Alcune riflessioni con Mario Giannelli, Dada Viruz Project

Una tragedia da evitare e le sue vittime senza nome

Sale il bilancio delle vittime del deragliamento e dell'esplosione del treno merci alla stazione di Viareggio: 17 morti e 25 feriti dopo il decesso nelle ultime ore di due bambini gravemente ustionati.

1 / 7 / 2009

Questo mentre emergono le prime indiscrezioni sulla cattiva manutenzione dei mezzi coinvolti, alcuni dei quali sembra avessero gli assi arrugginiti. E mentre il governo, contestato ieri sul luogo del disastro, risponde alle voci insistenti sulla tragedia annunciata rinnovando la fiducia ai vertici di Trenitalia.

"E' il terzo deragliamento in un mese, dopo gli incidenti di Prato e Migliarino San Rossore, su una linea come la Torino-Roma, centrale nei collegamenti ferroviari nazionali".

Mario Giannelli, del collettivo Dada Viruz Project, cerca di rappresentare le proporzioni della strage, provocata da "una vera e propria bomba sui binari".

Il riferimento è ai cargocisterna pieni di gpl, realizzati in Polonia da una multinazionale con sede a Vienna. "Quando dopo l'ennesimo incidente ferroviario si continuano a ricercare le cause nell'errore umano, sarebbero da individuare le vere responsabilità che risalgono alle scelte di politica energetica e infrastrutturale in questo paese, e alle logiche di privatizzazione e di riduzione di organico nelle Fs".

Trenitalia a Viareggio aveva in progetto di rimuovere i capistazione, che hanno avuto un ruolo fondamentale nell'evitare che due treni passeggeri sopraggiungessero nella stazione in fiamme.

Anche in Toscana da anni i lavoratori delle ferroverie si battono sulla questione della sicurezza, a rischio ritorsioni e licenziamenti: ieri si è svolta un'affollata assemblea sindacale ed è stata annunciata una manifestazione nazionale per i prossimi giorni.

A Viareggio si teme che le dimensioni della tragedia possano risultare anche più gravi, perchè come accaduto con il terremoto all'Aquila "nelle vicinanze della stazione abitavano in alloggi di fortuna decine di migranti e cittadini rom che non figureranno fra il conto dei dispersi."

Foto di Gabriele Franceschi

Bookmark and Share

Playlist