Georgia un paese in bilico

Un paese in bilico tra passato e presente tra guerra e pace

12 / 8 / 2014

Intervista alle sorelle Anna e Lela Rekhviashvili. Entrambe provenienti dalla Georgia, Anna è un dottorando in studi di Genere presso l’Università Statale di Tiblisi, in Georgia, e negli ultimi due anni ha lavorato nella direzione dell’organizzazione georgiana per i diritti LGBT “Identoba”; Lela è un dottorando in Scienze Politiche, Politica Pubblica e Relazioni Internazionali presso la Central European University di Budapest, ed è una blogger interessata alla vita politica della Georgia.


In che modo la crisi economico finanziaria sorta nel 2008 ha colpito la Georgia? Da quel momento, sono state applicate misure di austerità nel paese? Quali sono stati i settori della società maggiormente colpiti da questi processi politici?

La crisi finanziaria e la guerra dell'agosto 2008 tra Russia e Georgia hanno colpito l'economia georgiana insieme. È difficile distinguere gli effetti dei due eventi sull'economia. Tuttavia, al contrario di quello che si può intuire, nonostante la direzione fortemente neoliberista delle politiche economiche georgiane in tutto il periodo 2003-2012, il governo georgiano non ha davvero perseguito politiche di austerità come risposta alle sfide economiche (bisogna dire che non c'era molto spazio per politiche di austerità comunque, infatti prima della guerra la spesa pubblica in particolare per la protezione sociale era estremamente bassa). In qualche modo la guerra ha definito la direzione della risposta della Georgia alla crisi in due modi. In primo luogo, il governo georgiano ha ricevuto un enorme pacchetto di aiuti da parte dei donatori occidentali per la ripresa post-bellica (circa 4,5 miliardi di dollari), in modo tale che il governo ha iniziato pesantemente ad investire denaro nell'economia. Il presidente Saakashvili scherzava (non del tutto) anche sul fatto che il governo sembrava di fare un lavoro migliore rispetto al settore privato in termini di fare investimenti. In secondo luogo, la guerra ha costretto il governo georgiano a riconsiderare la spesa di bilancio, principalmente per ridurre drasticamente le spese militari e di iniziare a investire in istruzione, sanità e agricoltura. Tuttavia, l’allora governo del partito United National Movement che era prima della guerra favorevole al modello del 'minimal state' e distruggeva tutte le istituzioni che avrebbero potuto servire per il sostegno del welfare , non è stato in grado di cambiare corso. Così, riorientamento sull’ assistenza sociale non ha funzionato realmente in quanto le risorse furono spese (o meglio sprecate) su progetti a breve termine, che stavano causando l'inflazione piuttosto che aiutare chi si trova nello stato di bisogno.

Negli ultimi 23 anni di storia recente della Georgia, dalla caduta del blocco sovietico e l’indipendenza del paese, quali sono stati i maggiori cambiamenti messi a confronto con il passato? Sono state portate avanti politiche neo – liberiste?

Per dirla breve, il 1990 è stato il periodo in cui la corruzione e le relazioni di potere informali hanno dominato l'economia nella misura in cui è molto difficile da distillare qualsiasi 'senso' della politica economica georgiana. Il sistema socialista redistributivo era sparito, alcune istituzioni di mercato sono state messe in atto, l'industria era morta, e in sostanza il paese viveva di ampi finanziamenti e qualche mestiere. Il neoliberismo ha realmente raggiunto la Georgia entro il 2003 con la rivoluzione rosa e ha mandato il paese rapidamente nel processo di riforma così come nella più rapida liberalizzazione dell'economia. Da un lato, i tassi di corruzione sono diminuiti radicalmente, la burocrazia è stato ridotta e trasformata, e lo stato della capacità amministrativa generale migliorata. D'altra parte, le tasse e le normative sono state semplificate e ridotte, il codice del lavoro è stato completamente svuotato dalla capacità di proteggere i lavoratori, tutti i tipi di politiche del lavoro sono stati abolite, anche alcune delle istituzioni di regolamentazione sono stati semplicemente rimosse (invece di essere riformate), la spesa per il welfare (importante eccezione sono state le pensioni) era semplicemente assente. Queste politiche, naturalmente, hanno portano a risultati molto prevedibili, il paese ha iniziato sempre più ad ottenere investimenti diretti esteri (FDI – gli investimenti stranieri diretti - di solito sono legati alla privatizzazione della proprietà statale), l'economia ha cominciato a crescere, anche dopo la crisi la crescita ha avuto una ripresa abbastanza veloce. Tuttavia, la Georgia è diventato il paese più ineguale della regione (superando anche la Russia con il coefficiente di Gini – indice per la misurazione della distribuzione della ricchezza per ogni cittadino - al 42%), già entro la fine del 2000 la Georgia era il paese con la più grande quota di poveri e con una popolazione estremamente povera nella regione, le imprese di piccole e medie dimensioni si sono ridotte a scapito di grandi imprese, l'agricoltura che impiega il 50 per cento della forza lavoro è stata devastata, l'assistenza sanitaria è stata privatizzata, e anche quelle riforme scolastiche relativamente promettenti si trovarono in fase di stallo. Questa situazione ovviamente ha portato ad una insoddisfazione massiccia che è stato limitata per un po 'con l'aiuto brutale della polizia di stato. Il nuovo governo guidato dal 'Sogno georgiano di Coalizione' certamente ha rallentato il processo di liberalizzazione aggressiva per un po ', ed ha avviato anche un aumento della spesa sociale considerevole (introduzione del pacchetto di assistenza sanitaria di base universale era certamente una delle riforme più importanti). Tuttavia, questo governo non è ha avuto nessuna visione alternativa di politica economica. Quindi, gli straordinari, i nuovi uomini forti hanno cominciato a spingere per nuovi e grandi progetti di investimento e hanno iniziato il backa supportare i grandi investitori a spingere indietro la resistenza sociale contro la distruzione di monumenti storici, la costruzione di una gigantesca centrale idro-elettrica e così via. Inizialmente il governo era più rispondente alle malcontento sociale e la mobilitazione sociale ebbe un riflesso nel processo decisionale. Attualmente, diventa chiaro che la risposta del governo non è davvero quella di operare per il bene comune una volta che i grandi progetti economici sono in gioco.

Per quanto riguarda i diritti LGBT in Georgia, qual è il ruolo della Chiesa nella società e quale la situazione per i diritti LGBT? Qual è il ruolo della Chiesa nei paesi appartenenti all’ex blocco sovietico?

La Chiesa Ortodossa Georgiana è un'istituzione estremamente potente e ricca in Georgia ed è finanziata dal bilancio georgiano. Secondo recenti indagini sociologiche più del 95% dei cittadini della Georgia esprimono la loro piena fiducia nell'istituzione. La chiesa ha guadagnato il suo potere negli ultimi 5-7 anni, in quanto come essa stessa si è definita è stata la base principale per negoziare e proclamare la nazione dopo il crollo dell'Unione Sovietica e l'istituzione della Georgia come stato democratico. La chiesa divenne il giocatore chiave che definisce i valori, le norme e gli atteggiamenti e parla "in nome del popolo georgiano". Come in relazione ai diritti LGBT, come sembra negli ultimi due anni, la chiesa ha definito la lotta contro i diritti LGBT come il suo obiettivo principale per "mantenere i valori e la cultura tradizionale". La Georgia è un paese omofobo in cui le questioni della sessualità e del genere non sono mai state pubblicamente discusse / messe ad ordine del dibbattito fino a poco tempo fa. Qualsiasi tentativo di portare visibilità alla lotta di LGBT è fortemente contrastata dalla Chiesa. Il miglior esempio di questo è stato 17 maggio, Giornata internazionale contro l'omofobia e la transfobia l'anno scorso, quando gli attivisti LGBT hanno programmato una manifestazione pacifica a Tbilisi, e sono stati violentemente attaccati da decine di migliaia di altri cittadini guidati e mobilitati dai sacerdoti. Il nome del contro-protesta al corteo è stato "nazione georgiana contro la perversione" ed è simbolico della politica della chiesa, in quanto si definisce come una voce autentica della nazione e visualizza la lotta per i diritti LGBT o gli attivisti come imposti dall'esterno, che è soprattutto "l’occidente cattivo". Questo processo di lotta costante della Chiesa contro l'avanzamento del movimento LGBT in Georgia e la forte articolazione dei "valori tradizionali" mostra anche implicitamente i suoi fortissimi legami con la politica russa. L'argomento chiave per la violazione del corteo IDAHOT lo scorso anno per la chiesa era quello di opporsi alla cosiddetta "Gay Propaganda" - un termine preso in prestito da leggi e politiche anti-LGBT recenti. I diritti LGBT sono generalmente discussi alla luce dei "valori europei" in contrapposizione ai "valori tradizionali". Tuttavia, gli argomenti dei "valori tradizionali georgiani" coincidono esattamente con i "valori" divenuti fondamentali per la Russia recentemente nel definirsi contro "l'occidente". Più di recente, la chiesa georgiana ha iniziato a proporre esplicitamente le leggi anti-LGBT al Parlamento ed è stata coinvolta nella "politica reale" opponendosi ad alcune delle nuove leggi e le riforme che il governo avvia: un buon esempio di questo, è l'opposizione della chiesa alla recente legge adottata anti-discriminazione che cita esplicitamente l'orientamento sessuale e l'identità di genere come le basi della lotta contro la discriminazione. La legge è stata etichettata come se fosse andato contro le tradizioni / morale georgiane e l’argomento del "cattivo occidente" che va a "sodomizzare Georgia." I sacerdoti vorrebbero andare ad assistere a tutte le audizioni parlamentari di legge e minacciano apertamente i parlamentari per la disobbedienza civile se la legge sarà approvata . Diverse azioni di strada e proteste sono state organizzate, che durarono fino al 17 maggio 2014, quando il Patriarca della Georgia stabilì il giorno delle famiglie tradizionali esattamente su IDAHO e ha chiesto al pubblico di festeggiare per le strade. Tuttavia, a differenza del 17 MAGGIO 2013 la chiesa era in grado di mobilitare migliaia di persone contro la legge. Nonostante evidenti tentativi di creare euforia, la legge è stata approvata. Poiché l'adozione della legge anti-discriminazione è statoaanche un requisito obbligatorio di accordo di associazione della Georgia con l'UE, firmata nel mese di giugno, è molto chiaro che il ruolo della Chiesa in questo processo è stato più di una opposizione alla politica estera filo-europea della Georgia di qualunque altra cosa. E 'anche sintomatico, che il discorso di o contro la cosiddetta "propaganda gay", contro le organizzazioni della società civile che lavorano per i diritti umani di essere "agenti dell’occidente" sta diventando sempre più forte non solo in Georgia, ma in tutti i paesi limitrofi o nelle vicinanze paesi come l'Ucraina, la Moldavia, Armenia, Kirghizistan, ecc Gli attori che promuovono leggi di derivazione russa, o l’ideologia deli "valori tradizionali" in diversi paesi possono essere diverse: è la chiesa in Georgia, i suoi gruppi politici di destra di recente costituzione in Ucraina, ma gli argomenti, le iniziative legali e le strategie per "mantenere i valori nazionali" di questi attori sono sospettosamente simili tra loro.

Che tipo di organizzazione è “Identoba”? Quando è stata fondata, e da chi? Quali sono le sue prospettive?

Identoba è stato istituita l’8 novembre 2010 a seguito dello scioglimento del Inclusive Foundation, la prima organizzazione LGBT del paese nel periodo 2006-2010. Identoba è stata fondata da un gruppo di specialisti di Studi di genere ed attivisti LGBT. Identoba fu avviata inizialmente come organizzazione di comunità più piccola per creare uno spazio di discussione, condivisione delle informazioni ed attivismo. Durante i tre anni della sua esistenza Identoba divenne un'organizzazione su più ampia scala, che opera un Centro LGBT Community a Tbilisi ed è coinvolta nel sostenere il cambiamento politico e giuridico per i diritti umani delle persone LGBT, fa attività di ricerca, lavoro dei media, campagne pubbliche ed altro. Identoba è stato uno degli organizzatori principali della IDAHOT raduni per il 2012 e il 2013. Identoba vede come parte fondamentale del suo lavoro di essere a conoscenza delle complessità dei meccanismi di oppressione che si riferisce al genere, la sessualità, la classe sociale, la capacità, età, etnia, razza o religione , quindi il suo obiettivo di lavoro è ampio e comprende una stretta cooperazione con altri "gruppi minoritari" o organizzazioni per i diritti umani nel paese o al di fuori.

I territori confinanti con il Mar Nero, su cui si affaccia anche la Georgia, hanno un’importanza geo – politica importante, come si è compreso dal recente conflitto in Crimea, dopo gli event turbolenti che hanno scosso l’Ucraina. Questo si può capire anche guardando al conflitto tra Georgia e Russia scoppiato nel 2008. Cosa accadde in quella circostanza? Quali i motivi della guerra, quali i suoi effetti e le considerazioni da effettuare in riguardo a quell’evento?

Due regioni si sono separate dalla Georgia nei primi anni '90, dopo il crollo dell'Unione Sovietica, Abkhazia e Ossezia del sud. Le regioni hanno annunciato la loro indipendenza dopo la guerra con la Georgia nei primi anni '90 e il conflitto mai risolto dopo. L'influenza politica della Russia in entrambi i luoghi è enorme: la Russia fornisce passaporti russi ai loro cittadini, i media principali disponibili nel paese è il sostegno russo e politico e militare della Russia nei territori è incondizionato. I conflitti sono stati congelati fino al 2008. Infatti, nei primi mesi del 2008, il governo georgiano fece partire un avviso dicendo che le truppe russe si stavano mobilitando in Ossezia del Sud ed ha chiesto all’OSCE e le Nazioni Unite di stabilire missioni osservatorie nella regione. L'allarme non è stato preso sul serio allora. I colpi di arma da fuoco oltre il confine sono cominciati all'inizio dell'estate dalla Sud Ossezi, molto vicina a dove si trovavano le russe "forze di pace". Il georgiani sono stati coinvolti nella guerra, che ha consistito in una legittimazione della Russia per se stessa, e furono apertamente coinvolti nel conflitto militare e ha portato nel bombardamento dei territori strategici della Georgia: confinante città Gori, aeroporto di Tbilisi ed altri. I risultati della guerra in Georgia, furono gravi, come ogni altra guerra, a partire dalle morti e caos, finendo con circa 25 000 sfollati che hanno dovuto abbandonare le loro case e non possono tornare indietro. Altri effetti della guerra comprendn: acuirsi della crisi economica in Georgia, grande aumento delle forze militari russe nei confini della Georgia, privando qualsiasi possibilità per la Georgia a prendere qualsiasi passo pacifico nei conflitti. Ciò significa, che la Georgia è a rischio ogni giorno di guerra con la Russia ancora una volta, in caso di scoppio viene avviata da eventuali lati del confine. Che la guerra della Russia in Georgia significa anche che la Russia prova i suoi attacchi su piccola scala nelle periferie dei paesi su cui vuole guadagnare influenza politica e osservando la reazione del "occidente" su di esso. Penso che la strategia attuale della Russia con Krimea è molto simile a quello che stava accadendo in Georgia prima. Russia sembra di stare attenta, non inizia un attacco diretto su un paese, o la sua capitale. Ci gira intorno, utilizzando una guerra informativa nelle "zone di conflitto" attraverso i media russi; facendo in modo che i luoghi hanno abbastanza cittadini russi dalla loro parte, e di solito finisce con attacchi militari a questi luoghi. Attraverso una strategia occupazionale attenta e non apparentemente diretta la Russia può avere il controllo sulla reazione della cosiddetta "comunità internazionale" sulle sue azioni militari e di verificare attentamente i liniti della propria occupazione.

Bookmark and Share