti alla OAS, insieme ai rappresentanti di Canada, Messico, Honduras e Haiti, tutti alleati Stati Uniti e con le ultime due che hanno visto i loro presidenti anti-USA dimessi negli ultimi dieci anni.

Nel suo rapporto ufficiale, Insulza ha concluso che mentre è "naturale che la situazione che si è verificata in Paraguay ha suscitato reazioni molto negative, non è esattamente un fenomeno nuovo nel nostro emisfero". Ha riconosciuto che la velocità del procedimento "ha creato un alone di illegittimità", ma ha difeso l'impeachment, sostenendo che la sospensione Paraguay dall'OEA sarebbe controproducente. Invece, ha detto,” l'OSA dovrebbe dareil suo sostegno a nuove elezioni.

In data 11 luglio 2012, il giorno dopo l'OSA ha pubblicato il suo rapporto, l'amministrazione Obama ha dichiarato il suo sostegno all’ amministrazione “de facto” di Franco. L’ Assistente al Segretario di Stato per gli Affari dell'Emisfero Occidentale Roberta Jacobson ha detto in una conferenza stampa che gli Stati Uniti non vedeva alcuna ragione per sanzioni al Paraguay e rilanciava la conclusione di Insulza. "La cosa più importante a questo punto è quella di cercare modi costruttivi ... ad impegnarsi con il Paraguay, anche con il governo di Franco, per arrivare alle elezioni del prossimo anno."

"Così non è stato un colpo di Stato?" ha chiesto un giornalista alla Jacobson.

"Non ho intenzione di rispondere a questa domanda," ha risposto lei.

Come l'amministrazione Obama, anche l’USAID aveva grandi speranze per il nuovo governo del Paraguay. Alcune e-mail mostrano che, anche prima che l'impeachment fosse stato votato in Senato, USAID di Michael Eschleman stava facendo piani per preservare i progetti dell'agenzia. "Ha cominciato riunioni interne per valutare e strategie su come mantenere la migliore quantità di lavoro di entrambi i programmi Democracy and Threshold con la nuova amministrazione Franco ", ha scritto il giorno del impeachment a un vicepresidente delegato del Millennium Challenge Corporation (MCC). Il programma Threshold, è il più grande programma finanziato da USAID in Paraguay che ha investito 65 milioni dollari dal 2006. Eschleman ha definito "una buona notizia" che "Franco e la sua squadra sanno molto del programma Threshold,, sulla base di alcuni incontri che abbiamo avuto con lui e la sua squadra nel corso degli ultimi due anni."

Altre e-mail contengono un ulteriore "buona notizia", ​​in particolare, che "Sia il ministro degli Interni che il capo della polizia hanno lavorato a stretto contatto con noi nel programma Threshold e sono nostri alleati!"
Il Capo della Polizia Paulino Rojas, che ha ordinato lo sgombero di Curuguaty, è stato anche uno stretto collaboratore con il programma Threshold, dell’ USAID, come lo erano le coinvolti. Tra il 2009 e il 2011, l'USAID ha investito 9 milioni dollari attraverso il programma di riforma e formazione della polizia nazionale. Infatti, tre mesi prima del massacro, Rojas ha conferito una medaglia d'onore per un altro funzionario dell’ USAID, Matthew Langhenry, durante evento che segna il successo di Threshold, "Abbiamo donato oltre $ 2 milioni in attrezzature per la polizia qui", ha detto con orgoglio Langhenry "insieme, abbiamo scritto il primo manuale per l'uso della forza per la Polizia Nazionale del Paraguay " e "riformato il regolamento disciplinare."

Il programma Threshold, è iniziato in Paraguay nel 2006 per "rafforzare lo stato di diritto" e combattere la corruzione, ed è stato rinnovato dopo l'elezione di Lugo due anni dopo. Il programma è finanziato dalla MCC - un'agenzia indipendente - statunitense creata nel 2004 per fornire "assistenza e intelligente al Governo degli Stati Uniti", ma amministrata da USAID. Per i “ricercatori” del progetto Paraguay Investigaciones Sociales credo che la ragione per gli investimenti supplementari USAID seguenti elezione di Lugo sia stato quello di evitare che la sua politica di diventare troppo di sinistra, e per evitare che la sua amministrazione fosse troppo vicina a Venezuela, Bolivia, Ecuador e Cuba. "La maggiore presenza non è incentrata esclusivamente su supporto bilaterale, ma include anche più finanziamenti per una grande varietà di attori, tra cui organizzazioni non governative, associazioni di imprese e cooperative", hanno concluso in un rapporto pubblicato lo scorso dicembre.

Durante la prima fase del programma Threshold, il finanziamento è stato inoltrato ad alcune delle stesse istituzioni che hanno svolto un ruolo centrale nel mettere sotto accusa Lugo sei anni più tardi, tra cui non solo le forze di polizia, ma anche il Pubblico Ministero e la Corte Suprema. Il pubblico ministero ha ricevuto $ 11,7 milioni nel fondi dei contribuenti statunitensi attraverso il programma Threshold, dal 2006. La Corte Suprema ha ricevuto $ 5 milioni.
Tre mesi prima dell'impeachment, Mark Feierstein, assistente amministratore dell'USAID per l'America Latina ei Caraibi, ha tenuto una riunione con i membri della Suprema Corte del Paraguay per conoscere gli ultimi progetti realizzati attraverso il programma Threshold,. I rappresentanti della Corte ha ringraziato l’USAID per il "sostegno permanente" ai loro progetti, che Feierstein indicato nella lotta alla corruzione e nella resa del sistema giudiziario del paese "più efficiente ed efficace per il popolo del Paraguay". Lo chiamò "un esempio per altri paesi."

Ma la retorica di Feierstein non ha riflette le opinioni personali di coloro che hanno familiarità con la Corte. Nell'agosto del 2009, cinque mesi dopo che il programma Threshold è stato rinnovato in Paraguay, con un investimento di 2,5 milioni di dollari alla Corte, l'ambasciatore americano Liliana Ayalde, ora al Dipartimento di Stato, e Vice Assistente al Segretario per gli affari nei Caraibi e in Americana Centrale e per gli affari Cubani, ha inviato una preoccupante relazione. Ayalde ha scritto che la Corte Suprema del Paraguay è "ampiamente (e correttamente), vista come corrotta," e che "si concentra più sulla politica e gli interessi personali che sulle questioni legali." Ha fatto notare che "interferenza politica nei tribunali è la norma" e ha avvertito che "l'amministrazione della giustizia è diventata distorta e cittadini hanno perso fiducia nell'istituzione."

Il rapporto stesso ha notato che "il controllo politico della Corte Suprema è fondamentale per la capacità dei politici di garantire l'impunità per i crimini commessi." Ayalde ha scritto che il Partito Colorado aveva mantenuto il controllo della Corte costituzionale e della sua Sezione per gli ultimi cinque anni. "Per gli alleati di Lugo," scrisse, "ottenere il controllo della Camera costituzionale è fondamentale per prevenire eventuali accuse di impeachment contro il Lugo." In effetti, dopo la sua destituzione, la Corte Suprema ha respinto ricorsi della squadra di difesa di Lugo. (Il caso è ora all'esame della Commissione interamericana per i diritti umani.)

Il 29 marzo, la Commissione per i diritti umani delle Nazioni Unite ha chiesto al governo del Paraguay di indagare sulle uccisioni avvenute a Curuguaty. I diciotto membri della commissione che hanno esortato una nuova inchiesta "immediata, indipendente e imparziale" e hanno espresso preoccupazione per le accuse e il comportamento da parte del pubblico ministero, della magistratura e delle forze di sicurezza, così come sulla "mancanza di imparzialità e indipendenza "tra i responsabili che hanno svolto l'indagine ufficiale.

E tuttavia, anche se paraguaiani si preparano a recarsi alle urne il 21 aprile, il massacro è stato in gran parte assenti sui media e non è stato tema di discussione durante le campagne presidenziali. Lo stesso quanto riguarda la legittimità del rovesciamento di Lugo. L'ex presidente ha chiesto indagini i candidati sia del Colorado che del Partito Liberale Horacio Cartes e Efraín Alegre, per determinare se avessero una qualche connessione con gli omicidi di Curuguaty.
Tuttavia, coloro che sono sopravvissuti al massacro sono determinati a cercare la giustizia e continuare a spingere per un'indagine caccurata.Il recluso Ruben Villalba, che ha descritto il suo brutale trattamento per mano della polizia durante il suo interrogatorio, è in ospedale ed è stato uno sciopero della fame per più di cinquanta giorni. Altri si sono unito la sua causa come un atto di resistenza al silenzio ufficiale. Il nostrosciopero della fameèper la giustizia, la libertà e lavita ", dice Villalba." Chiediamo giustizia, eal governo dichiarire lastrage diCuruguaty. "

Tratto da:

Bookmark and Share