Corea del Sud, lo sciopero generale contro la legge sull’orario flessibile del lavoro

Intervista a Wolsan Liem, membro di spicco del sindacato KPTU

27 / 12 / 2018

Esattamente due anni fa i cittadini della Corea del Sud scendevano in piazza in quella che prese il nome della “Candlelight Struggle”, la lotta delle candele, per chiedere le dimissioni dell’ex presidente del paese Park Geun-hye, coinvolta in uno scandalo di corruzione che aveva colpito negativamente l’opinione pubblica del paese, al punto da far mobilitare quasi un paese intero (come era stato scritto a suo tempo in un articolo su Global Project che potete leggere qui) . In realtà la protesta di piazza non è sconosciuta in Corea del Sud. A dimostrarlo è stato un recente sciopero generale, tenutosi lo scorso 21 novembre, a cui hanno aderito 160 mila lavoratori, contro le politiche del lavoro dell’attuale presidente Moon Jae-in, nello specifico la riforma riguardante l’orario flessibile di lavoro.

A restituire uno spaccato della Corea del Sud è stato Franco Bifo Berardi, la cui analisi, elaborata proprio dopo un viaggio nel paese asiatico, è stata pubblicata nel libro “Problemi in paradiso” di Slavoj Zizek, (244 pp. Ponte alle Grazie, 2015). Bifo parla di un paese in cui «il tasso di suicidio è il più alto del mondo», ed è «raddoppiato negli ultimi dieci anni». Sebbene la vita dei coreani è migliorata dal punto di vista del guadagno, del nutrimento, della libertà di viaggio, il prezzo di questo miglioramento dice Bifo è “la desertificazione della vita quotidiana, l’individualizzazione spinta, l’estrema accelerazione del ritmo del lavoro, e la precarietà che implica la competizione senza freni”.

In effetti, se si pensa ad alcune forme culturali celebri in tutto il mondo, provenienti da questo paese, si possono vedere evidenti contraddizioni: si passa dal trash della canzone “Gagnam Style” di Psy, il cui video nel 2014 era, secondo Zizek, quello più visto di tutti i tempi su you tube nel mondo, “una psydance piatta e meccanica, della peggior specie”, ai testi di Byung-Chul Han, nato a Seul, considerato uno dei filosofi contemporanei più interessanti, i cui libri hanno preso larga diffusione in Italia, autore de “L’espulsione dell’altro” (Nottetempo, 2017, 110 pp.), in cui analizza le relazioni umane nel mondo dominato dalla comunicazione digitale e dai rapporti neoliberistici di produzione, imperniati sul narcisismo e l’individualismo.

Ma esistono forme di organizzazione e cooperazione anche in uno dei paesi più capitalisti dell’Asia, influenzato fortemente nella sua politica dagli Stati Uniti d’America: quelle che dimostrano le organizzazioni sindacali presenti e attive nel paese. Ad avere un ruolo di rilievo è la KTCU, il cui passato leader Han Sang-gyun tre anni fa è stato arrestato per aver partecipato a proteste contro il vecchio governo di Park Geun-hye e liberato solo a maggio di questo anno. Avevano fatto il giro del mondo le immagini di lui che per scappare alla polizia si rifugiava in un tempio buddista, dove si mise a pregare, e dopo venne arrestato. E le proteste non sono finite, se si pensa che a fine giugno di questo anno, durante la giornata nazionale dei lavoratori, c’è stata una manifestazione di massa a Seoul contro la revisione del salario minimo da parte del governo attuale, il Minimum Wage Act.

Di seguito un’intervista a Wolsan Liem, giovane donna e membro di spicco del sindacato dei servizi pubblici e dei trasporti Korean Public Service and Transport Workers’ Union (KPTU), composto da circa 200mila aderenti, il più grande sindacato industriale in Corea del Sud, affiliato al KCTU, la confederazione dei sindacati Korean Confederation of Trade Unions.

Quali sono stati i motivi alla base dello sciopero generale del 21 novembre scorso? Quali sono state le richieste dei lavoratori scesi in piazza in tutto il paese?  

 Il 21 novembre, circa 160.000 persone appartenenti alla Confederazione dei Sindacati Coreani (KCTU) hanno partecipato a uno sciopero generale con numerosi cortei in tutto il paese e una protesta di fronte all'Assemblea Nazionale a Seul. Le principali richieste del KCTU rivolte al governo sono:
1) Stop ai tentativi di espandere l'applicazione di regole flessibili  sugli orari di lavoro.
2) Ratificare le convenzioni fondamentali dell'Organizzazione Internazionale del Lavoro (OIL) e rivedere di conseguenza il diritto del lavoro coreano per garantire pienamente i diritti fondamentali del lavoro a tutti i lavoratori,
3) Attuare pienamente ed equamente la politica di trasferimento dei lavoratori precari del settore pubblico a un'occupazione a tempo indeterminato (incluso l'integrazione di lavori subappaltati)
4) Riformare il servizio pensionistico nazionale per ampliare la protezione sociale.
La più grande forza nello sciopero è stata la Korean Metal Workers 'Union (KMWU), in particolare i lavoratori dell'industria automobilistica, che stanno rispondendo alle terribili condizioni loro imposte e alla mancanza di una politica industriale per affrontarle. In particolare, c'è molta preoccupazione tra i lavoratori di Hyundai e Kia Motors per un tentativo da parte del governo di Gwangju di indurre Hyundai a costruire una nuova fabbrica che impiegherà lavoratori con metà della retribuzione e con una contrattazione collettiva e altri diritti sospesi per un periodo significativo. Ciò creerebbe una concorrenza al ribasso nella creazione di posti di lavoro dequalificati con lavoratori sfruttati  in un mercato già saturo.
I membri del mio sindacato, il Servizio Pubblico Coreano e l'Unione dei Lavoratori dei Trasporti (KPTU), hanno rappresentato una grande forza nello sciopero, insieme anche ai lavoratori impiegati dal servizio pensionistico nazionale e una vasta gamma di lavoratori precari del settore pubblico che stanno lottando per un'occupazione permanente e condizioni decenti.

Quale sarà l’impatto della manovra dell’”orario flessibile di lavoro” sui lavoratori coreani? In cosa consiste questa manovra politica?

Il 2 novembre, l'amministrazione e i cinque principali partiti politici hanno deciso di perseguire l'espansione dell’”orario di lavoro flessibile” che esiste dal 1998. “L’orario flessibile di lavoro” cambia il calcolo del tempo di lavoro regolare e degli straordinari, dal giorno lavorativo di otto ore a un periodo di settimane o mesi. Senza “l’orario flessibile di lavoro”, un lavoratore che lavora più delle normali otto ore in un solo giorno ha diritto alle ore di lavoro straordinario, e c'è un limite all'ammontare legale degli straordinari (attualmente 52 ore, eccetto i luoghi di lavoro con condizioni eccezionali). In un sistema di “orario flessibile di lavoro”, il datore di lavoro può chiedere a un lavoratore di lavorare meno di un giorno lavorativo completo in un periodo in cui c'è meno lavoro, e lavorare di più quando c'è più lavoro, senza dover pagare gli straordinari. L'attuale sistema consente questo tipo di flessibilità entro un periodo di tre mesi.
L'accordo raggiunto dai principali partiti politici richiede l'attuazione di un sistema in cui questo periodo è aumentato a sei mesi o un anno. Ciò consentirebbe ai datori di lavoro di richiedere ai lavoratori di lavorare per periodi anche più lunghi, aumentando notevolmente l'intensità del lavoro e riducendo ulteriormente i salari.
Ovviamente, ciò ha un impatto devastante sulla salute e sicurezza dei lavoratore. Inoltre, in periodi di stagnazione economica, come quelli che stiamo vivendo attualmente, un aumento dell'intensità del lavoro porta a una diminuzione della domanda di lavoro. In altre parole, i datori di lavoro possono e dovranno accontentarsi di un minor numero di lavoratori, aumentando l'instabilità del lavoro e riducendo l'occupazione.

Quali sono le condizioni generali dei lavoratori in Corea? Quale la situazione economica generale?

L'economia coreana si trova attualmente nella peggiore situazione da quando è scoppiata la crisi finanziaria asiatica e dall'intervento del Fondo monetario internazionale nel 1997-1998 (spesso citata in Corea del Sud come "crisi del FMI"). Lo stato generale della stagnazione economica globale dopo il 2007-8 costituisce il contesto principale di riferimento, ma la Corea sta particolarmente male. Le proiezioni del tasso di crescita sono ben al di sotto del 3% e la disoccupazione giovanile è tra il 10% ed il 23%, se si contano i giovani che si preparano a entrare nel mercato del lavoro. La maggior parte degli esperti prevede che le cose peggioreranno l'anno prossimo.
Le ragioni per cui l'economia coreana sta andando così male hanno a che fare con il suo sviluppo storico e la sua posizione periferica nel panorama globale, che ha dovuto giocare di recupero con le economie capitalistiche più avanzate. Il settore manifatturiero della Corea del Sud è stato colpito dalla stagnazione nella costruzione navale globale e dall'incapacità di competere con le case automobilistiche americane ed europee e ora è completamente saturo (c'è un eccesso di accumulazione di capitale senza spazio per investimenti produttivi). Ciò ha comportato a un continuo adeguamento strutturale e la perdita di posti di lavoro.
In generale, il dominio dell'economia da parte dei “Chaebols” (grandi conglomerati industriali presieduti da un proprietario o da una famiglia, ndr) ha frenato l'innovazione, portando a una bassa produttività. La domanda interna è bassa, ma la Corea non può più competere con la Cina, che ha un costo del lavoro molto più basso, nei mercati di esportazione. La bassa crescita e la mancanza di opportunità per investimenti produttivi dimostrano come il capitale si rivolge alla finanziarizzazione, all'esternalizzazione, alla flessibilizzazione del lavoro e all'aumento dell'intensità del lavoro – senza avere crescita, occupazione o un aumento dei salari. Questa è la situazione in Corea del Sud, ma riflette anche una situazione globale - una crisi strutturale del capitalismo. In questa situazione, i sindacati devono lottare per alleviare i problemi immediati affrontati dalla classe lavoratrice nel suo insieme, attraverso politiche come aumenti dei salari minimi, garanzia dei diritti sindacali fondamentali, espansione della protezione sociale e aumento della responsabilità delle principali compagnie (datori di lavoro economici) per le condizioni e le retribuzioni dei lavoratori in tutte le loro catene di approvvigionamento. Ma dobbiamo anche cercare alternative più profonde: nuove strutture economiche e sociali che vadano oltre la logica della crescita e dei profitti.

Nello specifico, qual è la situazione dei lavoratori precari nel paese?

Circa il 50% dei lavoratori coreani sono classificati come "irregolari" (in coreano, “bi-joen-gyu-jik”). Questo è un termine molto ampio e vagamente definito che indica una gamma molto allargata di forme di lavoro precarie, compresi i lavoratori che negli Stati Uniti sono chiamati (o classificati in modo errato) appaltatori indipendenti, lavoratori temporanei, lavoratori subappaltati, lavoratori temporanei, lavoratori a tempo, lavoratori occasionali, lavoratori a richiesta, ecc. Nondimeno, si può affermare in generale che, proprio come negli Stati Uniti e in quasi tutte le altre parti del mondo, i lavoratori irregolari o precari affrontano l'insicurezza del posto di lavoro, i bassi salari e le condizioni, nonché gravi ostacoli giuridici e altri ostacoli all'esercizio dei diritti sindacali. Quasi il 40% dei membri del KPTU è ora composto da lavoratori irregolari (o precari). La lotta dei lavoratori precari del settore pubblico (che sono una parte importante dei nostri membri) è stata particolarmente importante negli ultimi anni. Questi lavoratori hanno combattuto per l'occupazione diretta nelle istituzioni pubbliche per cui hanno lavorato negli ultimi due decenni. Come conseguenza di questa lotta, subito dopo il suo insediamento, il presidente Moon ha annunciato una politica per regolarizzare o rendere permanente lo status occupazionale dei lavoratori precari nel settore pubblico. A causa delle lacune nella politica del governo e della resistenza da parte dei funzionari, l'attuazione di questa politica è stata lenta e difficile, con molti lavoratori lasciati fuori dal processo di inserimento lavorativo. Questo ha scatenato una serie di scioperi e azioni di protesta negli ultimi due anni. Più recentemente, i membri meno organizzati del KPTU che avevano contratti temporanei con Job World - ironicamente, un'agenzia affiliata al Ministero del Lavoro e del Lavoro - hanno effettuato un lungo sciopero di un mese e mezzo, che comprendeva 38 giorni di sit-in di protesta e 10 giorni di sciopero della fame, invitando il governo e il datore di lavoro a sostenere la politica dell'occupazione diretta.

Qual è il peso e l’influenza dei movimenti sindacali nella Repubblica della Corea del Sud nel paese?

La densità dei sindacati è solo del 10% in Corea del Sud. Meno del 5% fa parte della confederazione sindacale democratica KCTU.
Certo, c'è una maggiore densità in determinati luoghi di lavoro e industrie e nel settore pubblico in generale. La forza o meno di un sindacato in termini di contrattazione collettiva dipende in gran parte dal posto di lavoro e dal settore in particolare. A livello nazionale, gli affiliati di KCTU hanno generalmente esercitato la loro influenza e il loro potere sulla politica economica e di altro genere attraverso la mobilitazione durante proteste nazionali, scioperi e altre forme di azione collettiva. Questo ha avuto, a volte, un forte impatto sulle politiche del Paese.
Ad esempio, i sindacati del KCTU hanno svolto un ruolo vitale nella rivolta delle “candele accese” che ha portato all'impeachment del precedente presidente nel 2016-17. D'altro canto, i sindacati non sono mai stati realmente riconosciuti come "parti sociali" dal governo, così come lo sono in molti paesi europei, il che significa che la nostra influenza dipende sempre dalla nostra capacità di agire collettivamente in un momento dato.

Quali sono i divieti e le restrizioni imposti ai sindacati?  

La politica coreana è molto antisindacale e usa ogni sorta di tecniche di condotta anti -sindacale, legale e illegale, compresa la formazione di sindacati gialli, licenziamenti e altre pressioni sui lavoratori, persino la violenza. Ciò impedisce ad alcune classi di dipendenti pubblici, nonché ai "lavoratori proprietari", di formare sindacati ed esercitare i loro diritti.
Limiti e proscrizioni sono posti sul diritto di sciopero . Ad esempio, vi sono requisiti minimi di servizio che devono essere soddisfatti durante gli scioperi in gran parte del settore pubblico, compreso il trasporto.

Pensi che l’attuale governo coreano abbia un atteggiamento migliore nei confronti della Corea nel Nord nella costruzione della pace?

L'attuale governo di Moon Jae In si è nuovamente impegnato in un dialogo con la Corea del Nord, che era stato completamente interrotto dal precedente presidente Park Geun Hye. Mentre questo è un cambiamento di posizione rispetto a quello del suo predecessore e ha precedenti sotto gli ex governi Kim Dae Jung e Noh Moo Hyun. E l'attuale governo ha fatto molta attenzione a non scuotere l'alleanza militare USA-Corea del Sud, rappresentando così una continuazione rispetto al passato.

In che modo I sindacati valutano la presenza militare degli Stati Uniti nella penisola coreana?

La posizione del KPTU  è che le truppe USA dovrebbero essere ritirate. Contribuiscono alle tensioni sulla penisola e nella regione e anche a problemi sociali - criminalità e inquinamento che vengono dalle loro basi.

Qual è il peso degli Stati Uniti sulla politica interna della Corea del Sud? Quali sono gli interessi degli Usa nel paese?

Il rapporto tra Stati Uniti e la Corea del Sud potrebbe essere definito neocoloniale. Il governo della Corea del Sud dipende dagli Stati Uniti per il supporto militare e politico.
Gli Stati Uniti non hanno davvero bisogno di interferire illegalmente o apertamente, dato che i leader sudcoreani che si sono succeduti hanno cercato negli Stati Uniti approvazione e supporto. Naturalmente, ci furono più interferenze dirette durante gli anni '80. Inoltre, gli Stati Uniti mantengono il comando sull'esercito sudcoreano in tempo di guerra. Gli Stati Uniti sono il secondo partner commerciale della Corea del Sud e la Corea del Sud è il sesto più grande partner commerciale degli Stati Uniti. I due paesi hanno un FTA, firmato nel 2007 e in vigore dal 2012. Elimina le tariffe sui beni e offre protezione alle multinazionali.
Gli Stati Uniti sotto Trump desiderano avere più accesso ai mercati agricoli e manifatturieri della Corea del Sud, mentre cercavano di imporre barriere alle importazioni dalla Corea del Sud di beni elettronici, acciaio e automobili.
Nel marzo di quest'anno una rinegoziazione dell'accordo di libero scambio ha portato a un maggiore accesso per l'industria automobilistica statunitense al mercato sudcoreano. Grandi società come GM e Chevron investono in Corea del Sud.
La Corea del Sud dipende molto dagli Stati Uniti per le riserve e le finanze straniere.
Il complesso industriale militare statunitense ha un alto interesse nello stato di tensione militare sulla penisola.

Bookmark and Share