Roma,22 Aprile 2010

Obbligo di dimora per gli studenti di Tor Vergata.

da Collettivo Lavori in Corso

22 / 4 / 2010

Questa mattina, il Gip del Tribunale di Roma Adele Rando, a seguito delle richieste dei pm Pietro Saviotti e Luca Tescaroli, ha emesso otto provvedimenti cautelari a carico di quattro esponenti di Blocco Studentesco e 4 dei collettivi universitari, perché ritenuti responsabili degli scontri avvenuti il 15 marzo scorso all'università di Tor Vergata.

Tre ragazzi appartenenti al Blocco Studentesco devono  inoltre rispondere anche della rissa aggravata avvenuta la notte del 16 aprile, nei pressi della III Università, in zona Ostiense.

I provvedimenti dispongono l'obbligo di dimora e di comunicazione del luogo di reperibilità alla Polizia Giudiziaria, nonché il divieto di allontanarsi dalla propria abitazione dalle ore 19.00 alle ore 06.00 del giorno successivo.

Di seguito il comunicato del Collettivo Lavori in Corso :

Obbligo di dimora per gli studenti di Tor Vergata

Stamattina alle 7 la Digos di Roma è piombata a casa di 3 studenti tra gli aggrediti dei fatti di Tor Vergata del 15 e 16 marzo.

Nonostante le dinamiche dell'aggressione fascista siano evidenti, tanto da essere state riconosciute e ratificate dallo stesso Senato Accademico dell'Ateneo, nonché dai Ricercatori e dai Docenti e dagli studenti, il GIP ha ugualmente imposto sia agli aggressori che agli aggrediti le medesime restrizioni cautelari.

Infatti questa mattina 3 fra gli studenti aggrediti, si sono visti consegnare dalla Digos romana la notifica dell'obbligo di dimora.

Questa forma restrittiva, che vede ugualmente colpiti aggressori e aggrediti, trova la nostra più profonda indignazione, ritenendo inammissibile che venga perpetrata la solita dinamica fra opposti estremismi, ritenendo le due parti ugualmente colpevoli e ugualmente perseguibili.
Esprimiamo solidarietà a tutti gli antifascisti e le antifasciste di Roma colpiti della stretta repressiva che in questi ultimi tempi si fa sempre più forte.
Seguirà comunicato ufficiale e maggiori informazioni.

Collettivo Lavori in Corso.

Bookmark and Share