Roma - La polizia carica ed arresta gli antifascisti e difende Forza Nuova

6 / 11 / 2016

Ieri a Roma diverse realtà antifasciste si sono mobilitate nel quartiere della Magliana per opporsi ad una manifestazione indetta da Forza Nuova. La manifestazione, convocata pubblicamente per le 15,30 in via Pieve Fosciana, è stata vietata dalla Questura, ma ha visto comunque la presenza di centinaia di persone. Nel quartiere della Magliana poche settimane fa ha aperto anche una sede di Casapound, a riprova di un’agibilità che la governance locale sta concedendo all’estrema destra romana. I neofascisti da mesi stanno cavalcando, soprattutto nei quartieri periferici, i problemi legati alla gestione emergenziale dei profughi che arrivano nella capitale, molto spesso confinati ai margini del tessuto metropolitano. Durante la mobilitazione gli antifascisti sono stati ripetutamente caricati dalla polizia, che ha fermato oltre 40 manifestanti. Otto persone sono state poste in stato d’arresto ed oggi alle 17,30 è stato indetto un presidio a Regina Coeli per chiederne la libertà. Di seguito una nota scritta da tutte le realtà antifasciste romane in seguito ai fatti di ieri.

Sabato 5 novembre a Magliana è avvenuta l'ennesima provocazione da parte di fascisti e razzisti stavolta targata Forza Nuova. La Roma antirazzista e antifascista, quella che tutti i giorni vive quei quartieri le sue contraddizioni e le sue difficoltà, non poteva tollerare tutto questo. E mentre Forza Nuova veniva lasciata manifestare i suoi contenuti di odio e intolleranza, La risposta della Questura di Roma è stata ancora una volta la repressione con lacrimogeni cariche e fermi di decine di compagne e compagni e il tentativo di chiudere il centro sociale macchia rossa sede del comitato antisfratto. Non possiamo permetterlo! Richiediamo la liberazione di tutti i fermati.

L'antifascismo non si arresta
Liberi tutti 
Liberi subito

Bookmark and Share