Il gruppo punk russo Pussy riot ha lanciato un nuovo video che critica l’economia russa basata sul petrolio.

Pussy Riot versus Putin

nuova canzone nuovo video

26 / 7 / 2013

Il gruppo punk russo Pussy riot ha lanciato un nuovo video che critica l’economia russa basata sul petrolio. Il brano si chiama Like a red prison e nel video le Pussy Riot paragonano Vladimir Putin a un ayatollah iraniano. Il gruppo prende di mira anche Igor Sechin, imprenditore ed ex agente segreto russo, amministratore delegato del colosso energetico Rosneft. Nel video le ragazze gettano petrolio sul ritratto di Sechin.

Tre Pussy riot sono state condannate a due anni di prigione per aver suonato nella cattedrale ortodossa di Mosca una canzone punk, in un gesto ritenuto blasfemo dalle autorità civili e religiose del paese. Due di loro sono ancora in carcere.

Bookmark and Share

Pussy versus Putin