6 maggio - 14 maggio 2011

Parma - La moltitudine e i numeri primi.

Sette giorni di occupazione di Art Lab!

15 / 5 / 2011

Il primo compleanno di un posto va onorato e festeggiato degnamente. Stamattina mi sono alzata presto ( o meglio presto rispetto al solito) e ho cercato di annusare tutti gli odori del nostro appartamento: un misto inscindibile di candeggina e polvere. Ho provato a catturare immagini, istantanee, di quelle stanze così vive, consapevole del rapido mutamento dell’Art-Lab.

Solo sette giorni fa entravamo di soppiatto nel palazzo di Borgo Tanzi, da un portone lasciato aperto con in spalla una custodia di chitarra porta-tutto, carica di adrenalina e curiosità. Salendo le scale, tra cumoli di merda e cadaveri di piccione e odori nauseabondi, srotolavamo il primo striscione dell’Art: Autogestisci, Rivendica, Trasforma.

Da quel momento la mia vita è cambiata, io sono cambiata. Ho visto la speranza e il desiderio tramutarsi in realtà e ho liberato tutta la mia voglia di riiniziare a crederci. Pensare che solo sette giorni fa dormivamo su letti di fortuna, fatti di cartoni e scudi di plexiglas, ed oggi adagiamo i nostri corpi pesanti su comodi materassi, dono della generosità del vicinato, mi emoziona. Estranei che, piano piano, sono diventati una seconda famiglia: una famiglia che coglie i nostri sorrisi e le nostre occhiaie, una famiglia che ti sostiene quando vorresti solo lasciarti andare nel vuoto, tanto ti fa male la schiena. Una famiglia che si interessa, partecipa e rinizia a sognare, a respirare, anche grazie a te.

Ho camminato nelle stanze, sulle scale e ho salutato un'altra giornata di sole battente, intercettando per attimi i volti dei miei compagni e delle mie compagne, ho visto in loro lo stesso entusiasmo che sento in me e poi mi sono persa su una sdraio annebbiata dal fumo della prima sigaretta mattutina, ancora incerta sulla dimensione in cui mi trovavo.

Il cortile respirava, cantava, rifletteva una luce abbagliante e io mi cullavo nel delirio di troppa birra e troppe canne. Gli occhi si chiudono; adesso assaggio l’aria, ne assaporo ogni nota: sento il profumo di colluttorio del compagno che affianco a me ritaglia articoli sul’ EZLN da giornali ammuffiti e umidicci, sento l’odore delle troppe sigarette, della carbonella, della carnazza, accenni di sudore, il sapore del detersivo e quello delle case abbandonate… continuo ad assaggiare come un avido sommelier che degusta franciacorta.

Gusto note di lavanda ( o è solo una mia illusione), sento il sapore del caffè bollente del bar all’ angolo e di quello gelato di Franco, sento l’odore della mia compagna di letto, l’odore di chi mi aspetta lontano e avidamente continua a mangiare ormai satura e pronta allo sbocco. Mi alzo e inizio a cantare una canzone che ora come ora potrebbe essere la mia preferita…non è importante adesso… sono libera. Libera di sentirmi tanto folle, iperattiva e libera di tentare. Sensazione impagabile. Non permetterò a nessuno di togliermi questo brivido lungo la schiena. Sento l’uomo che amo e scopro che anche lui oggi è un pò più libero e allora decido di brindare.

A chi non smette mai di lottare. A chi non dorme mai. A chi mangia per giorni solo mortazza e costine.

A tutti e tutte loro grazie

---

ART LAB

Autogestisci Rivendica Trasforma

Borgo Tanzi 26

Assemblea tutti i giorni ore 18

Links Utili:

Bookmark and Share

Parma - L'occupazione di Art Lab

Parma - Art Lab - Autogestisci Rivendica Trasforma

Parma - Art Lab - Reportage fotografico di Federico Picciani