Tratto da adlcobas.it

Rimini - Quando i tecnici difendono i solvibili

3 / 2 / 2015

Questa mattina una ventina di persone, tra famiglie e singoli seguiti dall'Associazione Diritti Lavoratori (ADL Cobas) e altre realtà territoriali con cui si sta portando avanti un percorso sui temi del diritto all'abitare e povertà, ha dato vita ad un presidio dalle 10.30 all'esterno degli uffici dell'Assessorato ai Servizi Sociali di Rimini.

Una delegazione di questi ha incontrato alle 11.00 il Dirigente dei servizi educativi e di protezione sociale Dott. Mazzotti e i Responsabili dell'Ufficio Casa e dello Sportello sociale.

Un incontro che ha discusso sia della specifica condizione del nucleo famigliare monogenitoriale di Yama, donna senegalese con 3 figli a carico di cui una minore, sottosfratto, ma anche della più generale situazione di emergenza abitativa che caratterizza il territorio riminese e che interessa sempre più cittadini e cittadine. I delegati di ADL Cobas, in merito a quest'ultimo punto hanno avanzato diverse proposte, dalla requisizione/recupero del patrimonio immobiliare sfitto al fine di aumentare l'offerta del parco locativo pubblico all'abbassamento dei tetti di reddito ISE richiesti per il rinnovo delle convenzioni negli alloggi ERP, all'attivazione di contributi per gli inquilini morosi incolpevoli.

Al termine dell'incontro il commento della Responsabile Sportello Casa – ADL Cobas, Federica Montebelli: “Nel colloquio di questa mattina si sono delineate alcune soluzioni rispetto al caso di Yama e dei suoi figli, che proveremo a percorrere nei prossimi giorni. Insoddisfacenti invece le risposte che il Comune di Rimini, per mezzo del Dott. Mazzotti, ci ha dato in merito al contesto più generale: finché si continuerà a difendere strenuamente le misure, i regolamenti e le discipline figlie delle politiche abitative che hanno governato questo territorio negli ultimi decenni e responsabili della gravissima ed attuale situazione di emergenza abitativa, le persone continueranno a permanere per decenni nelle graduatorie Erp e resteranno private di una soluzione abitativa che permetta loro di trovare una tranquillità e serenità. Per questi motivi riteniamo indispensabile proseguire il lavoro di inchiesta e vertenza prodotto in questi mesi mediante i nostri Sportelli e le iniziative pubbliche”.

Associazione Diritti Lavoratori e Lavoratrici (ADL Cobas) – Casa Madiba Network

Bookmark and Share

Rimini - 3 Febbraio 2015 Presidio e incontro sul tema diritto alla casa tra ADL Cobas e Dirigenti Comune