Disordini in Algeria, disordini in Tunisia: "L'effetto a catena è evidente"

Peter Vermeren risponde ai lettori di Liberation

8 / 1 / 2011

L'aumento dei prezzi infiamme la gioventù algerina, mentre quasi tutti gli avvocati sono in sciopero in particolare contro la disoccupazione e la povertà in Tunisia.

Lo storico Peter Vermeren specialista del moderno Maghreb, risponde alle vostre domande.

Eddy thebest. La situazione in Algeria e Tunisia sono paragonabili? Esiste un legame tra le due situazioni? Un effetto a catena?
Pierre Vermeren. L'effetto a catena è evidente, in quanto giovani algerini hanno guardato con stupore gli eventi tunisino per tre settimane. Sì, possiamo effettuare collegamento in molti aspetti, in primo luogo la disoccupazione di massa e la mancanza di prospettive dei giovani in paesi colpiti dalla crisi internazionale, e dalla mancanza di prospettive politiche. Quando parlo di crisi, parlo in particolare del difficoltà di immigrare oggi. Le differenze sono legate al fatto che l'Algeria è un paese ricco di proventi del petrolio, e che il sentimento di ingiustizia è aggravato. Per quanto riguarda la Tunisia, la cosa che colpisce di più è la natura stessa di questi nuovi eventi in un paese dove la libertà di parola è impossibile.

Hakim. Il Marocco non si muove, manca la cultura politica?
No, ci sono stati disordini locali in Marocco, nel 2008 e 2009 per analoghi motivi economici.

Toto. I miei amici algerini mi sono sempre sembrati aver perso le illusioni sulla capacità del loro Stato di cambiare in materia di corruzione e nepotismo. Si tratta della fine di questa rassegnazione o la rabbia è incentrata solo su aspetti economici precisi?
La disillusione e il senso di umiliazione, "hogra" (disprezzo), sono estremamente presenti, ma le circostanze economiche sono state la goccia che ha fatto trabordare il vaso. In particolare la difficoltà crescente del commercio informale con la Francia, che è una fonte importante di reddito, e l'annuncio di un aumento dei prezzi di base, visto che il bilancio alimentare è la metà del bilancio familiare.

Heidi. Vengo dalla Cabilia dove sembra generale lo stato d'abbandono e la disoccupazione giovanile è dilagante, l'amministrazione non esiste. Il governo sembra più preoccupato di garantire la sua sopravvivenza a che fare l bene del paese. I va verso l'instabilità politica nel paese?
Per quanto riguarda la Cabilia, dai violenti disordini del 2001, la regione è tormentata e in un permanente stato di caos. Gli algerini hanno vissuto dieci anni di tragedia e di guerra, nessuno vuole tornare indietro. E' vero siamo in un impasse politico. In questa fase, solo Bouteflika potrebbe sbloccare la situazione. Ma non ha detto ancora nulla.

Alex. Come spiegare venti anni di calma in Tunisia e poi una serie improvvisa di scioperi e manifestazioni, mentre nessun grandi cambiamento si è verificati negli ultimi due decenni?
Questo perchè il sistema securitario tiene la Tunisia con il pugno di ferro. Le circostanze della crisi economica, l'inflazione e l'aumento della disoccupazione dei giovani laureati hanno fatto traboccare il vaso. Avvenimenti analoghi hanno avuto luogo nel sud, a partire dal 2008, in realtà tutto questo avrebbe potuto verificarsi molto prima.

Abc. Perché l'Unione europea non critica il regime di Ben Ali, sapendo che l'85% delle esportazioni tunisine sono destinate all'UE?
L'Unione europea nelle sue relazioni con il Maghreb è paralizzato dalla paura della sovversione islamista. Si basa sui governi per mantenere l'ordine facendo alcune concessioni economiche e simboliche. Inoltre, gli europei seguono in gran parte la politica francese, per ignoranza o indifferenza verso il Maghreb.

Nadia. Cento anni e trenta di colonizzazione francese avrebbero dovuto cambiare il paese. La Francia non ha responsabilità sullo stato attuale di Algeria?
Dopo cinquanta anni di indipendenza, e la profonda trasformazione di questo paese in questo periodo, la responsabilità "comincia" a ricadere sulle autorità pubbliche.

Ramiro. Spesso viene presentato il Maghreb (e il mondo arabo in generale), come asservito alle ideologie religiose (a volte le più radicali). In che misura i manifestanti (in Tunisia e Algeria) si differenziano dalle ideologie religiose?
Algeri. Pensi che gli islamisti siano in grado di recuperare i rivoltosi?
Come nel resto del mondo arabo, gli islamici sono presenti e la loro ideologia è condiviso da una parte significativa della popolazione. Ma attualmente non esistono progetti politico rivoluzionario (modello iraniano, o algerino 1992) soprattutto perchè le persone non vogliono rivivere il 1990.

Tarik93. Pensi che queste manifestazioni portino a un vero e proprio movimento popolare o i giovani sono manipolati?
Essendo così forte lo stato di povertà e di disincanto della gioventù del Maghreb, tutto è possibile, ma la cosa più credibile è l'effetto di saturazione in relazione alle condizioni economiche e sociali.

Belgasem. Io vivo a Tunisi, e non vedo qui nella capitale, nessun segno di inquietudine. Anche se molte persone, vicini, colleghi di lavoro, i tassisti parlano sempre più apertamente delle loro situazione come a filo ...
Dobbiamo sottolineare il divario di sviluppo tra Tunisi e la costa da un lato e l'interno del paese dall'altro molto più povero. In generale la popolazione sta avendo per la prima volta il desiderio di esprimersi, questo a causa della mancanza di libertà totale di espressione, da oltre quindici anni.

Gloum. Pensi che possa succedere la ripetizione del mese di ottobre 88 in Algeria con una sanguinosa repressione nel caso la situazione degeneri?
Ci sono stati il 1988 e il 2001 in Cabilia, le autorità devono essere paralizzata dalla prospettiva di generare nuovi "martiri". Le ultime due volte, gli eventi sono stati molto negativi .

Allezlom. In meno di 50 anni, con la fine della manna del gas, la rivolta di oggi, mentre le materie prime possono essere ancora oggetto di sovvenzioni, possono apparire come dimostrazioni di scolaretti, che cosa ne pensi?
Le prospettive politiche dei leader algerini hanno termini molto più brevi. Infatti, l'Algeria si deve preparare per l'era post-petrolio, che inizia con la creazione di una vasta nuove infrastrutture.

Omarsinaceur. Pensi che la continuazione di questi eventi in Tunisia porterà ad un rilassamento per il presidente, visto che il governo è composto da tecnocrati in generale e, c'è l'assenza di una forte alternativa politica?
Olis. Quali sono le probabilità di Ben Ali di restare al potere oltre il 2014?

Non è la prassi del governo tunisino quella di ritirarsi, ed è urgente mettere a punto nuove prospettive politiche, che non possono che limitarsi inizialmente alla libertà di espressione e di associazione.

Yosra. La caduta del governo di Ben Ali è possibile nel breve periodo? Quale può essere il "dopo di Ben Ali"?
Io non sono un indovino! La caduta di questo governo è improbabile, allo stato attuale delle cose e cioè la mancanza di alternative, di un'opposizione strutturata e organizzata e del sostegno internazionale.

Abc. I diritti umani, la libertà dei mezzi di comunicazione (stampa, internet, televisione, radio) sono totalmente assenti in Tunisia, cosa aspetta la Francia a condannare il regime di polizia di Ben Ali?
La Francia sostiene questo regime fin dalla sua nascita nel 1987, senza alcuna titubanza. La paura dell'Islam ha avuto un ruolo centrale nella politica, fingendo di credere ad una rapida crescita di tipo asiatico.

Gazelle. Si parla di immigrazione, io e il mio compagno sono quattro anni che stiamo combattendo. Tutte le porte sono chiuse e la mia preoccupazione è alta in questi giorni, perché i disordini del 2008 non mi ricordano nulla di buono ...
Dal 2008, le circostanze della crisi internazionale hanno colpito l'Europa e ridotto violentemente le opportunità di occupazione a breve termine, e quindi di immigrazione, e questo non è certo estraneo alla situazione attuale nel Maghreb.

Eddy thebest. Quali sono le differenze tra le risposte dei due regimi a questi eventi?
In Algeria, le cose sono troppo recente (tre giorni) per delle risposte, se non il ridimensionamento delle sovvenzioni (sul cibo). Per quanto riguarda la Tunisia, le risposte delle autorità per quasi quattro settimane è essenzialmente securitaria, cercando di non farà troppi danni (finora quattro persone morte).

Tratto da:

Bookmark and Share