Trento - Ripudiare il razzismo, chiudere CasaPound!

Un centinaio di persone nella piazza antirazzista e antifascista

22 / 12 / 2011

Nonostante il freddo pungente anche gli antirazzisti trentini sono scesi in piazza per dire che di razzismo non si può muorire.

Con Samb e Diop nel cuore, frase riportata anche sullo striscione presente nella piazza, lo hanno fatto tutti uniti per portare solidarietà e vicinanza alla comunità senegalese che è stata duramente colpita da un lucido gesto di una mano fascita di un militante di Casa Pound, armato dall'ideologia del rancore, della xenofobia e dell'intolleranza.

Nel tempo della crisi questa ideologia sta putroppo facendo presa nella nostra società e viene accuratamente aizzata da partiti come la Lega Nord, da quelli di destra e da gruppuscoli estremisti e violenti come Casa Pound.

Le idee che hanno armato il fascista Casseri sono le stesse che vengono urlate contro l'immigrazione, sono le stesse che vorrebbero prendere i migranti a calci o a cannonate, sono le stesse che vorrebbero riaprire i forni. A Riva del Garda consiglieri di Lega e Patt si sono rifiutati di ricordare con un minuto di silenzio 4 bambini rom morti in un rogo. Uno dei padrini politici delle destra trentina, il parlamente Cristiano De Eccher, noto picchiatore, vorrebbe abolire l'apologia di fascismo.

A questi attacchi lucidi e calcolati la risposta più importante è riprendersi le piazze con il linguaggio della solidarietà, con la richiesta di nuovi diritti di cittadinanza per tutti i migranti, con l'abolizione di una legge razzista come la Bossi – Fini, con l'abolizione delle ordinanze dei sindaci sceriffi, con la fine delle deportazioni e la chiusura dei Centri d'identificazione ed espulsione.

Dagli interventi al microfono, intervallati dalla musica dei Boom Fomdation, un gruppo hip hop multietnico composto da musicisti di ben 8 paesi differenti, sono stati fatti appelli molto chiari alle istituzioni locali. Non basta essere genericamente vicini a chi subisce la violenza razzista ma occorre muoversi affinchè le sedi di Casa Pound e degli altri gruppi xenofobi chiudano.

A Riva del Garda e Bolzano infatti esiste Casa Pound. Si camuffa con vari nomi (blocco studentesco, asso di cuori, uomo libero) e in alcuni casi ricevono finanziamenti pubblici.

L'appello quindi a tutti i cittadini, ai movimenti, alle associazioni e alle istituzioni trentine di non dare nessuno spazio a coloro che si definiscono fascisti del terzo millennio e di attivarsi ogni qualvolta faranno propaganda. Solo rimanendo uniti contro il razzismo sarà possibile dire mai più alla ferocia razzista, mai più alla violenza fascista!

Bookmark and Share

Piazza Pasi

Interventi in piazza Pasi

loading_player ...