Padova - Mi sa che anche oggi non si sfratta nessuno..

Nuova e massiccia mobilitazione di Asc Padova per il diritto alla casa

3 / 7 / 2014

Una grandissima mattinata di mobilitazione quella lanciata dall' Assemblea sociale per la casa di Padova e a cui hanno risposto in tantissimi: sin dalle prime ore del mattino quasi un centinaio di attivisti per il diritto alla casa e famiglie che compongono la rete Padovana, hanno riempito via Segantini e il cortile della casa della famiglia che oggi doveva essere sfrattata: un altro nucleo familiare, con la presenza di due minori, strozzati dalla crisi e dall' impossibilità di far fronte all' affitto e alla mancanza di lavoro.
Una situazione come purtroppo tante, quelle che abbiamo visto e incontrato in questo anno, e quelle altre centinaia sparse in tutto il territorio del Padovano, di cui non si sa niente.
Una famiglia coraggiosa quella di Seedorf pero', una famiglia che ha deciso di far valere il suo diritto ad una abitazione, e che insieme a tanti altri sta dimostrando che mettendosi insieme e costruendo una grande battaglia pubblica e alla luce del sole per impedire gli sfratti, occupare case vuote e lasciate al degrado, andando a chiedere spiegazioni a chi di loro vorrebbe far finta di niente, Comuni, Prefetture, Uffici Casa, Governi, può rappresentare una speranza, di vita e di cambiamento.

Così ha lavorato Asc Padova in questo anno e così intende andare avanti, finchè tutti i coperchi dell' ipocrisia non saranno scoperchiati, di chi ancora dice che non vi sono soluzioni, non vi sono fondi, mentre continua a costruire grandi opere, prende tangenti e corrompe, andando a parlare di legalità quando una famiglia che non ha più altre possibilità occupa giustamente una casa e chiede il diritto alla residenza e l' allaccio delle utenze.

Ma l' iniziativa di oggi aveva anche un significato particolare nella nostra città: era il primo sfratto dell' era Bitonci; il sindaco leghista, il sindaco che insieme al' assessore Saia fa proclami che hanno dell' incredibile e che vogliono far passare per l' ennesima volta una storia sentita e risentita che nulla a che vedere con la realtà della nostra città e del paese intero: accostare criminalità e degrado a povertà e miseria.

Questo è il concetto che si vorrebbe far passare, come sempre a danno degli ultimi, di chi ha perso il lavoro, del senza casa, dello sfrattato, dell' occupante.

Ma noi, che abbiamo ben altra idea di città e che veramente sappiamo dove si celano criminalità e degrado, non staremo a guardare in silenzio, e da oggi ripartiremo più forti di prima.

Intanto l' appuntamento che lanciamo pubblicamente è per Venerdì 11 Luglio, per difendere tutti insieme, l' occupazione abitativa di Prince. Appuntamento in via delle Melette 3, a Padova.

Stay tuned and join the struggle!

#bitoncistaisereno

Asc Padova

Bookmark and Share

Intervista a Zeno, Asc Padova