Rimini - 11.10.2013 Dalle scuole alla città

Report corteo studentesco nella giornata di mobilitazione nazionale degli studenti medi

11 / 10 / 2013

Oggi, come in tante altre città d'Italia, anche a Rimini quasi duecento studenti sono scesi in piazza per rivendicare i propri diritti ed una scuola all’altezza delle proprie aspettative, tanto culturalmente quanto strutturalmente.

Tanti gli argomenti affrontati e sviluppati durante i numerosi interventi fatti dal sound, che hanno descritto i disagi che quotidianamente studenti e studentesse vivono all'interno di scuole ridotte a veri e propri cumuli di macerie, dove si preferisce investire denaro nell'acquisto di registri elettronici e telecamere di videosorveglianza a discapito dei materiali didattici per i laboratori e dei lavori di ristrutturazione edilizia.

Durante la mattinata, sono stati più di uno i nodi veicolari strategici bloccati, mediante la costruzione di flash-mob, come quello realizzato davanti alla stazione F.S. contro i test Invalsi, in cui gli studenti hanno messo davanti ai loro volti un foglio con una grande X per esprimere come gli studenti non siano dei numeri, delle crocette su delle impersonali e antidemocratiche prove a quiz!

Ampio spazio anche al tema del welfare studentesco, in cui si sono denunciati gli aumenti degli abbonamenti e dei biglietti dell'autobus a fronte di servizi scadenti e la continua sostituzione dei testi scolastici, spese che gravano non poco sui bilanci delle famiglie.

Nuovo blocco della circolazione quando il corteo entra a Borgo Marina, quartiere meticcio, in cui si ricordano i fratelli e le sorelle migranti che hanno perso la vita nella strage all'Isola dei Conigli: “apertura di un canale umanitario subito; contro l'Europa dei confini e delle barriere, siamo tutti cittadini”.

Gli studenti decidono poi di non fermarsi in piazza Cavour, come prevedevano le prescrizioni date dalla Questura, ma di proseguire verso piazza Tre Martiri, rompendo le zone rosse e rimandando ai mittenti le intimidazioni attivate tramite l'invio di alcune denunce a tre studenti del Collettivo.

In piazza Tre Martiri si conclude il corteo con cori e interventi sull’antifascismo, per sottolineare ancora una volta come fascismo, razzismo, sessismo, xenofobia e qualunque altra discriminazione non sono e non saranno mai accettati all’interno delle scuole e con un'assemblea partecipata in cui sono stati rilanciati i prossimi appuntamenti:

- domenica 13 ottobre dalle ore 15.00 @ piazza Cavour >> Art against Slavery – Laboratorio di writing a cura di Burla2222
Evento Facebook

- mercoledì 16 ottobre ore 15.30 >> assemblea pubblica presso la Casa della Pace (via Tonini, 5/A).

Bookmark and Share

#11O Playlist video interventi corteo

loading_player ...

Rimini #11 O Dalle scuole alla città