Roma. Occupate le sedi dell'AGI e di Adnkronos, domani in piazza #StopBombingGaza

24 / 7 / 2014

Contro l'informazione che sostiene il massacro #RestiamoUmani: oggi occupazione dell'AGI e di Adnkronos da parte degli antifascisti per denunciare la narrazione mediatica filoisraeliana e per lanciare la manifestazione di giovedì 24 luglio ore 18 piazza Vittorio.

"Today, my body was a TV’d massacre that had to fit into sound-bites and word limits filled enough with statistics to counter measured response" da una poesia di Rafeef Ziadah

Un massacro, sì. Questo è sotto gli occhi di tutti, specialmente di chi lo vuol vedere. Non bastano foto di corpi dilaniati, giovani o meno che siano, o edifici distrutti a raccontare l'ennesimo violento attacco di Israele alla Striscia di Gaza. Non basta romanzare o indurre a compassione intorno una manciata d'immagini strazianti, con il calcolo gelido che quella foto "venda" o che faccia il giro del mondo, regalando qualche migliaio di click al sito web di riferimento.

Non basta a chi dentro a quest'attacco muore o resiste, non basta a chi dietro quest'attacco riconosce 66 anni di violenza coloniale, per mano militare.

La Striscia di Gaza, pezzo di terra palestinese che tutti i media acconsentono a tener separato dalla Palestina quasi fosse un'isola, è stata occupata dai coloni e dall'esercito israeliano fino al 2005 e successivamente messa sotto assedio militare in tutte le frontiere: terra, mare e cielo.

"Protective edge" è solo l'ultima accelerazione della pulizia etnica della Palestina perché il progetto sionista vuole: conquistare tutte le terre palestinesi, espellere, uccidere o costringere alla schiavitù la popolazione palestinese, e saccheggiare tutte le risorse, tra cui gas, acqua e terre coltivabili. 66 anni di colonialismo brutale sono 24161 giorni di colonialismo brutale. Massacri, prigionia, deportazioni, segregazione, campi profughi e diaspora in 66 lunghi anni che non potete ridurre a una guerra tra Hamas e lo stato israeliano.

Giornali e televisioni, seppur con sgomento davanti l'ennesima carneficina, stanno accettando la solita tesi difensiva di Israele. Ogni giorno l'informazione rende totalmente invisibile il colonialismo sionista e tutta la popolazione palestinese che, quando uccisa dai bombardamenti incessanti, viene considerata un "danno collaterale nella guerra contro il terrorismo di Hamas". Data la vostra passiva accettazione, veniamo a dirvelo in faccia: non restiamo immobili a contare i morti, domani 24 luglio, alle 18 da Piazza Vittorio, saremo in corteo per le vie di Roma, al fianco di chi resiste in Palestina contro il colonialismo di Israele.

Antifascisti e Antifasciste di Roma

- Leggi la notizia sul sito dell'AGI

Tratto da:

Bookmark and Share