Australia - I movimenti ancora in marcia

Continuano le mobilitazioni nel paese australe contro il governo e la difesa dello stato sociale e diritti ambientali

2 / 6 / 2014

Continua il percorso della “March in March” in Australia, dell’alleanza del popolo progressista australiano nella forma di protesta dei rallies, cortei, che si concludono in pubbliche assemblee, contro le politiche neo – liberiste perorate dal governo del primo ministro australiano liberale Tony Abott.

I motivi della mobilitazione, che ha registrato una larga partecipazione durante le giornate di protesta del 15 – 16 – 17 marzo, avevano ben ragione di esistere, perché con il passare del tempo il governo di Abott ha mostrato il suo volto ancora più determinato nell’attacco ai diritti sociali contro la popolazione australiana. Ed è per questo che nella giornata del 18 maggio, dopo due mesi dalla precedente edizione, si è svolta la “March in May”, anche questa volta molto partecipata: 10000 manifestanti a Sidney, 15000 a Melbourne, 7000 ad Adelaide, 2500 a Perth.

L’ultima mobilitazione ha avuto come sua ragione in particolare il contrasto al recente programma di taglio del bilancio dell’attuale governo australiano. Ci da una mano a capire meglio questa situazione Gemma Weedall, studentessa di Scienze Sociali presso l'Università di Adelaide, città del sud dell'Australia dove abita ed animatrice delle giornate di protesta nella sua città, considerando i suoi interventi tenuti a fine corteo nell’assemblea pubblica, sia nella marcia di marzo che è in quella di maggio, sui temi dell’ambiente in Australia. 25 anni, Gemma Weedall è membro del “Climate Emergency Action Network”, e del partito di sinistra radicale “Socialist Alliance”, ed ha risposto ad alcune domande.

La “March in May” ha avuto come suo obiettivo il contrasto ai tagli di bilancio del governo di Abbott. Di quali tagli si parla? Quali sono i settori più colpiti?

Il recente Bilancio Federale Australiano, elaborato dal Tesoriere Joe Hockey e dal Primo Ministro Tony Abbott, ha disposto tagli brutali in quasi tutti i settori, ed i più duri di questi comprendono i poveri, gli studenti, gli anziani, aborigeni e le popolazioni che abitano nelle Isole Torres, destinatari di assistenza sociale, sanitaria , l'istruzione e tutela dell'ambiente. Solo alcuni esempi di questi tagli inclusi:

• I disoccupati sotto i 30 anni avranno i loro sussidi tagliati dopo 6 mesi;

• Ci sarà ora un attesa di sei mesi per chi il welfare che ricevono i diplomati ed i disoccupati;

• Saranno tagliati i Benefici Fiscali per famiglie le famiglie a basso reddito; • Sarà tagliato un piano di investimenti di 30 miliardi di dollari di finanziamenti per le scuole;

• 534 milioni dollari saranno tagliati per i programmi per gli indigeni;

• 50 miliardi dollari di tagli al finanziamento degli ospedali in oltre 8 anni;

• taglio di 7,6 miliardi dollari dal bilancio per gli aiuti agli stranieri nell'arco di cinque anni;

• I finanziamenti per i programmi ambientali saranno ridotti, compresa l'abolizione del australiana Agenzia per l'energia rinnovabile, che finanzia progetti di ricerca e sviluppo delle energie rinnovabili. Essi hanno anche introdotto una serie di politiche conservatrici che peseranno sui lavoratori ed i poveri, tra cui:

• L'introduzione di un General Practitioner (GP), co-pagamento di 7 dollario per ogni visita dal medico, e gli aumenti dei costi dei medicinali, lo smantellamento del concetto di diritto per tutti di accedere a cure sanitarie;

• Diminuizione della pensione all’ età di 70 anni; • Requisiti di ammissibilità più rigorosi per i giovani sulla Disability Support Pension;

• La de-regolamentazione delle tasse universitarie, il che significa che le università possono ora decidono quello che vogliono, che si tradurrà in enormi debiti degli studenti e limitare l'accesso all'istruzione, che diventerà d’elite;

• Rottamazione dei posti di lavoro di 16.500 dipendenti pubblici del Commonwealth, e abolizione di settanta agenzie federali; Hanno tentato di vendere questo orrifico bilancio al popolo australiano citando la bugia che tutti noi dobbiamo ' condividere il dolore ' per ripagare il debito nazionale insostenibile.

Ma l'Australia non è in ' crisi dil debito ' , come essi sostengono in maniera iperbolica . In realtà , l'Australia ha il terzo più basso rapporto debito/Pil di tutti i paesi dell'OCSE , ed è uno dei soli 10 paesi nel mondo con rating AAA da tutte e tre le agenzie.

La retorica della crisi è solo una scusa per giustificare un attacco ideologicamente guidato sulle persone più vulnerabili della società australiana , e sostenere la classe dirigente a scapito della classe lavoratrice.

La ricerca mostra che le persone a reddito più basso perderanno fino al 18,3 % del loro reddito , mentre le famiglie ad alto reddito saranno a malapena interessate. Allo stesso tempo, tagliando il settore pubblico , il benessere , la salute e l'istruzione , il governo sta amplificando la spesa per la difesa , e ha appena speso 12 miliardi dollari di nuovi aerei da combattimento , mettendo in evidenza l' ipocrisia e la loro inclinazione verso certe priorità.

Un altro grande vincitore nel bilancio è l'industria mineraria . Il governo afferma che ci sono alternative al taglio di bilancio per questo settore,, ma continua a sostenere queste industrie inquinanti per la somma di $ 12 miliardi di dollari l' anno attraverso generosi sussidi governativi. Alcuni stanno iniziando a dire che questa è la morte del “Fair – go” dell’Australia, della politica equa del nostro paese, e le persone si stanno arrabbiando!

Come era già accaduto durante la “March in March”, anche nell’occasione della “March in May”, in Adelaide, sei intervenuta nel dibbattito pubblico alla fine del corteo della manifestazione, a proposito dei temi dell’ambiente. Qual è stato il contenuto del tuo intervento, quali sono i problemi più urgenti da affrontare in Australia?

Una delle ultime notizie più rilevanti sul tema dell’ambiente, è quella per cui secondo due nuovi studi indipendenti di scienziati del clima, la calotta antartica occidentale sta perdendo il doppio del l ghiaccio dell'ultima volta che è stata esaminata, e il suo collasso ora può essere irreversibile.

A questo punto è importante capire verso quale direzione stanno andando i recenti tagli del governo australiano in tema ambientale. E ' abolito l'australiano Agenzia per l'energia rinnovabile ( ARENA ) , che è stato istituito per sostenere le nuove tecnologie rinnovabili , come l'energia solare termica concentrata, per cui la comunità di Port Augusta ha condotto una campagna per averla in sostituzione delle vecchie centrali della città a carbone .

L'incertezza rimane enorme sul futuro dell'Energia Rinnovabile nel nostro paese. Ifinanziamenti per “Landcare” sono stati tagliati di quasi mezzo miliardo di dollari nei prossimi cinque anni. La Commissione Nazionale dell'Acqua è stata tagliata con l’accetta . I finanziamenti alle ONG ambientali ed i programmi di sovvenzione sono stati ridotti.

Nonostante la retorica di una " crisi di bilancio " , il governo non ha fatto tagli alle massicce sovvenzioni per l'industria dei combustibili fossili ( 12 miliardi di dollari l'anno) , nessun taglio al rimborso gasolio e abolirà la tassa mineraria ed il prezzo del carbonio , e non attuerà disincentivi per continuare a bruciare combustibili fossili.

Il Tesoriere Joe Hockey ha detto: " Come nazione non dobbiamo lasciare peggio per i nostri figli . Be ' mi dispiace Joe , ma la totale incapacità del vostro governo di Coalizione per la creazione di politiche climatiche credibili certamente lascerà il peggio i nostri figli. Dobbiamo dimenticate una crisi di bilancio fabbricata a tavolino , la vera crisi urgente a cui fare attenzione è la crisi climatica . E ' stato un annunciato dal ministro dell'Energia del Nuovo Sud del Galles che sospenderà la licenza di Metgasco per trivellare gas in Bentley , nel nord del New South Wales .

Questo è stato il risultato diretto di migliaia di membri della comunità che hanno bloccato il sito per diverse settimane in segno di protesta contro il piano per trasformare terreni agricoli in campi di gas . Questo è stato un punto di riferimento nella battaglia per proteggere la nostra acqua e la terra dai minatori di gas e ci ricorda che il potere della gente funziona .

Sono anche costantemente ispirata dalla campagna per fermare la miniera di carbone Maules Creek nella Leard Forestale dello Stato nel NSW. Si sta unendo un potente movimento - agricoltori , proprietari tradizionali , gente di città , gruppi ambientalisti , leader religiosi e molti altri. Qui in South Australia , abbiamo visto il crescere della campagna per il Repower Port Augusta, a favore dell’utilizzo dell’energia solare termica . Questa lotta continua , anche se resa più difficile dai tagli all’ ARENA , ma la comunità non si arrenderà finché non vediamo un futuro energetico rinnovabile per Port Augusta.

Quando ci chiediamo chi è la colpa per questi attacchi continui sul nostro ambiente , nonché la qualità della vita delle persone che lavorano , gli studenti , le famiglie ei poveri , la risposta ovvia: sono i liberali. Chi fa questo partito chi rappresenta, a chi risponde?

La risposta è delle classi che fanno parte dell’esthablisment dell’Australia - i magnati minerari , le aziende dei combustibili fossili, i miliardari , i baroni dei media . Essi detengono il vero potere dietro le quinte del nostro sistema capitalista dove il profitto è la priorità sopra ogni cosa. Ecco perché io sono un ecosocialista e perché credo che abbiamo bisogno di costruire un nuovo sistema che mette le persone e il pianeta prima del profitto.

Bookmark and Share