Dove va l'Albania

Privatizzazioni, corruzione, disoccupazione e tensioni sociali

8 / 5 / 2014

Intervista ad Arlind Qori, docente di Filosofia Politica presso l’Università di Tirana, Albania. E’ un attivista dell’organizzazione di sinistra radicale Albanese “Organizata Politike”

In un tuo recente articolo comparso in rete “Benvenuti nell’Isola che non c’è distopica: Albania, un paese in cui il pubblico trasporto diventerà un lusso estremo”, descrivi appunto il tuo paese in termini critici. Quale tipo di politiche neo – liberiste, dal collasso del blocco sovietico, sono state realizzate? In quali settori ed in che periodi? Qual è stato il ruolo del Fondo Monetario Internazionale e della classe politica rappresentativa?  

Le riforme neoliberiste risalgono in Albania ai primi anni novanta. Il Fondo monetario internazionale e la Banca Mondiale sono stati presenti la maggior parte del tempo durante quello che è ideologicamente chiamata la "transizione", cioè il passaggio da una economia socialista centralizzata ad una struttura economica neoliberista. Fin dai primi anni novanta la maggior parte delle vecchie industrie produttive sono state chiuse, con il pretesto che erano inefficienti. Ora è una conoscenza comune che la maggior parte di esse, soprattutto le industrie leggere, avrebbe avuto una buona possibilità di sopravvivere economicamente. Questa chiusura ha portato ad una emigrazione di massa nei primi anni novanta, soprattutto in Grecia e in Italia. Quindi, una parte considerevole della classe operaia albanese funziona ancora o fatica a trovare un lavoro all'estero, in modo che attraverso le rimesse possono ancora tenere una rete di sicurezza sociale informale per le loro famiglie in Albania. Per quanto riguarda altri tipi di privatizzazioni, progressivamente quasi tutto è stato o privatizzato, o dato in concessione a imprese private, come nel caso del settore minerario. Quest'ultimo hasofferto molto da questo tipo di concessioni mafiose, per cui le aziendeprivate, senza alcun tipo di riguardo alle condizioni contrattuali, i diritti dei lavoratori, o politiche di investimento a lungo termine, hanno solo derubato le miniere in superficie, distruggendo permanentemente le loro potenzialità future. Oggi, oltre ospedali pubblici, scuole e infrastrutture di base, tutto è stato privatizzato. Per quanto riguarda il ruolo dell'FMI, esso è stato chiave. Esso ha "supportato" i governi albanesi dai primi anni novanta. Il suo primo e quasi dimenticato fiascoè stato il crollo finanziario dello schema - Ponzi del 1997. Prima diquell'anno il FMI stava lodando il governo albanesecome un modello da seguire da parte di altri paesi dell'Est europeo. In nome della libera impresa, il FMI non ha emesso avvisi al governo albanesefino a quando era troppo tardi per tornare indietro. Questo è stato per il ricordo storico. In tempi più recenti, l'ultimo governo, paradossalmente unadestra palese neoliberistaha tagliato le sue relazioni con l'FMI. Naturalmente non assume diverse politiche economiche, ma solo per avere le mani slegate in modo da poter aumentare i salaridella pubblica amministrazione e le pensioni di un anno o due prima delle elezioni generali. L'attuale governo, guidato dalla terza volta dai socialisti, ha richiamatol'FMI. Si è preso in prestito da loro, su condizioni come il congelamento dei salari-rilanci nel settore pubblico, il congelamento delle pensioni, l'abbassamento del salario minimo, l'introduzione di riforme delle pensioni che significa che l'innalzamento dell'età pensionistica ammissibili, ed altre politiche neo - liberiste

Qual è il livello di disoccupazione nel paese? Qual è la situazione dei precari, sottoccupati e disoccupati?

Ufficialmente il tasso di disoccupazione è del 21%, eil tasso di disoccupazione tra i giovani è ancora più alto. Ma il tasso reale è considerato ancora più alto. Seestendiamo il tasso di disoccupazione al precariato e ai  sottoccupati, il tasso può andare al 40%. In queste condizionila condizione dei lavoratori, il precariato e la disoccupazione sono drammatici. La maggior parte dei lavoratori non hanno un regolare contratto. I datori di lavoro non paganoloro le obbligatorie assicurazioni sociali e sanitari. Per il precariato ela disoccupazione, la situazione è ancora peggiore. Il salario minimo è stato abbassato negli ultimi mesi a circa 130 euro al mese, ma il salario reale minimo è di soli 100 euro al mese. Le parti inferiori della classe lavoratrice (in pratica la maggior parte di essa) prendonoproprio questo. Il precariato viene pagato anche meno. Dall’altro lato, a causa dell’alta disoccupazione, l’organizzazione del lavoratore è quasi inesistente. I lavoratori hanno troppa paura di essere organizzati, perché significherebbe essere licenziati immediatamente, senza la protezione giuridica, e senza alcuna reale speranza di vincere una battaglia giudiziaria in un sistema giuridico notevolmente danneggiato. D'altra parte, i sindacati ufficiali sono solo burocrati che sopravvivono economicamente attaccandosi all’ élite politica. Pochissimi lavoratori sono anche formalmente ad essi connessi. E tutti questi fattori aumentano la  disperazione dei lavoratori e dei poveri in generale.

Una protesta emblematica che si evince dal tuo articolo è quella relativa al settore dei trasporti pubblici. Qual è stata la mobilitazione ad essa attinente e qual è la situazione generale?

La questione del trasporto pubblico è stato sollevato qualche mese fa. Ciò significava in sostanza che le società private che sono state autorizzatedallo Stato per fornire mezzi di trasporto pubblico urbano a Tirana hanno chiesto di aumentare il prezzo del biglietto del 80-120%. Durante quel periodo hanno costrettoi loro operai, che lavorano in condizioniterribili e non sono pagati da mesi, a fareuna farsa di uno sciopero in solidarietà con i loro padroni. D'altra partele istituzioni governative, come il Comune di Tirana e il Ministero dei Trasporti Pubblici, hanno mostrato la loro volontà di rispettare le richieste di aziende private. Eccoche cosa ha innescato le nostre continuemanifestazioni pubbliche e assemblee.Per quasi un mese, “Organizata Politike” e altri gruppi sociali organizzati hanno partecipato a quegli eventi di protesta. Nel frattempo la situazione è in una fase di stallo. Le agenzie governative non hanno preso una decisione, e sembra chealmeno fino alle elezioni comunali dei prossimi anni non sarà presa nessuna decisione. Temendo la reazione del pubblico prima diun'elezione così importante, i due partiti principali (il Comune di Tirana è guidata dal presidente del Partito Democratico di destra, mentre il governo è socialista), sembrano aver assecondare le pressioni dell'opinione pubblica, almeno temporaneamente.

Quello che è un fenomeno molto conosciuto della società albanese è quello dell’emigrazione, in paesi come l’Italia o la Grecia. Quali sono le caratteristiche di questo fenomeno?  

Come ho menzionato prima , la massiccia emigrazione in Italia e Grecia è stato il fattore più importante per la sopravvivenza economica dell'Albania . Insieme con il settore immobiliare speculativo , le continue privatizzazioni e la criminalità metropolitana, è stata uno dei principali contributori al PIL del paese , e soprattutto per la sua rete sociale. Ma ciò che viene vissuto in questi ultimi anni è che a causa della crisi economica europea, la maggior parte di loro, soprattutto quelli che lavorano in Grecia , stanno tornando a casa . Questo porta al peggioramento della crisi economica in Albania , perché la maggior parte di loro tornare a casa senza un soldo , dopo anni di disoccupazione in Grecia . Questo solleva un sacco di nuove domande. Come il loro ritorno sta andando a influenzare nel lungo periodo l'economia albanese ? C'è un nuovo potenziale per l'organizzazione e la costruzione di un movimento di massa di questi nuovi arrivati ​​, che sono probabilmente più familiarità con la resistenza e l'organizzazione dei lavoratori rispetto ai loro compagni albanesi ?

Cosa è e quando nasce “Organizata Politike”? Quali sono le sue prospettive ed attività?

 “Organizata Politike”si definisce, in senso lato, come una radicale organizzazionedi sinistra. E ' lontana dalla “sinistra” della elitè politica neo – liberista, ma anchesi allontana anche dai piccoli partiti Hoxhaisti -stalinisti che dal nostro punto di vista sono solo un gruppo di nostalgici quasi-religiosi. Perché la sinistra radicale in Albania è stato dominata (negli anni della guerra fredda) dall'elite politicastalinista, c'è stato un deserto di gruppi radicalidi sinistra in Albania nel corso degli ultimi due decenni. Probabilmente siamo i primi ad essere emersi. E non avendo nessuna esperienza e nessun bisogno di piccole scaramucce del settarismo anticapitalistaoccidentale, stiamo cercando di costruire una organizzazione che è abbastanza ampia da comprendere in sé un sacco di diversitàdi sinistra. Comunque, ciò che ci definisce in modo più positivo è la criticaday-by-day del capitalismo contemporaneo, in particolare il neoliberismo, e la ricerca di modi alternativiper superarla e costruire una nuova società eguale, libero e emancipatrice.  “Organizata Politike” è nato nel 2011, dopo la sanguinosa protesta del 21 gennaio . Tale dimostrazione è stata chiamata dall'allora opposizione del Partito socialista contro il governo democratico della destra a causa di un grande scandalo di corruzione . Durante questo evento , i burocrati socialisti persero il controllo del popolo , la maggior parte in povertà , la cui protesta si manifestò con un violento scontro con la polizia . Quattro manifestanti sono stati uccisi , e alcuni di noi erano presenti quel giorno. Nei giorni successivi, alcuni di noi hanno convocato una riunione , dove il governo è stato accusato di essere un assassino proto -fascista , ed i socialisti come traditori per il loro popolo . Prendendo in considerazione altri problemi socio - economici, il progresso senza ostacoli del neoliberismo , la mancanza di una adeguata organizzazione di sinistra , ecc , abbiamo deciso di fondare “Organizata Politike” , il cui obiettivo principale dovrebbe essere la critica del capitalismo / neoliberismo , la lotta perdi organizzare i lavoratori , il precariato e la disoccupazione , la mobilitazione degli studenti , ed altre questioni politicamente e socialmente sensibili. Attualmente quello che abbiamo cercato di raggiungere è la marcia del 1 maggio, sul fronte dei lavoratori, la rottura antiegemonicadell'ideologia neoliberista, e la spiegazione dei loro diritti. Ma fino ad ora la reazione di base dei lavoratori è stata: “Sappiamo che hai ragione,ma noi siamo senza speranza”. D'altra parte, siamo riusciti a raggiungere un certo successo sul terreno degli studenti. Questi ultimi anni, igoverni albanesi hanno cercato di imporre riforme finanziarie neoliberiste nel settore dell'istruzione superiore, che in pratica significa finanziamento delle università private con soldi pubblici, la ristrutturazione università pubbliche in linee di mercato e trasformandole in strutture orientate versoi i privati, e l'innalzamento delle tasse per gli studenti. Come per le altre questioni pubbliche, ho parlato delle proteste di trasporto pubblico, e posso aggiungerne ancora di più, ma vorrei sottolineare in particolare la protesta di massa dello scorso novembre contro l'imposizionedegli Stati Uniti sul ​​governo albanesea prendere le armi chimiche siriane. Siamo stati parte di quel grande movimento, che ha costretto il governo albanese di rifiutare l'offerta degli Stati Uniti, e ci consideriamo il gruppo più radicale nel corso di tale protesta, quando abbiamo cercato di costruire un discorso anti-neo-colonialista. Il risultato più importante di questi giorniè stata la protesta davanti all'ambasciata degli Stati Uniti a Tirana, il primo di questo genere nella storia albanese

Bookmark and Share