Australia in marcia

18 / 3 / 2014

La tre giorni di “March in march” dell’Australia progressista finisce con l’inizio della stagione autunnale nella terra dei canguri, ma stando ai risultati conseguiti, si può parlare di una ventata di primavera politica racchiusa nella frase degli organizzatori della protesta “This is just the beginning – Questo è solo l’inizio”. Detto chiaramente, prima dei tre giorni si era stabilito che la manifestazione nazionale decentrata nella modalità del “rally”, un corteo pacifico in ogni città, si sarebbe dovuta tenere in circa 30 centri urbani, ma i numeri consistenti si sono registrati in poche città.

In totale, stando alla fonte “Green Left Weekly”, si può parlare in maniera attendibile di circa 100 mila manifestanti dislocati nei vari centri, durante la giornata di domenica 16 marzo, che è stata di fatto la più significativa. Metà dei cento mila a Melbourne, poi meno di 10 mila a Sidney, e qualche migliaio in altre zone. Numeri importanti, che hanno visto scendere per le città tanti cittadini contro le politiche di tagli, privatizzazioni, ed attacchi ai beni comuni del governo di Tony Abbott, in carica da primo ministro da neanche 7 mesi.

Di seguito, le considerazioni di Gemma Weedall, che ha partecipato alla “March in march”: 25 anni, studentessa di Scienze Sociali presso l'Università di Adelaide, città del sud dell'Australia dove abita, ed attivista di "Resistance", l’ala giovanile di “Socialist Alliance”, il partito di sinistra radicale australiano, a cui è affiliato anche il settimanale “Green Left Weekly”. “Resistance” ha due nuclei organizzati in Australia, uno a Brisbane, capitale del Queensland, est dell’Australia, ed uno ad Adelaide, capitale dello stato dell’Australia Meridionale.

Per prima cosa, cos’è Resistance?

“Resistance” è un movimento organizzato di giovani, con ha una prospettiva socialista, il cui scopo è quello di costruire un’organizzazione giovanile radicale di massa del partito di sinistra radicale “Socialist Alliance”. Organizziamo i giovani nelle lotte contro il sessismo, il razzismo, la distruzione dell’ambiente, gli attacchi ai diritti dei lavoratori, gli attacchi ai diritti degli studenti, ed ogni aspetto dell’oppressione capitalista. Attraverso questo processo ci impegniamo nella costruzione di un partito socialista di massa che possa unire tutte queste lotte.

Quando si è formato? Quali sono i suoi obiettivi?

“Resistance” venne fondata a Sydney nel 1967, da studenti radicali coinvolti nel movimento contro la guerra in Vietnam, e che ha visto la necessità di combattere collettivamente contro tutte le ingiustizie del capitalismo. Il mio coinvolgimento personale con “Resistance” è iniziato intorno al 2005, quando avevo 16 anni. Mi avvicinai ad una bancarella che avevano stabilito in città, e rimasi coinvolta nelle campagne contro la guerra, così ho preso parte alle Grandi Giornate Nazionali contro le “Scelte sul lavoro”, la legislazione contro i lavoratori che è stata introdotta dal governo di Howard. In tempi recenti, “Resistance” è stata coinvolta in campagne contro i tagli ai finanziamenti universitari, ed azioni di solidarietà con i giovani lavoratori che vedono ridotti i tetti dei pagamenti. Siamo attivi nei movimenti e nelle campagne riguardo a questioni come il cambiamento climatico, i diritti dei rifugiati, l’uguaglianza dei matrimoni, il diritto all’aborto e la difesa del welfare.

Nelle elezioni nazionali di settembre, il governo australiano ha subito una svolta a destra. Ci puoi spiegare quali sono i termini di questo cambiamento?

L’Australia è una “democrazia rappresentativa”, che in pratica significa che le persone devono scegliere tra il minore dei due mali ogni tre anni, ovvero tra il partito di cento destra, l’ Australian Labor Party (ALP) o il partito conservatore Liberal Party. A settembre si sono svolte le Elezioni Federali in Australia, lo scorso per eleggere i membri del parlamento australiano. Ha vinto il Liberal Party che ha formato il governo ed il suo leader Tony Abbott è diventato primo ministro dell’Australia. Questo risultato è stato negativo, sappiamo che l’elezione di Abbott avrebbe portato ad un’escalation di attacchi della classe dominante sul resto della società. Tuttavia va notato che il precedente governo dell’ALP era tutt’altro che innocente ed infatti ha gettato le basi per gli attacchi seguenti, attraverso le sue politiche di tagli al welfare per le famiglie monoparentali, dando maggiori poteri d’intervento razzisti a Northern Territory (la zona politica nord dell’Australia) e la gestione del reddito per gli aborigeni da parte sua, tagliando miliardi di dollari per l’istruzione superiore, solo per citarne alcuni. Il gabinetto del governo insediato di Abbott comprende vergognosamente una sola donna, e quello che è esilarante, se non fosse così deprimente, è che Tony Abbott ha nominato se stesso Ministro per le donne. Questo è un uomo che si oppone al diritto all’aborto, palesemente misogino, ed ha affermato “Penso che sarebbe una follia che le donne possano dominare o addirittura avvicinarsi ad una rappresentanza paritaria in un gran numero di settori, semplicemente perché le loro attitudini, attività ed interessi sono diversi per ragioni fisiologiche”. Abbott inoltre si è sbarazzato dei ministeri per il cambiamento climatico, la gioventù, l’invecchiamento, l’alloggio, la salute mentale, la disabilità e la scienza (per la prima volta dal 1931), ed ha aggiunto un ministro per la protezione delle frontiere, il ministro per gli sport ed il ministro per il Secolo di ANZAC, il corpo militare australiano che partecipò alla prima guerra mondiale.

Quali sono stati i provvedimenti del governo attuale e quali alcune reazioni degne di nota?

Il nuovo governo ha effettuato tagli a servizi particolarmente necessari, che ha colpito in maniera dura i soggetti più vulnerabili. Questi includono tagli di 42 milioni di dollari per i servizi giuridici agli aborigeni, considerando che gli aborigeni hanno una possibilità di 15 volte maggiore di essere imprigionati rispetto agli altri australiani, ed un taglio di 1,5 miliardi di dollari per la crescita dei salari necessaria a 350 mila lavoratori nei settori dell’infanzia e per gli anziani. Possiamo anche aspettarci attacchi in corso sui nostri diritti sul lavoro, con l'introduzione di una Commissione di Produttività, e di altre misure, che saranno in grado di erodere i tetti dei pagamenti e di altri diritti per cui si è duramente combattuto. Mentre stiamo ancora ad osservare la loro intensa politica sull’ immigrazione, finora abbiamo un allarmismo razzista di ' fermare le barche ' , insieme a 'non parlare delle imbarcazioni - con il black-out imposto di recente che impedisce  ai media di parlare a proposito dei richiedenti asilo arrivati in barca. La storia passata di Tony Abbott sui diritti dei richiedenti asilo è terribile, e può essere riassunta dalla sua affermazione: ' Gesù sapeva che c'era un posto per ogni cosa e l’Australia non è necessariamente il luogo dove tutti possono venire '.   L’apertura della nuova  sessione del nuovo parlamento a Canberra è stata accolta da una incontro nazionale di attivisti per i diritti dei rifugiati ed attivisti opposti alla posizione dura e crudele di Abbott sui richiedenti asilo. Il cambiamento climatico è un problema politico enorme in Australia . Nell'ultimo anno, abbiamo battuto tutti i record per il più caldo giorno d'estate registrato a verbale, il mese più caldo mai registrato, estate più calda messa a verbale, record più caldo giorno di inverno, record più caldo periodo gennaio- agosto ed il mese più caldo dell’anno in archivio . In primavera lo stato del Nuovo Galles del Sud fu devastato da un’ondata di peggiori incendi in 45 anni - nel mese di ottobre (primavera)! Questi sono stati aggravati dal caldo rispetto alle temperature normali e condizioni meteorologiche asciutte, e sarà un evento molto più frequente con il cambiamento climatico. Intanto il governo Abbott sta vergognosamente tagliando programmi per cambiamento climatico ed i meccanismi di finanziamento per le energie rinnovabili . La legislazione sull’abrogazione della Carbon Tax è attualmente all'esame del Parlamento , e l'Autorità sul Clima - un organo consultivo di esperti del governo sui cambiamenti climatici , è stato abolito . Il nuovo governo si è impegnato a ' tagliare il nastro verde' per rendere più facile per le grandi aziende di combustibili fossili far estrarre quanto più carbone e gas possibile.  A novembre 60.000 persone in tutta l'Australia hanno partecipato ad una giornata nazionale di mobilitazione per il clima per opporsi a questi passi indietro sul cambiamento climatico e per chiedere un intervento vero e proprio. Da registrare anche la manifestazione organizzata e partecipata ad Adelaide ad ottobre contro la multinazionale Monsanto, per la sovranità alimentare e contro il controllo delle multinazionali.

E’ vero che l’Australia ha retto meglio il peso della crisi economica mondiale rispetto ad altri paesi?

L’Australia in gran parte è sfuggita alla recessione e gestito la sua strada attraverso i primi anni della crisi internazionale finanziaria in forma migliore rispetto a molti altri paesi. Ciò è stato dovuto a: - 83 miliardi dollari di spesa che hanno fatto da stimolo (il terzo più grande paese al mondo , in percentuale del PIL , dietro gli Stati Uniti e la Corea del Sud) -  garanzie illimitate di depositi bancari e finanziamenti all'ingrosso; -tenuta della domanda di minerale di esportazioni di ferro e carbone verso la Cina - un approccio politico cooperativo che ha favorito l’orario ridotto di lavoro retribuito. Qualche effetto della crisi si avverte se si pensa ad aclune vertenze in cui i lavoratori del settore delle auto, con l’annuncio della chiusura di stabilimenti da parte di Ford ed Holden, o ad esempio se si pensa al continuo esercizio di alcuni impianti di alluminio in Tasmania , Victoria e il Territorio del Nord non è affatto certo .O pensiamo all’annuncio dello scorso fine febbraio della compagnia Qantas di voler licenziare circa 5000 lavoratori.

http://marchinmarch.com.au/

https://www.greenleft.org.au/

Bookmark and Share